Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scuola ed educazioneCompiti · 7 anni fa

Poesia di montale collegabile al fascismo?

Sareste in grado di trovarmi una poesia di Montale collegabile bene con il Fascismo? E spiegatemi il perché per favoree!! Graziee!!

3 risposte

Classificazione
  • Paolo
    Lv 7
    7 anni fa
    Migliore risposta

    Nel 1925 Montale, coerentemente con la propria posizione liberale, firma il manifesto degli intelletuali antifascisti. Nel 1927 si trasferisce a Firenze che appare al poeta una sorta di patria della cultura, intese come valore supremo da difendere contro l'ignoranza e la rozzezza del regime fascista. Proprio perchè non iscritto al partito fascista viene licenziato dal suo impiego di direttore del prestigioso Gabinetto Vieusseux. Dalla nuova condizione dell'intellettuale e dalla nuova situazione storica (l'avvento del fascismo) deriva un' ideologia che oppone alla massificazione dilagante i valori elitari della cultura e dell'arte, unico risarcimento possibile per gli intellettuali

    "Un artista porta in sé un particolare atteggiamento di fronte alla vita e una certa attitudine formale a interpretarla secondo schemi che gli sono propri. Gli avvenimenti esterni sono sempre più o meno preveduti dall'artista; ma nel momento in cui essi avvengono cessano, in qualche modo, di essere interessanti. Fra questi avvenimenti che oso dire esterni c'è stato, e preminente per un italiano della mia generazione, il fascismo. Io non sono stato fascista e non ho cantato il fascismo; ma neppure ho scritto poesie in cui quella pseudo rivoluzione apparisse osteggiata. Certo, sarebbe stato impossibile pubblicare poesie ostili al regime d'allora; ma il fatto è che non mi sarei provato neppure se il rischio fosse stato minimo o nullo. Avendo sentito fin dalla nascita una totale disarmonia con la realtà che mi circondava, la materia della mia ispirazione non poteva essere che quella disarmonia. Non nego che il fascismo dapprima, la guerra più tardi, e la guerra civile più tardi ancora mi abbiano reso infelice; tuttavia esistevano in me ragioni di infelicità che andavano molto al di là e al di fuori di questi fenomeni." Così parla M. in un intervista rilasciata nel 1951

    .Ne "Il sogno del prigioniero" fra orrore e sarcasmo Montale interpreta la storia come una condizione carceraria

    Il sogno del prigioniero

    Alba e notti qui variano per pochi segni

    Il zigzag degli storni sui battifredi

    nei giorni di battaglia, mie sole ali,

    un filo d'aria polare,

    l'occhio del capoguardia dallo spioncino,

    crac di noci schiacciate, un oleoso

    sfrigolìo dalle cave, girarrosti

    veri o supposti - ma la paglia è oro,

    la lanterna vinosa è focolare

    se dormendo mi credo ai tuoi piedi.

    La purga dura da sempre, senza un perché.

    Dicono che chi abiura e sottoscrive

    può salvarsi da questo sterminio d'oche;

    che chi obiurga se stesso, ma tradisce

    e vende carne d'altri, afferra il mestolo

    anzi che terminare nel pâté

    destinato agl'Iddii pestilenziali.

    Tardo di mente, piagato

    dal pungente giaciglio mi sono fuso

    col volo della tarma che la mia suola

    sfarina sull'impiantito,

    coi kimoni cangianti delle luci

    sciorinate all'aurora dei torrioni,

    ho annusato nel vento il bruciaticcio

    dei buccellati dai forni,

    mi son guardato attorno, ho suscitato

    iridi su orizzonti di ragnateli

    e petali sui tralicci delle inferriate,

    mi sono alzato, sono ricaduto

    nel fondo dove il secolo è il minuto -

    e i colpi si ripetono ed i passi,

    e ancora ignoro se sarò al festino

    farcitore o farcito. L'attesa è lunga,

    il mio sogno di te non è finito.

    (Eugenio Montale, La bufera)

    Piccolo testamento

    Questo che a notte baluginanella calotta del mio pensiero,traccia madreperlacea di lumacao smeriglio di vetro calpestato,non è lume di chiesa o d'officina che alimenti chierico rosso, o nero.Solo quest'iride posso lasciarti a testimonianza d'una fede che fu combattuta,d'una speranza che bruciò più lentadi un duro ceppo nel focolare.Conservane la cipria nello specchietto quando spenta ogni lampadala sardana si farà infernale e un ombroso Lucifero scenderà su una prora del Tamigi, dell'Hudson, della Senna scuotendo l'ali di bitume semi-mozze dalla fatica, a dirti: è l'ora.Non è un'eredità, un portafortuna che può reggere all'urto dei monsoni sul fil di ragno della memoria,ma una storia non dura che nella cenere persistenza è solo l'estinzione.Giusto era il segno: chi l'ha ravvisato non può fallire nel ritrovarti.Ognuno riconosce i suoi: l'orgoglio non era fuga, l'umiltà non era vile, il tenue bagliore strofinato laggiù non era quello di un fiammifero.

    (Eugenio Montale, La bufera; Parte settima)

    Queste 2. sono le uniche poesie "politiche " di M., che diversamente dal solito dichiara esplicitamente la propria posizione nel contesto storico-sociale

    Ho trovato anche la poesia: "La primavera hitleriana " di Montale...

    Ciao ciao! =D.

    Fonte/i: Y!A.
    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Il sogno del prigioniero

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Di montale? Non me ne vengono in mente...

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.