Domanda da profano sul CERN di Ginevra: Le cavità risonanti hanno dei "Q" altissimi.?

(come penso in tutte le macchine per alta energia a radiofrequenza.

Ma se gli viene accoppiato un generatore (con la sua impedenza di uscita e gli viene accoppiato un fascio cui la radiofrequenza trasferisce energia, il "Q" del sistema nel suo comlesso non diminuisce drasticamante secondo il rapporto fra l'energia del campo non dissipativo nella cavità e l'energia assorbita dal fascio?

2. La cavità non riflette l'onda verso il generatore comportandosi come un carico disadattato?

Metto la domanda in S e A nella speranza di trovare risposta nella cultura scientifica di alcuni utenti.

Aggiornamento:

@Dottor K: DI nuovo la Scuola italiana che la fa da padone. Il motivo della forma "a pentolino" c'è, bisogna mostrare su una lavagna. DOvrebbe esserci di mezzo anche Ansaldo?

4 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Le Cavità a Ring Bell sono state sviluppate dall' INFN di Genova, Di sicuro Lagomarsino che e' stato mio professore e mi sembra ci fosse anche Manuzio.

    Ora pur non essendo il mio campo ,mi ero incuriosito, I problemi affrontati erano due. Il primo dato dalla forma, si studiavano cavità cilindriche il problema erano gli angoli retti dove la carica si concentrava fino a portare il superconduttore in niobio alla fusione. Il secondo problema era quello che dici tu. La forma detta a casseruolino da uova, tradotto poi in ring bell per gli anglofoni aveva risolto quasi magicamente il problema ma purtroppo non ricordo assolutamente il motivo.

    Ansaldo superconduttori poi acquisita dal gruppo Malacalza ha sviluppato la parte industriale.

  • 7 anni fa

    Mastro Geppetto, mi sorprendi!

    Sorry, ma neanche la tua grande e meritata reputazione si salva da una segnalazione!

  • Anonimo
    7 anni fa

    Ciao, questo è il mio nuovo account. :-D

  • .

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.