Rapporto fra Stato e Chiesa?

Secondo voi lo Stato ha il diritto di esercitare un certo controllo sulla Chiesa (o viceversa)? E se si, fino a che punto la religione deve essere coinvolta nella legge e la legge nelle questioni religiose? Insomma, secondo voi qual'è il modo migliore di gestire il rapporto fra le due entità?

9 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    la risposta è la più semplice che ci si possa aspettare: la chiesa non si impicci dello stato e lo stato non si impicci della chiesa. Però ci deve essere un controllo affinché la religione non violi la legge e il buon costume, controllo che, evidentemente, non c'è. Così come non avviene che la Chiesa si faccia gli affari propri.

    Questo secondo me sarebbe il modo migliore di gestire la faccenda e trovo aberrante che la costituzione riconosca una tutela tutta speciale per la Chiesa Cattolica, se è vero che ogni religione ha lo stesso peso. La costituzione non si tocca, ma si dovrebbe trovare un modo di ridimensionare il potere della Chiesa a tapparle la bocca su questione che non la riguardano. =)

  • Anonimo
    8 anni fa

    Libera chiesa in libero stato, diceva Camillo Cavour.

    Lo Stato non deve esercitare nessun controllo sulle attività spirituali e di culto della chiesa.

    La chiesa non deve esercitare nessuna pressione sulle attività legislative dello Stato.

    Uno Stato confessionale non è mai democratico ma è sempre oligarchico.

  • Arya
    Lv 6
    8 anni fa

    la chiesa dovrebbe pensare agli affari in casa propria:

    stato e chiesa non possono collaborare!! ma in italia a causa del fatto che abbiamo il vaticano la chiesa si impiccia parecchio...e poi si vede il risultato..

    leggi basate sulla moralità cristiana,stato che fa schifo!! insomma se la chiesa non avesse l'importanza che a forse sarebbe un po' meglio!!

  • 8 anni fa

    La chiesa ha una fortissima influenza sul governo del nostro paese, anche grazie a gruppi come CL di cui fanno parte molti politici italiani di tutti gli orientamenti (tranne partiti di sinistra tipo sel ) . Pensa ai democristiani che hanno governato l' Italia per decenni e poi si sono sciolti e sono in tutti i partiti così qualunque partito vinca loro al potere ci sono. Andreotti , ad esempio, che addirittua fu nell' assemblea costituente aveva fortissimi rapporti con il vaticano.

    Se poi tieni conto del fatto che in italia nelle scuole si è continuato ad insegnare la religione cattolica nelle scuole anche dopo la caduta del fascismo, capisci quanto potere abbia la chiesa sullo stato.

    Io credo che la chiesa debba tenersi al di fuori della politica e occuparsi più della religione e meno dei soldi e del potere politico,non solo perchè il governo della chiesa tenga l' italia incatenata al medioevo per molti aspetti sopratutto etici e scientifici, ma anche per una questione di coerenza.

    Non è possibile che nel 2013 in Italia non si possano riconoscere le unioni omosessuali, non si possano dissezionare cadaveri ai fini didattici anche con l' autorizzazione dei parenti del defunto, le ricerche scientifiche debbano essere ostacolate da presunte questioni etiche infondate. Se non fosse per la chiesa adesso in italia avremmo ancora i bordelli, invece di centinaia di migliaia di prostitute maltrattate e costrette a fare un lavoro umiliante contro la loro volontà senza contare la perdita di denaro per lo stato. E poi ti dicono anche di fare l' 8x1000 per aiutare la gente che sta per strada, dopo che la gente sta per strada per colpa loro.

    Poi la concezione cattolica favoreggia tantissimo il delirio politico che stiamo vivendo perchè la concezione cattolica è contraria alle proteste di piazza perchè le proteste vengono spesso dipinte (dai media e dai politici cattolici) come una forma di violenza e tutti i cattolici sono contrari alla violenza e hanno una reazione di indignazione nei confronti di quelli che magari erano semplici fischi . In sostanza il cattolicesimo insegna a vivere tutti i propri dolori e la propria depressione , a lasciarsi fregare dai "politici" , senza reagire . Infatti viviamo in un paese dove la gente è molto infelice e in pochi si sentono rappresentati dalla politica, ma nonostante questo i "politici" agiscono del tutto indisturbati, e la concezione cattolica è in parte responsabile di questa situazione.

    Il problema è che finchè la gente continua a lasciarsi fregare non sarà mai libera.

    Spero di essere stato chiaro

    Ciao

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 8 anni fa

    Non dovrebbe.

  • 8 anni fa

    La vera separazione tra stato e chiesa ci sarebbe se fosse anche "economica"...

    Questo grazie ai patti lateranensi firmati dal Papa addirittura con Benito Mussolini e grazie a tutti i concordati successivi non è possibile.

    Ci sono ad esempio insegnanti di religione CATTOLICA in tutte le scuole statali, selezionati e controllati dalla CURIA ma pagati dallo stato.

    Questo e tanto altro permette alla chiesa cattolica di continuare ad interferire nella politica italiana (ricordiamo la legge sulla procreazione assistita, le interferenze nei consultori e molto altro).

    È un accordo tra poteri che fa comodo a chi il potere lo gestisce...un esempio?

    Le politiche familiste e tradizionaliste portate avanti dal Vaticano e dai "suoi" parlamentari fanno comodo a chi taglia lo stato sociale e privatizza i servizi pubblici (spesso dentro casa).

    Per questo motivo la vera indipendenza dalla chiesa dovrebbe passare per l'ABOLIZIONE DEL CONCORDATO...ma per i motivi suddetti sarebbe anche necessario cambiare la società!

  • Anonimo
    8 anni fa

    Come credente sono anche laico convinto.....

    la Chiesa ha il diritto di esporre le proprie opinioni, non dimentichiamoci che i religiosi in Italia votano, quindi si assoggettano alle leggi dello Stato, questo significa che hanno anche il diritto di esporre le proprie opinioni politiche...

    il Vaticano da dei " consigli " , che come tali possono o meno essere ascoltati....ma non dimentichiamoci che in Parlamento siedono molti On. che sono cattolici ( vuoi per fede o per convenienza...) per cui è facile che tali " consigli " vengano proposti nel momento di legiferare....

    personalmente credo che Stato e Chiesa,pur rispettandosi ed ascoltando le varie motivazioni reciproche, debbano essere ben distinti....entrambi hanno a cuore il benessere dei cittadini...ma mentre lo Stato si occupa di amministrare, la Chiesa si deve occupare della spiritualità....due cose ben diverse...

    ma due cose che in Italia, spesso....coincidono..... per i motivi sopra esposti ...

  • Anonimo
    8 anni fa

    uno stato laico è uno stato amorale.Infatti il nostro è amorale (divorzio,aborto, eutanasia, presto matrimoni gay e libertà di drogarsi,..).

    Alcuni frutti dell'ateismo:

    [ 100 milioni di morti fatti dai regimi atei..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "Critiche_al_comunismo # Stima_delle_vittime_totali"

    4 miliardi di bambini uccisi con l'aborto(introdotto grazie a quelle ideologie materialiste in URSS nel 1920),introduzione di eutanasia(altri morti) ed eugenetica (esperimenti su esseri umani).

    Tutte pratiche amate da Hitler.

    [ record di suicidi? Nei paesi atei ..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "File:Suicide rates map-en.svg"

    [ il genocidio dei cristiani di Vandea ad opera degli atei..cercate i seguenti testi su google(*)

    "Vandea un genocidio dimenticato"

    [ la persecuzione cristiana in Messico ad opera degli atei..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "Il martirio dei Cristeros messicani"

    [ Hitler,l'ateo che sognava di distruggere la Chiesa....cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "24 maggio 1942 – Il Führer è inesorabilmente determinato ad annientare le chiese"

    [ Mussolini: ateo ed anticlericale..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "Benito Mussolini: ecco tutto l’anticlericalismo"

    ["strage di 129 preti" ad opera dei partigiani comunisti ..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "Rolando Rivi, seminarista di 14 anni ucciso a Monchio"

    <<Rolando Rivi, seminarista di 14 anni ucciso a Monchio (frazione di Palagano, MO): rapito dai partigiani il 10 aprile 1945 e percosso, gli fu da essi ordinato di sputare sul crocefisso e di togliersi la tonaca; al suo rifiuto gliela strapparono di dosso, ne fecero un pallone e ci giocarono a calcio[2]>>

    [Il sociologo laico Furedi: «l’ateismo è una religione intollerante»..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "Furedi: «l’ateismo è una religione intollerante»"

    e

    "ecco perchè l'amoralità dell'ateismo è un pericolo per la nostra società"

    [ atei in azione: distruzione di oggetti sacri , insulti e molestie.. ..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    "giovani del gmg insultati e molestati"

    "black block distrugge Madonna"

  • Anonimo
    8 anni fa

    Elsi e Renato sarebbero i due credenti che hanno risposto ... rabbrividisco per come stiamo messi male.

    Qualcuno conosce la differenza tra stato laico e stato laicista? su quello bisogna ragionare. Non sviluppo un ragionamento perché mi manca il tempo, ma se qualcuno raccoglie lo spunto è bene.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.