Yopa95 ha chiesto in Casa e giardinoFai-da-te · 7 anni fa

casa nuova e pareti..imbiancare casa? :)?

Salve sono un ragazzo e vorrei imbiancare la mia stanza. Volevo chiedervi innanzitutto cos'è la malta? il normale cemento che va mischiato con sabbia? comunque apparte questo...partendo da un divisorio costruito con forati dopo aver preparato l'intonaco con la malta poi come faccio a rendere la superficie liscia? devo passare un altro strato sopra di intonaco o altri prodotti o devo semplicemente abbondar con la pittura muraria? grazie :)

2 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    L'intonaco è tradizionalmente una malta (malta significa semplicemente miscela) composta da una parte legante (indurente, di solito cemento o calce) che ingloba sabbia di dimensione granulometrica selezionata con diametro massimo generalmente non superiore ai 2 millimetri.

    Gli intonaci si distinguono in base al legante usato:

    intonaco a base di calce, dove l'unico legante è la calce idrata;

    intonaco calce-cemento, dove il legante è una miscela di calce idrata e cemento portland, con prevalenza di calce;

    intonaco cemento-calce, dove il legante è una miscela di calce idrata e cemento portland, con prevalenza di cemento;

    intonaco a base di gesso, dove il legante è esclusivamente gesso;

    intonaco a base di argilla, dove l'unico legante è l'argilla.

    La sabbia utilizzata nell'intonaco può essere calcarea o silicea, di provenienza fluviale (naturale) o derivante da macinazione. L'intonaco, più correttamente detto corpo d'intonaco, forma un rivestimento compatto composto di più strati, ognuno con caratteristiche e funzioni diverse, che va a coprire la muratura con spessore generalmente compreso tra 1,5 e 2 centimetri.

    Il primo strato a contatto con la muratura si chiama rinzaffo o abbozzo; esso ha il compito di ponte di adesione tra il corpo d'intonaco e la muratura; viene applicato in maniera non uniforme fino al rivestimento del 60-80% circa della muratura: con la sua granulometria grossolana crea delle zone ruvide che serviranno da aggrappante per gli strati successivi. Tra i vari strati dell'intonaco, il rinzaffo è quello che presenta le più elevate resistenze a sollecitazioni fisiche.

    Il secondo strato è definito arriccio ha una granulometria media (circa 1,5 millimetri di diametro massimo) e viene applicato in spessori che variano da 1,5 a 2 centimetri, rivestendo così il ruolo di vero e proprio scheletro di tutto il sistema intonaco. Il suo principale compito è di uniformare la superficie delle murature, andando ad eliminare tutti gli eventuali difetti di planarità e verticalità, e, dato lo spessore, di barriera protettiva nonché di struttura portante per gli strati successivi (intonaco di finitura o sistema collante-piastrella).

    L'ultimo strato, detto intonachino o velo o intonaco civile, o malta fina (la sua applicazione è generalmente definita stabilitura, dipende dalla regione) ha generalmente due funzioni: proteggere l'intonaco e renderlo esteticamente gradevole. Il suo spessore di applicazione è inferiore ai 3 millimetri.

    Appena il rinzaffo avrà preso consistenza, si distenderà su di esso lo strato di arriccio, in modo che le superfici risultino perfettamente piane ed uniformi senza ondulazioni. Le superfici controllate con staggia di legno ed a perfetto filo, ruotata per 180°, dovranno combaciare in ogni punto con la staggia. La superficie a vista dovrà essere perfettamente finita a frattazzo, in modo che l'intonaco si presenti con grana fissa e senza saldature, sbavature od altro difetto. La rifinitura va fatta con intonachino a grana finissima disteso con frattazzo.

    Comunque, al giorno d'oggi nella maggior parte dei cantieri edili si intonaca con le macchine intonacatrici per mezzo di un composto a secco detto premiscelato, che ha sostituito la cazzuola manuale. Ci sono anche degli intonaci pronti.

    IO CMQ CHIAMEREI UN MURATORE :)

    in bocca al lupo

    ciao,

    Roberto

    "inviaci la tua piantina, noi ti facciamo un progetto e te lo pubblichiamo su un sito a te dedicato,

    dove potrai vederlo, salvarlo sul tuo computer e stamparlo, il tutto in tempi rapidissimi, on line, e low cost"

    http://www.architetti-on-line.net/

    Fonte/i: esperienza professionale wikipedia: sezione: edile/architettura
  • 7 anni fa

    se hai già fatto divisorio parete e hai gia fatto intonaco con malta pronta,devi comprare ultima mano .Devi bagnare bene intonaco,poi con mestola americana stendi ultima mano,poi subito la sfratocci con acqua e fratoccio,diventa liscia.Non stenderne molta perché con il cado secca troppo,e dopo la lavori male perché si brucia.Una volta che hai passato bianco di ultima mano,fai asciugare un paio di giorni,e dopo poi incominciare a pitturare la stanza come ti piace ha te.

    Fonte/i: muratore
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.