Procedimento giudiziale alquanto anomalo?

Trattasi di un alterco per un parcheggio. Io sto per entrare e arriva lei e mi precede. Chiedo spiegazioni e colpisce la mia vettura con dei pugni. Scendo, mi avvicino e le chiedo dove si trova il suo senso civico, lei mi aggredisce verbalmente, io la allontano da me e lei nell’indietreggiare si siede sul cofano motore, si rialza e mi rifila 4 ceffoni. Non reagisco e chiamo il mio legale, prendo il numero di targa e vado al pronto soccorso. Come testimone dell’accaduto ho mia sorella che siede accanto a me nell’automobile. Il giorno successivo vado a fare querela. Stessa cosa fa la controparte e così ci si ritrova davanti al giudice di pace. In prima udienza non si risolve amichevolmente, in seconda lei chiede un congruo risarcimento danni non so per cosa, presentando una perizia medico legale alquanto enfatizzata e priva di allegati medici. Premetto che dopo ricovero al pronto soccorso a me è stato rilasciato un certificato medico con prognosi di 15 giorni per contusioni al volto con lievi escoriazioni e sospetta deviazione del setto nasale. Per quanto riguarda la controparte, la certificazione parla di una sospetta lieve distorsione lombare con 5 giorni di prognosi. Il giudice in accordo con gli avvocati decide di nominare un medico legale neutrale e il mio avvocato mi consiglia di nominarne uno di parte e pertanto si va alla terza udienza. Non avendo ancora presentato nulla per richiedere anch’io un indennizzo, ora procederò inizialmente con una certificazione medico legale con allegato il referto medico del pronto soccorso e poi magari con ulteriori certificazioni rilasciatemi dopo esami diagnostici. Ora io mi chiedo, se ho un testimone, in questo caso mia sorella, che ha già dato la versione dei fatti in questura, perché il giudice non lo fa deporre in aula in modo da stabilire se effettivamente sono reo o meno di quanto dichiara la controparte e poi si procede per quanto sopra descritto? Per questo motivo tale procedimento giudiziale mi sembra alquanto anomalo. Grazie, distinti saluti.

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Niente di troppo anomalo. Che io sappia il giudice ragiona così:

    1) la sorella testimone ha un valore diciamo "basso", è parente è interessata.

    2) ci sono 2 persone che sostengono reciprocamente di essere state picchiate, danneggiate, ferite e a priori non si dà ragione a nessuno.

    3) il tutto è avvenuto per una stupida questione di parcheggio e (ragiona il giudice) adesso fate intervenire avvocati e periti vari.

    4) alla fine la sentenza sarà che ve le siete date reciprocamente e ognuno ha pari colpa. Pertanto ogni indennizzo sarà pari (tanto devi dare tanto devi prendere) e stabilirà che i periti e gli avvocati li pagherete metà per uno.

    Morale, la prossima volta cercate di restare calmi e civili, che intanto qualche migliaio di euro ve lo siete giocato (avvocati e periti ringraziano).... e anche se è vera la tua versione (non ho motivo di dubitarlo) per 4 schiaffi non conviene mai fare causa, tanto più dopo che le hai dato uno spintone.

  • 8 anni fa

    anke la tua prognosi mi sembra un po enfatizzata...

    Fonte/i: setto nasale deviato per 4 ceffoni???
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.