Anonimo
Anonimo ha chiesto in SportNuoto e tuffi · 7 anni fa

Differenza tra brevetto di "assistente bagnanti" e brevetto di "bagnino di salvataggio"?

Sono due brevetti differenti. Vorrei sapere quale dei due è più semplice e il costo per seguire l'uno o l'altro corso.

Grazie!

4 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    allora semplice il primo viene rilasciato dalla federazione italiana nuoto ed è riconosciuto a livello nazionale nella grande maggioranza delle piscine e livello internazionale dell' ILS il costo è di circa 350 euro dipende da anno ad anno ed è necessario un rinnovo triennale.

    il secondo è della società nazionale di salvamento è meno diffuso ma comunque valido in italia. il costo è all'incirca uguale.

    ecco programma ed esami: Prove d'esame (Società Nazionale di Salvamento)

    Salvataggio a nuoto

    25 m rana subacquea (se la prova viene eseguita in piscina)

    sommozzare e ripescare un oggetto di 3-4 kg su fondali di 4-5 metri (se la prova viene effettuata in mare)

    25 m stile libero

    25 m rana

    25 m dorso

    25 m trasporto a "over", con le gambe che esercitano una "sforbiciata", un braccio che fa da timone e aiuta a guadagnare acqua e l'altro braccio che sostiene un immaginario pericolante

    25 m stile libero testa alta, immersione e recupero pericolante sul fondo

    25 m trasporto pericolante e recupero sul bordo vasca

    Le prove devono essere sostenute in un tempo massimo di 8 minuti,(le prove per il superamento del corso di assistente bagnino per la piscina hanno invece il tempo massimo di 5 minuti.) Primo soccorso e parte medica: avere nozioni di primo soccorso valutate da un medico (ufficiale sanitario) abilitazione a B.L.S. (basic life support secondo gli standard riconosciuti I.R.C.) e P.B.L.S.pediatric basic life support). Esistono anche dei corsi per la somministrazione dell'ossigeno e all'uso del defibrillatore semiautomatico, ciascuno di essi con esami a parte.

    Salvataggio sul pattìno

    Spingere il pattìno in acqua e saltarci sopra, iniziando la voga verso il gavitello

    Voga a banco o scia verso il gavitello posto a 70-100 metri dalla banchina

    Inforcare la boa (avvicinamento da prua), agguantare e dimostrare di saper sollevare il gavitello

    Voga a banco o scia di ritorno verso la banchina.

    Rientrare posizionando i remi del pattino sugli scafi di prua e attraccare eseguendo un nodo a gassa d'amante all'estremità della cima legata alla barca e un nodo parlato attorno ad un palo dall'estremità opposta.

    Durante la prova l'ufficiale della Capitaneria di porto può chiedere di effettuare una manovra a 360°. Nel caso il concorrente non sia in grado di eseguire le indicazioni sopra citate, la Capitaneria di porto si riserva il diritto di interrogare il concorrente su nodi marinareschi, meteorologia di base ed altri elementi di teoria.

    Prove d'esame (Federazione Italiana Nuoto, Sezione Salvamento)

    La prova pratica segue le linee guida dell'ILS - International Life saving, per questo il brevetto rilasciato dalla FIN è riconosciuto in tutti gli stati facenti parte dell'ILS.

    Esame teorico pratico

    L'esame teorico pratico consiste in un colloquio con la commissione d'esame, oppure con la compilazione di un test a quiz. In seguito si procede all'esecuzione completa della sequenza BLS (Basic Life Support, rianimazione cardio-polmonare) con simulatore (manichino)

    Salvataggio a nuoto

    100 m stile libero -> tempo max. 1'40

    25+25 m tuffo, avvicinamento nuotando con la testa fuori 25 m, immersione e recupero pericolante, trasporto 25 m -> tempo max. 1'25

    25 m prova tecnica: dimostrare di saper effettuare tre prese di trasporto in successione (decise dalla commissione) e recupero dal piano vasca

    25 m rana subacquea, senza "rompere" mai la superficie dell'acqua, recuperando tre oggetti sl fondo.

    Il superamento di questa prova, unitamente alle prove teoriche e di simulazione del protocollo BLS sul manichino, consentono il conseguimento del brevetto P (Pool - piscina).

    Prova in mare

    La prova in mare è effettuata con l'ausilio dell'attrezzatura idonea, come il moscone di salvataggio o pattino. Consite nel simulare un intervento raggiungendo un gavitello a circa 150 m da riva ed effettuare una doppia rotazione con l'imbarcazione intorno allo stesso senza mai toccarlo, ritorno e riposizionamento corretto del moscone (pattino).

    Il superamento di questa prova, permette di estendere la validità del brevetto P, valido solo per le piscine, anche alle acque interne e alle spiagge marine. Il brevetto è denominato MIP (Mare, acque Interne, Piscina).

    Fonte/i: istruttore di nuoto
    • Dove ha raccolto le informazioni riguardo la differenziazione di importanza tra Fin Salvamento o SOCIETA NAZIONALE GENOVA?

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • ma qual'è la VERA differenza??? se volessi andare all'estero, cosa è meglio prendere il brevetto di "assistente bagnanti" o "bagnino di salvataggio"? o come l'impressione che il secondo sia un grado inferiore di importanza

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Forse tu intendevi differenza fra assistente bagnanti acque interne e "bagnino" acque esterne?

    Cioè che il primo lavora in luoghi come le piscine, il secondo in mare aperto.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Direi al contrario che sono la stessa cosa l'unico brevetto che puoi prendere è quello di assistente bagnanti ti consiglio di consultare a tale proposito il sito istituzionale della FINS

    http://www.federnuoto.it/salvamento.asp

    Qualcuno in gergo lo chiama brevetto di bagnino, o bagnino di salvataggio ma sono espressioni comuni per la federazione italiana nuoto il corso per abilitarti al salvamento è quello di "assistente bagnanti".

    Fonte/i: esperienza personale
    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.