Milo
Lv 7
Milo ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 7 anni fa

"Prendi la posizione più comoda: seduto, sdraiato, raggomitolato, coricato...?

...Coricato sulla schiena, su un fianco, sulla pancia. In poltrona, sul divano, sulla sedia a dondolo, sulla sedia a sdraio, sul pouf. Sull'amaca, se hai un'amaca. Sul letto, naturalmente, o dentro il letto. Puoi anche metterti a testa in giù, in posizione yoga, Col libro capovolto, si capisce.

Certo, la posizione ideale per leggere non si riesce a trovarla. Una volta si leggeva in piedi, di fronte a un leggio. Si era abituati a stare fermi in piedi. Ci si riposava così quando si era stanchi d'andare a cavallo. A cavallo nessuno ha mai pensato di leggere; eppure ora l'idea di leggere stando in arcioni, il libro posato sulla criniera del cavallo, magari appeso alle orecchie del cavallo con un finimento speciale, ti sembra attraente. Coi piedi nelle staffe si dovrebbe stare molto comodi per leggere; tenere i piedi sollevati è la prima condizione per godere della lettura.

Bene, cosa aspetti? Distendi le gambe, allunga pure i piedi su un cuscino, su due cuscini, sui braccioli del divano, sugli orecchioni della poltrona, sul tavolino da tè, sulla scrivania, sul pianoforte, sul mappamondo. Togliti le scarpe, prima. Se vuoi tenere i piedi sollevati; se no, rimettitele. Adesso non restare lì con le scarpe in una mano e il libro nell'altra..."

(Se una notte d'inverno un viaggiatore - I. Calvino)

Siete d'accordo con Calvino, "la posizione ideale per leggere non si riesce a trovarla"? O altrimenti, secondo la vostra esperienza, considerando tutti i dettagli, qual è la posizione ideale per leggere?

15 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Bellissima domanda! E son più che d'accordo con Calvino: no, credo non esista la posizione ideale, e in caso contrario io non la troverò mai! ;)

    Di solito leggo sul mio letto, seduta, con il cuscino alzato per appoggiare la schiena e ginocchia piegate per appoggiarvi il libro. Il problema è che dopo circa cinque minuti (no, che dico! massimo due!) mi sdraio, a pancia in giù, con il mento appoggiato sul polso della mano sinistra e il libro messo in verticale, appoggiato 'di schiena' sul cuscinetto che ho in fondo al letto.

    Trascorsi altri due minuti mi rimetto seduta, stessa posizione di prima ma con le gambe distese, con sopra di esse appoggiato il cuscinetto e, sopra al cuscinetto, il libro.

    Infine, e sta per arrivare la posizione più scomoda e suicida, sempre seduta come poco prima ma con la schiena semigirata ed inclinata a sinistra e il libro appoggiato sul letto. A mo' di gobba!

    Ecco, faccio di continuo questo! Non posso star ferma, non riesco a star comoda.

    D'estate, invece, quando leggo nel gazebo in giardino, mi siedo su una sedia, con le gambe piegate appoggiate su un'altra sedia che posiziono di fronte. In questo caso resto più ferma ma faccio più pause (tipo alzarmi per bere, mangiucchiare, fumare una sigaretta).

    Insomma, in un modo o nell'altro, non riesco a star buona e tranquilla per più di pochi minuti in uno stesso posto o in una stessa posizione! :)

    Ciao Milo! :)

  • Anonimo
    7 anni fa

    Solo ed esclusivamente, sdraiato tra le frasche.

    Raggiungo l' estasi letteraria, nella stagione invernale, sormontato da coperte e trapunte.

  • Anonimo
    7 anni fa

    Sul divano,dalla parte opposta alla sua,con le gambe aggrovigliate a quelle di lei.

    :-)

  • Anonimo
    7 anni fa

    Sdraiata sul divano,vicino al camino... :)

    http://www.donna-in.com/wp-content/uploads/2012/02...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Fujia
    Lv 4
    7 anni fa

    Seduta, con le gambe sollevate, calzettoni pesanti ai piedi privi di scarpe o ciabatte, sul poggiapiedi. Un cuscino dietro la schiena e tanto tempo a disposizione. Metto sempre una bottiglia d'acqua e un bicchiere vicino al talolinetto del salotto, un pacco di fazzolettini di carta e il telefono, nel caso a qualcuno venga voglia di chiamarmi.

    Quando leggo la comodità deve essere al massimo perchè mi estraneo dal mondo e mi tuffo fra le pagine.

    Fonte/i: Esperieza personale.
  • 7 anni fa

    Sono d'accordo con Calvino, non esiste una posizione ideale per leggere.

    Quando leggo penso a tutto tranne che alla posizione, e spesso infatti mi ritrovo in posizioni assurde, e la cosa bella è che non ricordo mai perché diamine mi sono posizionata in quel modo.

    Più che alla posizione a volte dò più peso al luogo, all'ambiente in cui mi trovo.

    Non c'è cosa più bella che leggere immersi nella natura. Ma talvolta anche un treno, o una panchina di un parco di una città caotica, hanno il suo perché.

  • Anonimo
    7 anni fa

    la posizione più comoda è quella sul cesso

    Fonte/i: tanto per rovinare la poesia del momento
  • 7 anni fa

    Io leggo sempre sdraiato a pancia in giù. Comunque "Se una notte d'inverno un viaggiatore" l'ho letto un mesetto fa, e devo dire che nonostante l'inizio mi avesse lasciato molto diffidente, alla fine mi è piaciuto tantissimo.

  • 7 anni fa

    Io non ho una posizione ideale per leggere, una volta che ho un libro in mano, che sia in formato digitale o cartaceo, mi metto in ogni luogo e posizione disponibile al momento.

    Sedia, divano, pavimento, anche nelle scale...

    Alla fine l'importante è avere qualcosa da leggere ;)

  • Silvia
    Lv 7
    7 anni fa

    Ma...ma....ma...ma che magnifico stralcio! Mi hai appena fatto venir voglia di leggere un altro libro! e mo' come ce lo ficco "se una notte d'inverno un viaggiatore" in mezzo alle altre centinaia di libri che ho voglia di leggere?

    Io ti odio....SALLO! (<- si capisce dal maiuscolo che è voluto, no?)

    Comunque io di solito sto rannicchiata, appallottolata con le ginocchia al petto o con le gambe incrociate, ma non è detto che stia sempre comoda a leggere così. A volte sto seduta a terra, con le gambe allungate e la schiena poggiata al divano, al muro, dove capita, a volte sul divano con le gambe poggiate sui braccioli...o sullo schienale. Se sono in dolce compagnia, non disdegno di usare l'altra persona come poggia gambe mentre allo stesso tempo lo ignoro e mi immergo nella lettura :)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.