Qualcuno mi spiega il paganesimo moderno?

Mi spiegate che divinità adorano i neopagani, quali sono i precetti della loro religione e dove è più diffusa?

Aggiornamento:

@MMarans grazie del consiglio :)

7 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    Mmm allora, non replico a @Fairy Blue, @Lionheart e @Nume Tutelare solo per mancanza di spazio (le critiche sarebbero troppo lunghe e dovrei citare argomenti troppo lunghi e non ho nè voglia nè spazio, specie contando che nel caso di due di quegli utenti, non passando a rileggere quanto scrivono, sarebbe inutile mentre per il terzo credo stia scherzando visto che dimostra di avere ottime doti intellettive e mi risulta difficile pensare che non capisca che i miti non vanno presi alla lettera).

    Venendo alla domanda, plaudo come quasi sempre la risposta di Lord Taliesin, tuttavia provo ad aggiungere qualche particolare. Come già ha accennato Lord, ci sono due "scuole di pensiero", di cui una (se non erro) si rifa più alla psicologia analitica e dunque considera gli Dei come archetipi, poi ci sono altri (come il sottoscritto) che crede all'esistenza degli Dei anche all'infuori dell'inconscio collettivo (d'ora in poi parlo solo di questa "scuola di pensiero" perchè dell'altra non so molto).

    Sostanzialmente, il Neopaganesimo, nasce legato alla Religione Romana dotato però di un'impronta fortemente filosofica che inizia a delinearsi con Varrone nel I secolo ma poi viene fornita definitivamente da Plotino nel III secolo, il seguito è tutto una rielaborazione e un approfondimento di Plotino che si consoliderà poi nel IV secolo ad opera di filosofi del calibro dell'Imperatore Flavio Claudio Giuliano e del suo grande amico e filosofo Saturnino Secondo Salustio, la cui opera più celebre "Περὶ θεῶν καὶ κόσμου" (Sugli Dei e sul Mondo) è stato anche considerato dagli studiosi una sorta di "Catechismo" della religione Romana del IV secolo.

    Per le religioni Neopagane, la base è dunque un Politeismo Moderato (ovvero la credenza nell'esistenza di più Dei partecipi di Una sola Sostanza) e si crede che l'Uno (nome ripreso dalla Sostanza di cui parlava Plotino, erroneamente detto Dio) sia all'origine di Tutta la realtà che dunque viene considerata nella sua sacralità in quanto "parte" (se mi è concesso di usare impropriamente questo termine) dell'Unica sostanza Divina. Solitamente, rimane la credenza tipicamente Platonica nella Metempsicosi, come processo attraverso cui l'anima può elevarsi spiritualmente. Solitamente si crede anche nell'esistenza di una sorta di principio di giustizia cosmica (a differenza di quanto credono molti si tratta di un concetto che non deriva dalle religioni orientali ma trova la sua formulazione già in autori Greci, Romani ed Egizi) simile al Karma degli Indiani o al Wyrd dei Germani. Inoltre si credeva (personalmente io sono d'accordo con gli autori antichi sulle prime due fonti di rivelazione e mi sembra che sulle prime due siano d'accordo anche le varie religioni Neopagane moderne ma non sono sicuro) che la rivelazione Divina pervenga all'uomo tramite mythos, logos e nomos.

    Il Mythos (i miti) infatti, celando la rivelazione in forma favolistica, oltre a incitare la mente alla ricerca e impedirne la pigrizia, hanno la qualità di velare e disvelare allo stesso tempo il loro reale significato in maniera da dare ad ognuno solo quel che può capirne, non di meno e non di più, se dessero di più infatti la persona si sentirebbe incapace a comprendere e abbandonerebbe la ricerca, se dessero di meno, le persone che più possono capire, sarebbero spinte all'indolenza e dunque abbandonerebbero la ricerca.

    Il Logos infatti, tramite le idee innate infuse per natura in ogni uomo, ci da già un imput accessibile a tutti permettendo già una conoscenza "di base" degli Dei e della Loro natura, ma le idee innate non sono che ""barlumi" di Logos" (così le definisce Pierre Hadot, noto studioso francese del pensiero Neoplatonico) il vero Logos è la filosofia che ha il compito di partire dalle idee innate o "nozioni comuni" (come invece le chiama Salustio nell'opera nominata sopra) e svilupparle elevandole "a livello scientifico" (per riprendere le parole di Hadot).

    Nomos (le norme) invece sono dette le leggi dei grandi legislatori dell'antichità che erano considerati ispirati dagli Dei, inoltre parte del Nomos, sono anche i riti religiosi che, al pari dei miti, celebrano sotto una coltre di simboli, dei concetti che si riteneva ispirati.

    Ah dimenticavo, si credeva e si crede, che gli Dei siano gli stessi per ogni popolo solo che siano percepiti in maniera differente e con nomi differenti (credenza già per esempio Romana, infatti, per fare un esempio, il Romano Mercurio era identificato con l'Egizio Thot -per questo è rarissimo, se non impossibile, che un pagano parli di "falsi Dei" o che tenti di convertire qualcuno-).

    Personalmente, seguo (o meglio, tento di seguire, seguire dei precetti morali è sempre difficile contando che non siamo esseri perfetti) i precetti del Mos Maiorum.

    Fonte/i: Spero d'esserti stato d'aiuto. @MMarans: grazie per la fiducia, ma io stesso quando non so qualcosa dico alla gente di chiedere a Lord Taliesin, Vento Notturno o Eavyxam che sono Pagani molto più colti di me. :) @Lord Taliesin: MMarans è una persona a modo, non credo l'abbia detto perchè non ti sopporta, bensì perchè si è sbagliato. :)
  • Anonimo
    8 anni fa

    L'unico vero esperto nel campo è FiglioDellaTerra.. ti conviene mandargli una email direttamente o aspettare lui.

    PS: Tielesin è molto settoriale sui Wikkan, se vuoi una cosa più generale FdT è l'ideale. ;-)

  • 8 anni fa

    Nume Tutelare ha ragione, ma non ci vuole molto ad essere più esperti di lui sul paganesimo... :-D

    Quella delle ragazze con le tette grosse non è provata, la Venere del Botticelli non ha poi quei gran meloni... E poi Nume lo sa che io preferisco gli esseri pelosi e con le corna ramificate che si trovavano sulle pitture rupestri preistoriche, e le Dee dal triplice aspetto come erano raffigurate nei templi di Catal Uyuk 8000 anni fa!

    Non tutti i pagani negano che Gesù sia esistito, anzi a ben vedere non lo faccio neppure io: mi limito a negare che ce ne siano le prove, e che in mancanza di queste ultime non è possibile affermare come dato storico certo che sia esistito davvero...

    MMarans ha ragione su Antaeus -Figliodella Terra, se ne intende parecchio. Si sbaglia su di me, ma lo fa perché non mi sopporta (parole sue!)

    Veniamo al paganesimo.

    Se parliamo di Paganesimo moderno dividiamo il discorso in due parti:

    - il neo-paganesimo raggruppa le religioni che SI ISPIRANO al paganesimo antico; sono ad esempio la Wicca, il neodruidismo, l'Asatrù (o Odinismo) e qualche altra

    - le religioni pagane classiche invece si basano sui testi originali dei pagani antichi; esse sono la Via romana agli Dei, il Dodecateismo, il culto egizio e quello sumero-babilonese.

    Le prime religioni (neopagane) soffrono in alcuni casi (neodruidismo e Asatrù) della sparizione delle documentazioni originali (spesso tramandate solo oralmente come tra i Druidi, oppure distrutte ad opera dei cristiani come nel caso dei popoli scandinavi) e quindi cercano di "ricostruire" la liturgia e le tradizioni basandosi sul poco rimasto e sulle trascrizioni tarde (opera spesso di monaci amanuensi e quindi "rivedute e s-corrette") mentre nel caso della Wicca si tratta di un culto sincretico nel quale si raggruppano tutte le Divinità del paganesimo antico sotto due unici archetipi, uno maschile e uno femminile (la Dea e il Dio) partendo dal presupposto che nei vari pantheon antichi gli attributi delle Divinità erano sempre gli stessi, cambiavano nomi e aspetto in base alla cultura del popolo che li adorava ma non le funzioni.

    La rinascita del paganesimo nei tempi moderni ha varie cause.

    Lungi da me negare che vi è una forte componente "modaiola", ma chi si rivolge alle antiche relioni per moda prima o poi se ne allontana. Diverso è il caso di persone come Antaeus-FdT e me, che abbiamo ritrovato la nostra VERA spiritualità negli Dei dei nostri antenati. Proprio quest'ultimo fattore ha contriuito realmente al diffondersi, nella maggior parte dei paesi del mondo, del paganesimo moderno: la ricerca delle proprie radici spirituali.

    I vaneggiamenti come quello secondo cui il paganesimo sarebbe satanismo "travestito", o che chi entra nella Wicca lo fa per rimorchiare ragazzine, e cazzàte simili sono solo chiacchere da dementi.

    Se vuoi altre notizie puoi contattarmi.

    P.S.: MMarans, si scrive "Taliesin", non Tielesin"; e "Wicca", non "Wikka" come fanno i bimbiminkia...

    @Antaeus- FigliodellaTerra, è MMarans stesso che in una risposta ad una mia domanda ha detto che non mi sopporta! ;-)

    Per il resto ottima risposta come sempre, io non vado mai così sul filosofico.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Taliesin e' sicuramente più esperto di me su questo argomento,ma in breve ti posso dire che consiste nell'abolire il monoteismo rappresentato dalla chiesa di Cristo,negare l'esistenza di un uomo di nome Gesù,e in seguito cominciare ad adorare delle belle ragazze con le tette grosse che escono da delle conchiglie,o un tizio alto con la barba che spara fulmini dall'alto di una montagna che si chiama Olimpo.

    Taliesin avrà certamente da ridire su questa mia rappresentazione,ma faccio quel che posso.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    in molte cose si rifà al vetero paganesimo d'epoca imperiale - in altre alle religioni e filosofie orientali , in altre ancora al satanismo ed al new age ma in linea di massima, per paganesimo moderno deve intendersi quel delirio delle masse (spesso di giovani) per gli idoli sportivi (calcio, baseball, rugby, tennis, automobilismo, pugilato, ecc. ecc.ecc.) della musica (cantanti e gruppi musicali) e di tutte quelle cose superflue che costituiscono la modernità ed il piacere (la moda, il computer, l'automobile, la moto, il tablet, le vacanze, il sesso libero, insomma l'edonismo nel suo insieme).

  • 8 anni fa

    Satana....sicuramente!! Il paganesimo rinnega Dio e adore dei che in realta sono satana... Adorate il vero dio finchè siete in tempo.. : Il Signore è il mio pastore:

    non manco di nulla;

    su pascoli erbosi mi fa riposare

    ad acque tranquille mi conduce.

    Mi rinfranca, mi guida per il giusto cammino,

    per amore del suo nome.

    Se dovessi camminare in una valle oscura,

    non temerei alcun male, perché tu sei con me.

    Il tuo bastone e il tuo vincastro

    mi danno sicurezza.

    Davanti a me tu prepari una mensa

    sotto gli occhi dei miei nemici;

    cospargi di olio il mio capo.

    Il mio calice trabocca.

    Felicità e grazia mi saranno compagne

    tutti i giorni della mia vita,

    e abiterò nella casa del Signore

    per lunghissimi anni.

  • 8 anni fa

    fanno come facevanoi pagani al tempo ociascuno ne aggiunge un pezzo un po' come gli pare.

    solo che la classicità greco latina, lo faceva per una necessità teologica, mentre i moderni per una follia teologica

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.