Chi è in coma profondo puó sentire dolore?

Dei medici mi hanno assicurato Che le persone vengono sedate e imbottite di antidolorifici e Che in ogni caso finchè questo stato persiste non sentono nulla.

Però nn sono convinta. Nello specifico Mi chiedo se una persona entra in coma per aver ricevuto ripetutamente botte molto forti alla testa e con conseguenti versamenti e danni al cervello più un ictus e femore rotto più ripetute operazioni per risolvere questi danni, può davvero nn sentire nulla ?

Qualcuno che ne sa qualcosa mi puo dire quanto potrebbe sopravvivere in queste condizioni considerando Che si tratta di una persona anziana e diabetica?

Per ora si trova in ospedale da martedi e la pressione è perfetta..il cuore nn ha problemi.

Scusate per la lunghezza ..avrei bisogno di risposte di persone competenti.

Grazie.

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Non sono un medico, solo un anziano che è passato per sale operatorie.

    Cio' che puo' provare una persona in coma profondo (da distinguere dal coma farmacologico, che i medici inducono per avitare che il paziente si agiti in presenza di fratture non ancora ridotte) nessuno lo sa.

    E' possibile che persista una coscienza in stato ridotto, che, in teoria, non dovrebbe far provare dolore all'incidentato.

    Un anziano diabetico non presenta maggiori problemi di "controllo medico" rispetto ad altri pazienti allettati.

    Il rischio maggiore, in genere, viene invece dalle difficoltà di respirazione in posizione orizzontale, ma anche queste sono controllabili.

    Se il malato è corpulento, nel tempo un altro rischio sono le piaghe da decubito; non tutti gli ospedali ne hanno cura.

    In una delle operazioni che ho subito io, i medici hanno utilizzato largamente il paracetamolo per infusione, mantenendo pero' uno stato di coscienza vigile totale.

    In boccallupo per la persona.

  • 8 anni fa

    Mi sento di dover rispondere alla tua domanda, in quanto sono stato io in prima persona in uno stato comatoso a seguito di un incidente mortale.

    Per definizione il coma è uno stato alterato di coscienza, e quindi anche se esistono motivi utili a provocare dolore questo non verrà percepito dalla mente (cosciente) del soggetto, in quanto versa in uno stato non cosciente.

    Si può persistere in questo stato dai pochi minuti, a giorni, settimane, mesi o anche anni, ma i danni riportati saranno mediamente maggiori con il trascorrere del tempo.

    L'augurio che ti posso fare è di vedere presto il volto sorridente di questa persona..

    In bocca al lupo!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.