Andreste mai via di casa con un lavoro da promoter (a provvigioni) a circa 23 anni,per stare per conto vostro?

Conosco una persona che è andata a convivere con un ragazzo di circa 27-28 anni , che fa lo stesso lavoro di lei (promoter per una famosa azienda). Vivono di provvigioni (30 euro a contratt)e un fisso (d circa 400 euro) a testa+ rimborsi spese.

Voi avreste mai fatto una scelta del genere??

Secondo voi andare a convivere a 23 anni è fattibile? Secondo voi ci si vive con questi lavori da promoter, venditori di sky, kirbi, folletto oppure come commessi da MC Donalds part--time o da Zara??

Rispondetemi alle domande. Grazie in anticipooooo :)

2 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Secondo me, se intorno ai 25 anni non senti ancora il bisogno di farti una vita tua e di vivere per conto tuo con i soldi tuoi, sei un immaturo!!

    Capisco ciò che dice il ragazzo del post sopra, ma per me è assurdo che ci siano persone intorno ai 30 anni che vivono ancora con i genitori e che si sentono realizzate!!!

    Sarà che io dai miei genitori sono sempre stata educata all'indipendenza, però, anche se non fosse così, penso che cmq mi sentirei triste senza uno spazio completamente mio e delle regole completamente mie.

    Io ho 23 anni come la ragazza che conosci tu e vivo sola da 4 anni. Purtroppo peso ancora sui miei genitori, perché sono loro a pagarmi vitto e alloggio. All'inizio, quando avevo 19 anni trasferirmi e vivere con delle altre ragazze (che non conoscevo) è stata una necessità per seguire i corsi universitari...invece adesso è una cosa della quale non potrei mai fare a meno, tanto che il prossimo anno vivrò da sola (o al massimo con una mia amica) e ho trovato un lavoro per potermi pagare l'affitto e aiutare i miei genitori con le spese.

    Io ora sto con delle ragazze, ma se vivessi con il mio ragazzo sarei mille volte più felice!!!

    Se quella ragazza a 23 anni si sente pronta per far evolvere così la sua relazione e se guadagna abbastanza (insieme al suo ragazzo) per pagare l'affitto, non vedo cosa ci sia di male! Anzi!!

    Basta con questi mammoni che a 30 anni ancora non si lavano le mutande da soli!!! Che tristezza!!!

    Sicuramente questi due ragazzi sarebbero molto più tranquilli con un lavoro più sicuro e meglio retribuito, ma se a loro basta quello che guadagnano secondo me è giustissimo e sano che inizino a costruirsi una vita per conto proprio!!!

    Per ?: All'inizio hai parlato di uomini che pur vivendo da soli sono, almeno a mio parere, indegni di rispetto. Ti do assolutamente ragione. Di certo vivere da soli non implica per forza che una persona sia rispettabile, anzi. A mio parere sono due cose completamente diverse...

    Io non ho parlato dei 30enni che vivono dai genitori come di persone che non meritano rispetto...ho solo detto che secondo me sono un po' tristi...forse perché tutti quelli che ho conosciuto mi hanno dato questa sensazione!!! Li considero un po' immaturi e decisamente non completamente realizzati, ma questo non significa che non siano brave persone!! Sono due cose che non hanno assolutamente alcun legame tra loro!!!

    Poi hai parlato di consumi...gas, metano...vuoi inserire anche il cibo??? Perché a casa dei genitori non si mangia?? Non ci si lava?? Non si accendono le luci??

    Di sicuro i consumi sono di più, riscaldare una casa in inverno è certamente diverso dal riscaldarne due...ma per tante cose le differenze non sono poi molte.

    Per lo più, però, tu parli del rispetto nei confronti della natura!!! Non ho nulla da dirti contro nemmeno riguardo ciò, ma non mi sembra che sia questo l'argomento del post!!! Chi ha posto la domanda ha parlato del fatto che questa ragazza ha 23 anni, che va a convivere con il fidanzato di 28, che entrambi fanno i promoter e che guadagnano sui 400/500 € al mese...quindi ci ha chiesto cosa ne pensavamo e se secondo noi è il caso di farlo basandosi su questi elementi!!

    Non ha parlato delle ripercussioni che questa scelta può avere sull'ambiente e su cosa pensiamo noi a questo riguardo...

    Io rispondendo mi sono basata sugli elementi forniti. Se mi avesse detto che la ragazza vuole trasferirsi con un ragazzo di 28 anni, con cui sta da un mese e che è tossicodipendente (per farti un esempio), o se mi avesse detto che hanno trovato casa in un quartiere malfamato in periferia di una grande città pur di star soli...la mia risposta sarebbe stata certamente diversa!!!

    Sicuramente i tuoi sono argomenti validi, ma leggermente fuori luogo in un post del genere. Sicuramente io, come molti altri credo, non eviterò mai di andare a vivere da sola perché ciò potrebbe, alla lunga, danneggiare l'ambiente. Non sarò solo io dicendo "no" a cambiare la situazione...e sinceramente non conosco nessuno che lo farebbe.

    Le tue idee sono essenzialmente corrette, ma dovrebbero partire dall'alto, non da una semplice coppia che vuole convivere.

    Tutto ciò è un mio semplice parere, ovviamente.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Che cos'è un promoter? Robocop?

    E' un termine inventato per fregare la gente.

    E' un rappresentante, uno che passa a vendere due cose che ha, possono essere profumi, aspirapolvere o formaggi in latteria.

    Io ho ragazzi che propongono dvd alle edicole... non li chiamo promoter: vestiti da beccamorto...

    Lo chiami promoter se vuoi farlo sentire un figo, lo prendi in giro, lo paghi poco o non lo paghi.

    Il marocchino che ti suona il campanello e propone spugne e calzini è un promoter.

    Tanto felice non lo vedo mai.

    Vanno tutti via di casa a 18 anni per andare dove? Dove sono tutti questi alloggi disponibili? Continuiamo a distruggere migliaia di ettari di terreno agricolo?

    I bamboccioni sono una trovata per far spendere soldi: hai più consumi di energia, più affitti, più tasse, più spese di spostamento.

    Uno può fare quello che vuole, io non mi caricherei di spese inutili, soprattutto con un lavoro non ben retribuito.

    E' meglio un mondo di bamboccioni con tanto verde che una distesa infinita di squallide periferie, dove si aggirano promter vestiti da Mortymer che mangiano caffè latte la sera per pagare l' affitto.

    Berlusconi parla di costruzioni bloccate... dove vuole costruire? Facciamo un condominio popolare nel giardino di casa sua.

    Facciamone una serie nei giardini vaticani.

    I giovani devono apprendere completamente l' importanza della natura, del verde, non di vivere da soli.

    E' un grande inganno per fregare i soldi, per far crescere i consumi.

    Il promoter.... vende il folletto... la pierre del centro sportivo.... sarebbe quella che arriva in palestra ad urlarti che devi pagare il mese, quella che spegne luce e caldaia prima di chiudere.

    Mi ha scritto una ragazza che voleva lavorare con noi: mi invia il curriculum: responsabile corsia pasta e biscotti in un discount... ma come caz*o fai a non ridere?

    quello di pannolini e carta igienica che cosa scrive?

    Io lavoro nel porno, ma non dico di essere il primario di ginecologia delle Molinette, so stare al mio posto.

    @lunastorta, anch' io capisco il senso della tua risposta, ma un uomo non si valuta dal fatto di lavarsi le mutande. Tanti padri di famiglia frequentano prostitute e trasn, tradiscono la moglie in ufficio, sono incompetenti sul lavoro, provocano disastri anche di grosse proporzioni.

    vivere in famiglia non vuol dire farsi servire, cuol dire collaborare.

    Continuano ad arrivare stranieri, si parla di andarsene di casa a 18 anni... per abitare dove?

    Continuiamo a costruire? Non ci sono quasi più boschi, distruggiamo anche tutto il terreno agricolo?

    Distruggiamo le risaie per fare quartieri di uomini indipendenti che si lavano le mutande da soli?

    La realtà è lo spazio, è l' energia che non è infinita. Più case più consumi, l' energia dov'è? Il metano, dove lo prendi?

    Viver significa avere la responsabilità di un pianeta abitato da miliardi di persone, dagli animali ancora prima... non lo distruggi perchè il "promoter" si rammenda le calze da solo e si sente un figo.

    Allora arriva Briatore, ad es, compra il condominio dei promoter e li sbatte fuori tutti, perchè lui ha fatto più strada e se lo merita.. lo paga e fa come crede. E' giusto questo?

    Perchè il promoter può distruggere l' ambiente degli animali e Briatore non può buttare sotto un ponte lui?

    Se uno non impara a rispettare la vita, l' ambiente, il mondo, sarà sempre un miserabile, che si lavi le mutande da solo o no.

    In questi discorsi ,io rispetto per l' ambiente non ne vedo. Poi, molti sono gli stessi che criticano i governi che non finanziano la ricerca ul cancro: eliminiamo parte delle cause del cancro, riduciamo consumi energertici ed inquinamento.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.