Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

. ha chiesto in Arte e culturaPoesia · 8 anni fa

"Minacce di Temporale"?

Al crepuscolo

l’arroganza chioccia dei passeri

a sforbiciare l’acquoso cielo

per inaffiare di pioggia

la mia stizza rinsecchita.

(Antonia Pozzi)

Qual è il significato di questa poesia? Parla dell'amore? Se sì, che cosa dice esattamente? Grazie a tutti^^ risposte serie!

1 risposta

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    La poesia, nel giro di pochi versi lineari, tramite il ricorso ad alcune metafore (arroganza ... passeri / sforbiciare ... cielo / annaffiare ... stizza) e in un linguaggio abbastanza colloquiale, testimonia di uno stato d'animo particolare, di un disagio esistenziale forse passeggero ma profondo e tormentoso, che sembra riflettersi nell'ambiente circostante.

    La poesia non parla d'amore, ma è probabile che sullo sfondo vi sia un sentimento d'amore deluso, che ha suscitato irritazione e scontentezza (la "stizza" dell'ultimo verso). Questa "stizza" (la vera protagonista della lirica) è tuttavia "rinsecchita", cioè avvizzita, inaridita, incapace di generare un impulso vitale o di evolversi in altre emozioni. Forse gli eventi che hanno provocato la delusione sono avvenuti troppo tempo fa o forse si fa riferimento ad una carenza della personalità di chi scrive, certo è che l'io lirico avverte una prigionia dell'anima, un ristagno emotivo che si riflette nel cielo coperto da un'umidità così densa da renderlo "acquoso". Immaginiamo la poetessa di sera ("al crepuscolo"), al termine di una giornata uggiosa, affacciarsi alla finestra o uscire in giardino a cercare sollievo al suo disagio in uno sguardo rivolto alla natura, al cielo, ma da ciò non le deriva alcun conforto: il cielo è greve, l'aria soffocante, persino il canto degli uccelli sembra stridulo ("chioccia"") e petulante, "arrogante" nella sua insistenza, alle orecchie di chi vorrebbe forse placarsi in un'atmosfera limpida di pace e di silenzio. Una speranza scaturisce però proprio da un'associazione di idee suscitata dal canto degli uccelli: quella loro insistenza vivace, che pure forse l'aveva infastidita in un primo momento, sembra poter far breccia nel cielo coperto di nuvole fitte come nel cuore inaridito della poetessa, fin quasi a lacerarne a colpi di forbice la cortina di tristezza e rancore: da quelle nuvole squarciate potrebbe venir fuori una bella pioggia rivitalizzante, che liberi il cielo e restituisca a chi scrive la capacità di provare nuove emozioni.

    Fonte/i: Questa è la mia personale lettura e interpretazione. Spero ti sia utile, sia pure solo per confrontarla alla tua.
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.