Cosa? Cosa ne pensate di questa poesia di Anacreonte?

"Con una palla purpurea

di nuovo colpendomi,

Eros dalla chioma dorata

con una fanciulla dal sandalo variopinto

mi invita a giocare.

Ella però, è infatti della bella

Lesbo, la mia chioma,

ch'è bianca, disprezza,

invece verso un'altra si china."

Pareri e commenti?

10 punti a chi capisce tutti i doppi sensi. xD

Aggiornamento:

@AndreaC: io avevo pensato ad una spiegazione più "contestualizzata" nel simposio: un convitato dai capelli biondi lancia scherzosamente un frutto rosso o roba simile addosso ad Anacreonte per attirare la sua attenzione sulla fanciulla. Lei però, all'anziano poeta, preferisce un'altra persona, più giovane... A quello che dici sui sandali non ci avevo pensato (ma concordo in effetti), e probabilmente la tua spiegazione per la sfera rossa è migliore della mia. Però è Eros che ha la chioma bionda, non la fanciulla, e, vista l'occasione, penso che il poeta si riferisse a qualche persona in particolare... Rimane poi in effetti, come dici pure tu, l'ambiguità del genere della chioma su cui la ragazza si china: maschile o femminile? Anche la precisazione della sua origine Lesbia non ci aiuta: le ragazze di Lesbo erano sì famose per l'amore saffico, ma anche per la loro bravura nel sesso orale, sia con uomini che con donne... Ma forse l'ambiguità è voluta...

Aggiornamento 2:

@Valerio: ecco, la tua spiegazione sull'identità di Eros è la migliore. Però, come ho detto, non penso che dobbiamo intendere per forza l'indifferenza della ragazza in senso saffico: la chioma verso cui si china potrebbe anche essere maschile e il riferimento a Lesbo è ambiguo e ambivalente... Il tiaso di Saffo non era un circolo LGBT, ma una scuola per future mogli: i "trucchetti" che le ragazze imparavano e sperimentavano l'una sull'altra, servivano per soddisfare poi i mariti.

Aggiornamento 3:

@Laura: tranquilla, la lascio aperta per un po'. Grazie del link, nei prossimi giorni dovrei recarmi all'università (che ha libero accesso a jstor :D) e già che ci sono mi scarico l'articolo in questione...

Aggiornamento 4:

@Valerio: controlla il testo originale: non si può tradurre come dici tu: 1) la preposizione "apo" indica provenienza, non possesso. 2) il termine per bella è "euktitou", cioè letteralmente "ben costruita", non può quindi assolutamente riferirsi alla persona. 3) euktitou è accordato a "Lesbou" quindi si riferisce all'isola, non ad una persona...

3 risposte

Classificazione
  • Laura
    Lv 6
    7 anni fa
    Migliore risposta

    http://www.jstor.org/discover/10.2307/270071?sid=2...

    Interessante domanda, se ho tempo ci ritorno :)

    ----

    Aggiungo solo un'analisi sui temi d'amore "ufficiosa" (e non mia), che questa poesia conferma (per quanto le compete). L'amore è visto inizialmente come pulsione erotica o, in generale, come aspetto piacevole della vita, in seguito come follia amorosa (la "malattia dell'animo") e solo molto più tardi come momento di realizzazione di una vita, da cui deriverà la nostra idea di "amore romantico" di Dante e Petrarca.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • ?
    Lv 5
    7 anni fa

    La palla purpurea dovrebbe essere il glande rosso e turgido che malgrado l'età avanzata si ritrova Anacreonte alla vista d'una fanciulla bionda e civettuola che sfoggia sandali colorati per attirar lo sguardo sulle gambe nude.Essendo lei giovane è però attratta dai coetanei e forse da amori saffici con altre donne, snobba quindi le attenzioni del poeta che infine si tace senza ulteriori commenti... Non so se ho capito bene ma in due minuti... non puoi pretendere!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 7 anni fa

    Eros e una lesbica invitano Anacreonte in un triangolo l'una con le gambe nude e l'altro con l'organo maschile in bella vista.

    La ragazza è pero lesbica e attratta da altro, non dal poeta che ormai è vecchio e a i capelli bianchi.

    Frivola, leggera e serena. Tratta temi poco "profondi" e sicuramente meno impegnata di quella di altri poeti.

    Rilassante leggerla

    @:"Ella però, è infatti della bella Lesbo" Il verbo essere in quella frase mi pare denotare possesso, come se la ragazza fosse proprietà di qualcuno o qualcosa. L'aggettivo poi prima di Lesbo mi fa pensare che si riferisca proprio alla persona che al tiaso.

    @@:In tal caso la mia costruzione va a farsi friggere. Non conosco il greco antico e mi sono basato sul tuo post. Per le mie analisi mi sono sempre e solo basato sul testo da te messo

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.