torkitorio ha chiesto in Affari e finanzaTasseItalia · 7 anni fa

accertamento ICI immobili fantasma?

Salve a tutti.

Pochi giorni fa una mia parente ha ricevuto l'accertamento ICI per l'annualità 2007 riguardante un immobile accatastato a seguito del DL 78/2010 (i cosidetti immobili fantasma)

Questi immobili infatti producono gli effetti fiscali a partire dal 1/1/2007

Nell'accertamento però viene contestata sia l'omessa dichiarazione, che andava presentata nel corso del 2008 e per la quale la sanzionabilità si prescrive il 31/12/2013, sia l'omesso versamento, che a mio parere andava accertato entro il 31/12/2012.

Dalla lettura del comma 161 finanziaria 2007 i due adempimenti sono separati e conseguentemente la loro sanzionabilità, mentre l'ufficio tributi parla di omessa dichiarazione e conseguente omesso versamento, come se il termine per la decadenza della dichiarazione trascinasse con sè quello per il versamento.

La domanda è:

Qual è il vostro parere in proposito? Mi sapete citare dei pareri o circolari o quantaltro che avvalorino la mia tesi?

Grazie

2 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    il 2007 si prescriveva al 31/12/12, tuttavia, se doveva essere fatta la dichiarazione il termine si protrae di un anno, quindi sostanzialmente è nei termini.

    In caso di ricorso la cosa si potrebbe anche discutere, ma dato l'importo dell'accertamento ti sconsiglierei di ricorrere perchè è una questione un po' fumosa e rischieresti di soccombere.

    (per i ricorsi si puo' anche fare il fai da te se inferiori a 2500 euro di imposta per singolo anno, ma il fai da te lo sconsiglio vivamente).

    Nel caso se la cifra è tanta puoi chiedere al comune di rateizzarla, se no puoi andare ed accordarti per versare il pregresso per vedere se ti scontano qualcosa, a volte alcuni regolamenti comunali lo ammettono.

  • 7 anni fa

    a rigor di logica il versamento è prescritto al 31/12/2007, tuttavia per gli immobili fantasma è possibile che siano state fatte leggi speciali che allungano le possibilità di recupero o addirittura alzano l'importo delle sanzioni minime (in concomitanza con la passata campagna di emersione bonaria).

    la cosa migliore senza andare a cercare circolari o pareri è che porti gli accertamenti arrivati prima possibile ad un dottore commercialista iscritto all'albo. ti dico questo perché la legge vieta la difesa fai-da-te davanti alla commissione tributaria (presumo che l'importo per l'emersione+arretrati superi i 2500 euro). a questo punto avrai per forza bisogno di un commercialista e quindi conviene andarci subito e farti seguire anche nella fase pre-contenziosa. spesso è possibile provare a trovare un accordo col comune, che a volte fa accertamenti di tipo 'grossolano' e sbrigativo per mettere in bilancio le somme richieste...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.