Le tisane rilassanti funzionano?

3 risposte

Classificazione
  • 6 anni fa
    Migliore risposta

    Ciao,

    ecco una tisana che misceliamo nel nostro laboratorio erboristico per i nostri Clienti. Ne sono tutti molto soddisfatti:

    CAMOMILLA, FIORI

    L'uso tradizionale della camomilla quale tranquillante possiede solide basi scientifiche. L'apigenina, un composto presente nell'olio essenziale di camomilla, si lega con gli recettori cui si legano anche potenti farmaci tranquillanti e ansiolitici. Da sempre utilizzata come sedativo nei disturbi del sonno, aiuta a diminuire gli stati di ansia e stress, con potente azione rilassante. Viene quindi indicata nelle tisane con azione rilassante.

    RABARBARO, RADICE

    Il rabarbaro viene usato in erboristeria per essere impiego per stipsi, affezioni in cui sia indicata una facile evacuazione, insufficienza digestiva, affaticamento epatico e malattie croniche del fegato, diarrea, flogosi orofaringee.

    PASSIFLORA

    La passiflora viene utilizzata negli stati di agitazione nervosa e di ansia, nelle condizioni di ipereccitabilità nervosa, anche nei bambini, nel calo energetico da preoccupazioni eccessive e stress cronico, nell'insonnia, nelle palpitazioni ed eretismo cardiaco, nelle manifestazioni psicosomatiche dolorose addominali (le cosiddette coliti spastiche oggi definite intestino irritabile), negli sbalzi d'umore della menopausa. La passiflora viene anche consigliata in mono-somministrazione mezz'ora prima di un intervento chirurgico per ridurre l'ansia.

    VALERIANA, RADICE

    La valeriana, il cui nome deriva dal latino "valere" ovvero stare bene, viene tradizionalmente raccomandata in erboristeria come calmante e sonnifero. La fitoterapia moderna la consiglia per ipereccitabilità, nervosismo, stress da lavoro, cefalea tensiva e insonnia. L'effetto sedativo è dovuto alla presenza dei valepotriati e dell'olio essenziale. I preparati a base di valeriana possono essere assunti anche da bambini e anziani. Essa svolge un'azione generale sedativa, ipnoinducente e spasmolitica e migliora la qualità del sonno. Indicata nelle tisane rilassanti.

    LAVANDA, FIORI

    I fiori di Lavanda possiedono proprietà sedativa, utili nelle cefalee, nell'emicrania, nella nerustenia e sono tradizionalmente impiegati nel trattamento sintomatico degli stati neurotonici degli adulti e dei bambini, in particolare nei disturbi minori del sonno. La letteratura riporta proprietà antidepressive dei fiori e della pianta. È indicata nel trattamento delle turbe dell'umore, dell'insonnia e dei dolori addominali funzionali (meteorismo, flatulenza, …), a vantaggio dell'azione rilassante nella preparazione in tisana.

    MALVA, FIORI E FOGLIE

    La pianta presenta azione antiinfiammatoria sulle mucose con le quali viene direttamente a contatto, e quindi sostanzialmente sull'apparato digerente, ed in particolare su cavo orale, esofago, stomaco e intestino. L'uso della Malva consente di attenuare il senso di bruciore che accompagna l'infiammazione. Pertanto, le indicazioni all'uso tradizionale della Malva sono rappresentate da stomatiti, esofagiti, gastriti, coliti, colon irritabile e stitichezza. La ricchezza in mucillagini, costituite da miscele di carboidrati che in acqua danno soluzioni colloidali con proprietà antiinfiammatorie locali, rigonfiandosi nell'intestino, facilitano la sua attività peristaltica e ammorbidiscono le feci.

    Fonte: http://www.naturalei.it

    Fonte/i: Mio padre è erborista dal 1990, esperto nella preparazione di tisane personalizzate e consigli su integratori naturali. Naturalmente Erboristeria http://www.naturalei.it
  • Anonimo
    3 anni fa

    Esistono metodi e tecniche per sconfiggere ansia e panico, puoi informarti qui http://SconfiggiAnsia.givitry.info/?i2v6

    Gli individui con Disturbo di Panico mostrano caratteristiche preoccupazioni o interpretazioni sulle implicazioni o le conseguenze degli attacchi di panico. La preoccupazione per il prossimo attacco o per le sue implicazioni sono spesso associate con lo sviluppo di condotte di evitamento che possono determinare una vera e propria Agorafobia

  • 6 anni fa

    Certo!! E ce ne sono di diverso tipo!!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.