Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 7 anni fa

Anche voi a volte vi sentite in gabbia?

Non liberi? Oppressi?Perché ?

7 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Il senso di libertà a cui il tuo "spirito" (ma anche quello della maggior parte delle persone) anela, desidera, brama, o comunque aspira, viene confuso dalla "mente" come libertà da qualcosa.

    Perciò l'idea di sentirsi in gabbia viene sostituita dalla mente con un oggetto esteriore, libertà da "altro", da qualcosa che ci opprime.

    Non so se conosci la storia del tipo che cercava gli occhiali. Li cercava dovunque, domandando a tutti dove fossero i suoi occhiali e se qualcuno li avessi visti. Poi un giorno, mentre rovistava tra le sue cose per cercare gli occhiali, s'accorse che ... proprio perché cercava gli occhiali guardando in ogni posto, aveva gli occhiali sul suo naso.

    Tu dirai: e che c'entra questo? Centra! tantissimo.

    Il senso di libertà che tu stai cercando è come la ricerca degli occhiali, tu la stai cercando là, fuori da te, ed invece, la libertà vera, la libertà autentica, ultima, definitiva e solo libertà da te stessa, cioè la libertà dalla tua "mente condizionata che cerca la via di fuga verso la libertà".

    Concetto un po' ostico, lo ammetto, ma molto semplice, e tuttavia difficile.

    Spesso si pensa alla libertà come alla possibilità di poter fare ciò che si vuole, svincolati dalle regole societarie e liberi da tutto e tutti. Questa forma di libertà si pensa debba essere per forza considerata come libertà dalle regole, libertà dalla convenzione della società, libertà dai condizionamenti normativi, legislativi, dogmatici, ideologici, etici, ecc..., in parte è così, e tuttavia ... non è affatto così che si incontrerà la dannata libertà emancipativa.

    Quella libertà "anarchica" da tutto e tutti, in realtà non esiste, ed anzi, è una frode piena, una pia illusione. E te lo dimostro subito.

    Se tu ti trovassi improvvisamente sola su un'isola del pacifico meridionale, saresti immediatamente libera da tutte le regole, da tutti i dogmi, da ogni devi "fare" e "non fare", da ogni condizione sociale e via così, eppure ... non saresti libera giacché dopo poco tempo "la tua mente", in maniera subdola, ti suggerirebbe che non puoi più essere felice su quest'isola tutta sola, cioè senza nessuno: sarebbe una tortura continuare a viverci sola senza nessuno. Allora, essa comincerebbe a pensare che, forse, la felicità che credeva non è stare da sola su di un'isola, ma starci con una persona perfetta, (ed è il perfetto che vuole). Così, come per magia, il genio della lampada esaudisce il tuo desiderio e ti piazza lì un partner, perfetto, secondo parametri tuoi. Te e l'altro sull'isola: perfetto!

    Tuttavia, dopo il vissero felici e contenti, passa il tempo, e dopo qualche anno quella stessa persona tanto perfetta comincerebbe a cambiare, ad invecchiare, a modificarsi e modificare le sue esigenze, i suoi gusti, e forse si stancherebbe di te, o ancora, magari non cambia, ma proprio perché non cambia ti stanchi tu di lui, un uomo troppo perfetto è una rottura di còglioni, prima o poi ci si stancherebbe di un partner così, e quindi cominceresti a sentirti (e a sentirvi) vincolati, obbligati l'uno all'altro, e presto si genererebbe quello che è il desiderio di "liberarsi l'uno dall'altro", di liberarsi di quello scomodo perfetto compagno, il che sarebbe per te ora sinonimo di asfissia, ti sentiresti in trappola, in una situazione di NON libertà appunto.

    Allora forse penseresti che un'altro sarebbe meglio, che ti sei sbagliata di partner, ed il genio ti direbbe OK, ma però hai solo tre desideri, perciò questo è l'ultimo. Tu sceglieresti un'altro partner, e tuttavia si ripeterebbe la stessa cosa dopo un certo tempo. Ad un certo punto, poi, cominceresti a non poterne più nemmeno dell'isola del pacifico che, per quanto bella e paradisiaca, non ha tutte le amenità che offre la tua città, magari cominceresti a sentire nostalgia degli amici, dei luoghi d'infanzia, dei posti di ritrovo, ecc... insomma ... dove sarebbe finita la presunta "libertà"? L'isola diverrebbe la tua prigione, e tu saresti più in gabbia di prima. Come vedi ...

    Dimostrato quindi che la libertà dagli stereotipi non esiste, cos'è quindi quel "senso di oppressione" che ci fa sentire in gabbia?

    Pensaci ...

    Alla fine, converrai che esso è solo il condizionamento dai tuoi stessi limiti, dai tuoi stessi condizionamenti, dai tuoi presunto schemi, idee, filosofie, credo, princìpi, morali, etiche, ecc... sono quelle che, in ultima analisi, fanno di te l'uccellino in gabbia, e non certo gli schemi societari, le leggi o le norme di buon comportamento civico.

    C'è molta confusione nella parola libertà.

  • 7 anni fa

    in gabbia ci siamo tutti, l'importante avere sempre la voglia di aprire la porta della gabbia, ma per fare che, per finire in un'altra gabbia! forse è meglio restare nella propria di gabbia!

  • 7 anni fa

    Adriana, ehh scusa ma prima meglio odiare che amare adesso la gabbia e l'oppressione, abbi pazienza ma fuori è una bella giornata è venerdì, esci vai al mare, vai a fare un pochino di jogging, svagati fai un sorriso, fuori c'è un sole che spacca le pietre....Questo per dirti che no non mi sento in gabbia e se mi ci dovessi sentire apro la porta ed esco a prendere una boccata d'aria :)

  • Anonimo
    7 anni fa

    "Questo mondo è una prigione con la cella un po' più grande"

    Sì mi capita...magari per pressioni famigliari o semplicemente perché questo paese è troppo chiuso e piccolo per me...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Mario
    Lv 4
    7 anni fa

    Si mi sento sottomesso dai miei amoci a volte ho paura di xderli e lascio passare tt quello che fanno.. Anche se ci sto male xk è come se nn fossi libero e poi me la prendo cn altre persone

  • 7 anni fa

    Cip cip cip CIP CIP!!@

    Fonte/i: Un canarino
  • impegni, lavoro, stress, familiari, tasse, convenzioni sociali... le solite cose

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.