La teoria dei multiversi trova riscontro nella fisica quantistica?

Stando alle parole dette in un intervista da una fisica americana (mi sfugge il nome, ma lo trovo se necessario) l'esistenza dei multiversi è possibile grazie alle leggi della fisica quantistica, assai diverse da quelle della fisica classica.

Più o meno diceva che "per la quantistica se una cosa può accadere, deve accadere!"

Quindi tirava in ballo il classico esempio di lei che beve un bicchiere d'acqua.

Poteva anche scegliere di non berlo e, da qualche parte, questa scelta doveva accadere.

---

Non capisco se è una bufala o la classica speculazione. Eppure l'intervista mi pareva seria, anche se il canale dove l'ho seguita non lo è molto (DMAX)

O forse utilizzava paragoni ed io li ho tergiversati...forse era una variante del paradosso del gatto Schrodinger...

---

Che ne pensate?

4 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    E' del tutto irrilevante. Se esiste un universo generato da ogni scelta mancata in questo, noi NON POSSIAMO RILEVARE TALE UNIVERSO. Punto e basta! Non è una questione di soldi o di volontà o di tecnologia. La nostra realtà è quella in cui siamo immersi, e per definizione non può trovare paralleli con una realtà divergente, quindi evviva la matematica ed i suoi modelli, ma siamo al limite della filosofia quando si parla di universi paralleli.

  • Anonimo
    7 anni fa

    speculazioni per farsi pubblicità e attrarre finanziamenti per la ricerca.

  • 7 anni fa

    Fu il fisico Hugh Everett III a dimostrare che era possibile trattare ogni esito di un esperimento quantistico come effettivamente esistente nel mondo reale.Molti anni dopo i cosmologi quantistici presero sul serio lo studio di Everett per aggirare l'interpretazione di Copenaghen che non sapeva rispondere alla domanda:quale atto di osservazione,Padreterno a parte, ha causato il collasso della funzione d'onda dell'intero Universo?Per Everett non vi è bisogno di osservazione o misurazione, ogni possibilità quantistica coesiste con una realta effettiva in una gamma di universi paralleli.

  • Anonimo
    7 anni fa

    Forse stava parlando dell'entanglement? e faceva un esempio tipo: se un bicchiere d'acqua si svuota da una parte, deve riempirsi da un'altra parte. Ma se è di questo che si tratta la "fisica americana" non ha fatto un esempio felice.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.