Giudizi personali tennis?

Salve, ho 12 anni appena compiuti. Faccio tennis da quasi 2 anni. Il dritto è ok, mi procura almeno 2 vincenti a game, il rovescio è abbastanza duro, bimane, cerco di piazzarlo profondo ed alto più di tirar forte. A rete, credi di avere un buon tocco ma non ci posso ancora andare, sono appena 1,70. Non mi stanco mai di correre su una palla corta (ho un padre che gioca solo quelle), amo farne di palle corte, specialmente quando il mio avversario si tira indietro perché si aspetta un vincente magari proprio su una palla lenta. Ma il servizio, ahimè , non lo capisco proprio. Ogni giorno che mi alleno diventa sempre più diverso, a volte cerco di variare l'impugnatura ma rimane sempre vicina a quella "a martello" ( per i più precisi continental). Vorrei sapere, perché un giorno batto come un bimbo di 6 anni e il giorno seguente totalizzo 10 ace in un set. Non si può spiegare con un affaticamento, perché varia troppo velocemente. E poi un ultima cosa, sembra che urlando sul servizio riesca a dare più velocità alla palla. Adesso i due consigli:" se mi capita il giorno NO non metto una prima ( e non riesco a direzionarla) e la seconda piatta è facilmente attaccabile, ma il servizio in slice e in kick non lo riesco proprio ad imparare, consigli su come farlo?? E poi succede anche a voi di variare la battuta (velocità, potenza) praticamente da un giorno all'altro??' Quà ti voglio Gordon Ramsay!

2 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    La continental è l'impugnatura più indicata per il servizio. Al limite, puoi provare la eastern di rovescio per il kick che, sebbene non indispensabile, aiuta; tuttavia, nel lungo periodo a me tende a dare qualche leggero fastidio al gomito (epitrocleite).

    Sei molto alto per avere 12 anni, altro che “solo” 1,70. È vero che a rete non hai la copertura di Isner, ma non devi assolutamente rinunciare a raccogliere qualche facile volée quando vedi l'avversario in difficoltà che va a recuperare in back con le spalle alla rete.

    Tornando al servizio, sicuramente non hai ancora sviluppato la muscolatura adeguata per padroneggiare il colpo. Tuttavia, se i risultati sono così altalenanti, probabilmente devi ancora risolvere dei problemi legati alla tecnica.

    Io ho più o meno imparato il kick grazie ai video di FuzzyYellowBalls. Al link il primo dei 5 step paragonato al piatto; ovviamente trovi gli altri step a lato:

    https://www.youtube.com/watch?v=TkAj6MmwxHw

    Youtube thumbnail

    Per quanto bizzarro possa sembrare, eliminando l'uso di gambe e corpo, questo esercizio è incredibilmente efficace per apprendere come dare il giusto effetto kick alla palla:

    https://www.youtube.com/watch?v=X3tqxsS42Dg

    Youtube thumbnail

    Fare 10 ace a set può non bastare se ogni volta che servi la seconda perdi il punto.

  • 8 anni fa

    Andresti bene con me allora, piace molto anche a me smorzare :D.

    Ti dico, io che è un annetto ed un po' che gioco, ho riscontrato i soliti iniziali problemi col servizio (anche se pensavo peggio), ma ho trovato un buon binario (che mi fa deragliare ogni volta che cambio superficie, caZspita, perlomeno, se servo al primo game su una superficie su cui non gioco da tempo, 8 su 10 perdo il primo game :D) da seguire per riuscire a tener dentro il servizio, almeno alla seconda: il braccio di lancio.

    Deve essere una sorta di "riferimento" in tutto e per tutto, dal momento che lanci ti serve per bilanciarti e mantenerti coordinato e nel contempo "portarti" a caricare sulle gambe il peso che conferirai alla palla (evita lo sbracciamento puro). Il passaggio braccio-palla e braccio-racchetta deve essere rapido e fluido (se sei macchinoso e lento, la palla non rimane dentro), l'impatto deve avvenire nel punto più alto (quando la pallina si "ferma" quel mezzo secondo a mezz'aria) e devi spingere molto col "corpo", dunque carica su quelle gambe e scarica il tuo peso sulla palla. E' un po' come quando lanci un sasso: per lanciarlo più lontano tu non ci dai di puro braccio, ma caricherai sulle gambe fruttando il peso del tuo corpo (in aggiunta alla sbracciata).

    Movimento fluido, anche lento, ma fluido e compatto in un unica "proiezione". Se batti "a scatti" la palla esce.

    Per il kick il maestro mi ha consigliato di mantenere il gomito del braccio racchetta vicinissimo al corpo, quasi devo toccarmi il tronco praticamente (ciò comporterà un'apertura "a mezzaluna", aiutandoti nella coordinazione e nel movimento), polso leggermente piegato, piatto racchetta inclinato a 45 gradi circa e piatto che terminerà davanti a te con racchetta orizzontale, NON al bacino. Ovviamente lancio che va fatto ad ore 12.

    Devi usare il "corpo" in sintesi, io ho notato che le seconde mi stanno dentro se, soprattutto quando ormai son morto :D, spadello anche dritto per dritto MA, alla sbracciata (seguendo ciò che ho scritto sopra) ci aggiungo la spinta del corpo.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.