Perchè con 30 gradi in casa e 25 fuori (anche meno ogni tanto), a porte spalancate per ore...?

la temperatura non scende? l'aria calda non andava verso l'alto?.. l'unico episodio vissuto è quando in 15 minuti la temperatura è scesa di 3 gradi.. con il vento però..

Aggiornamento:

i muri prendono sempre freddo.. se in casa ho 25 gradi e fuori 15 d'inverno i muri sono freddi..

se apro è logico che entri caldo?? il caldo è in casa non fuori! in inverno 25 gradi sono freddo in confronto ai 35 del mezzogiorno..

leggete bene la domanda caz..

Aggiornamento 2:

PS: STIAMO PARLANDO DI ADESSO.. ESTATE... per chi non l'ha capito

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    La temperatura di una stanza, la percepiamo sulla nostra pelle attraverso l'aria, quindi dipende dalla temperatura dell'aria nella stanza, in teoria se potessimo ricambiare l'intera aria di una stanza con dell'aria a temperatura diversa (ad esempio quella esterna) nel tuo caso a 25 gradi, dovremmo avvertire la nuova temperatura di 25 gradi appunto, in realtà non è così per svariati motivi, quello principale e che influisce maggiormente è che la temperatura interna è data dalla temperatura esterna dell'aria che entra + il calore ceduto dai muri della casa e accumulato dopo tante ore di esposizione al sole, i muri funzionano come delle grandi stufe che provvedono a riscaldare tutta l'aria che si trova a contatto con loro, non solo, il calore viene emesso anche per irraggiamento, ossia, se ci avviciniamo al muro percepiamo sempre di più il calore emesso, anche senza arrivare a toccarlo.

    Quindi se facciamo entrare l'aria fresca, non appena viene a contatto con i muri questa si riscalda e va ad aumentare la temperatura dell'ambiente.

    Se il locale dispone di due balconi ad esempio, aperti entrambi i balconi in modo da creare una corrente, se ci si pone in mezzo a questa corrente si sta un po più freschi ma se ci si avvicina la muro, per irraggiamento veniamo investiti dal calore emesso dai muri.

    Morale della spiegazione, per stare freschi non basta aprire le finestre ma bisognerebbe impedire ai raggi solari di arrivare fino ai muri esterni, immaginate un grosso ombrellone, se la barriera non è a contatto col muro può essere di qualsiasi materiale, anche una lamiera ad esempio (buon conduttore di calore) se invece la barriera viene applicata al muro, questa deve essere necessariamente composta da un materiale isolante (Polistirolo, Polistirene, paglia ecc) altrimenti cederebbe il calore al muro e saremmo punto e da capo.

    LA SOLUZIONE IDEALE AL PROBLEMA

    La soluzione al problema è stata risolta con le nuove case, senza frapporre barriere ai raggi del sole ma semplicemente utilizzando materiali non conduttori di calore, in questo modo anche se i raggi del sole colpiscono le pareti, il calore non viene trasmesso all'interno ma rimane confinato sulla superficie esterna delle pareti.

    In parole povere le case di oggi sono come il frigorifero portatile che portiamo al mare, mettendo dei pezzi di ghiaccio all'interno, il ghiaccio si conserva e raffredda le bevande perchè il freddo rimane confinato sulle pareti del frigo e allo stesso modo il calore esterno non viene trasmesso all'interno perchè le pareti sono fatte di un materiale non conduttore di calore, questo tipo di contenitori vengono detti "adiabatici".

    Spero di essermi spiegato . . . .

  • 7 anni fa

    come spiegato chiaramente prima di me è colpa dei muri che assorbono calore quando la temperatura è più alta e restituiscono calore lentamente quando la temperatura è più bassa

    oltre i muri poi in una casa ci sono tante fonti di calore

    dalle semplici lampadine agli app televisivi pc radio ecc

    per non parlare della cucina (anche il frigorifero congelatore produce calore )

    per cui solo finestre aperte non sono sufficenti a raffreddare l'ambiente

    in una tavernetta dove i muri sono a contatto con il terreno e non con l'aria rovente estiva questi si scaldano molto più lentamente e troverai più fresco che ai piani superiori

    ricordo che i muri fungono da accumulatori di caldo o freddo con tempi molto lunghi

    per cui per scaldare un muro occorrono varie settimane di temperature alte

    calore che poi restituiscono sempre con tempi lunghi

    a novembre spesso non occorre riscaldamento anche con temperature esterne vicine ai 10° , basta l'accumulo calore dei muri

    più i muri sono spessi più dura questa procedura di accumulo e restituzione del calore

    i castelli del medioevo erano freschi d'estate e caldi d'inverno avendo muri di oltre un metro

  • Anonimo
    7 anni fa

    Perché il calore va dentro i muri e rimane calda la casa...

  • 7 anni fa

    se apri è logico che entra caldo...è come in invermo se tieni aperto entra freddo è la stessa cosa

    Fonte/i: caz.. se vuoi una risposta esattA devi formulare meglio la domanda
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    7 anni fa

    ma come si fa a fare sta domanda ?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.