Significato di.. ? (Metallica)?

Vorrei sapere il significato della frase: "When a man lies he murders some part of the world

These are the pale deaths which men miscall their lives

All this I cannot bear to witness any longer

Cannot the kingdom of salvation take me home" Presente in To Live Is To Die dei Metallica

Grazie a tutti e buona giornata.

2 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao.

    Innanzitutto, solo due premesse. 1) La canzone viene dall'album "...And Justice for All", ossia il primo dopo la scomparsa di Cliff Burton. 2) I primi due versi di questa canzone in realtà sono stati scritti da Paul Gerhardt, e piacevano molto a Cliff.

    Poi, direi che si possono fare due interpretazioni della canzone. Una più generica e una più specifica.

    Interpretazione generica

    "Quando un uomo mente uccide alcune parti del mondo

    "Queste sono le pallide morti che gli uomini chiamano vite"

    Ossia: quando mentiamo è come se uccidessimo. Cosa uccidiamo? Alcune parti del mondo. Nel secondo verso viene precisato che queste "parti del mondo che vengono uccise", ossia queste "pallide morti" sono le nostre vite. Dunque? Dunque ogni volta che qualcuno mente a noi è come se ci uccidesse! Per questo la canzone si chiama "Vivere è morire". Ossia: qualcuno prima o poi ci mentirà, e, da un punto di vista fisico saremo in vita, ma da un punto di vista metaforico saremo morti (stando alla metafora presente nel testo). Da qui l'analogia Vivere = morire.

    "Non posso più sopportare di essere testimone di tutto ciò

    Il regno della salvezza non può portarmi a casa?"

    Ossia: questa è una condizione davvero difficile da accettare. L'autore non ce la fa più a sopportare di vivere in un mondo simile, e chiede di essere accolto nel "regno della salvezza" (forse il regno di Dio?) così potrà riposare in pace, invece di vagare come uno spettro in questo mondo in cui viene "ucciso" ogni giorno.

    Interpretazione specifica, quella riconosciuta da tutti

    Dicevamo, i primi due versi furono scritti da Paul Gerhardt ed erano molto apprezzati da Cliff Burton. Era il 27 Settembre 1986 quando Cliff morì. I Metallica si stavano spostando in autobus durante il loro tour europeo. Durante il viaggio il mezzo si ribaltò e Cliff restò ucciso. Gli altri membri della band non riuscirono ad accettare la situazione. In particolare James Hetfield disse apertamente che avrebbe voluto uccidere l'autista in quel momento, il quale disse che era colpa della strada ghiacciata. Hetfield ripercorse tutta la strada a piedi e non vide ghiaccio da nessuna parte ed iniziò a sospettare che in realtà l'autista fosse ubriaco.

    Dunque, abbiamo detto che mentire significa uccidere. Chi è che mente? L'autista, dicendo che l'asfalto era ghiacciato. Chi è che è morto? Il povero Cliff.

    Terzo verso: "Non posso più sopportare di essere testimone di tutto ciò" <--- E' come se Hetfield gridasse di non riuscire ad accettare le menzogne dell'autista/assassino.

    Ultimo verso: "Il regno della salvezza non può portarmi a casa?" Beh... Queste parole è come se le cantasse lo stesso Cliff... E a tal riguardo ti consiglio di cercare qualche immagine della sua lapide.

    Spero di essere stato d'aiuto e che sia tutto chiaro! Alla prossima ;)

  • 8 anni fa

    L'utente che mi precede è stato molto esaustivo e mi complimento con lui.

    Gira la storia-almeno,tra fan dei Metallica di vecchia data,tra i quali ci sono anch'io-che il testo sia stato scritto da Cliff,e stato ritrovato postumo.

    Per quanto riguarda la sua personalità,sempre pacata e ragionevole,e "arsa dal fuoco della passione" per la musica ...per le esplorazioni musicali e interiori,ed essendo lui un po' il "filosofo"dei Metallica(era anche una sorta di outsider,mezzo hippie e mezzo punk,al quale non fregava niente delle mode e del successo),io la ritengo molto verosimile:l'ipotesi che abbia scritto lui il testo.

    Stupendo peraltro,e che mi vede totalmente d'accordo.

    In mie umili e povere parole,significa questo:

    Ogni volta che mentiamo a noi stessi o agli altri,uccidiamo qualcosa di importante(una realtà,una verità!)dentro o fuori di noi. Fallire e morire significa anche raccontarsi balle e non essere mai se stessi,in armonia con la propria natura,e con la vita("le pallide morti che gli uomini chiamano impropriamente le loro vite).

    E ti credo che non si sopporta più di vedere tutto questo.

    Quanto alla frase "che non possa,il regno della Salvezza,portarmi a casa?",contiene sia una sentenza collegata alla frase precedente,ossia:

    anche se lotto contro l'ipocrisia e differisco da questo mondo,è sicuro che mi salverò dalla sua marea intossicante?(penso proprio di sì,soprattutto per una persona come Cliff,ma anche come i Metallica in generale,persone VERE fino all'odio degli ex-fan,ad esempio)

    Oppure potrebbe essere una proiezione sul post-mortem,una domanda:dopo tutta questa non-vita,ci sarà un posto,una casa per me nel Regno della Salvezza,dove la morte non esiste?

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.