Parere legale su caso famigliare?

Ciao a tutti, ho bisogno di un parere legale.

Una mia cara amica convive con un uomo dal quale ha avuto una bimba ora di 20 mesi.

Quest'ultimo usa quotidianamente violenza fisica e psicologica sulla propria compagna. Ultimamente ha addirittura tentato di soffocarla portandola allo svenimento.

Come possiamo muoverci per far si che lui se ne vada e non veda più la figlia?

Al massimo è disposta a fargliela vedere in presenza della madre.

Vi ringrazio

8 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Allora:

    bisogna separare le due cose: 1) violenza sulla madre e 2) bimba

    La violenza non è MAI accettabile. Va denunciata. Si va dal medico, gli si mostra i lividi e ci si fa scrivere due righe di prognosi. Poi si va dai carabinieri e si denuncia il fatto. I carabinieri convocheranno il soggetto, gli faranno una bella ramanzina di rimprovero e minacce di conseguenze penali e lo lasceranno tornare a casa.

    La signora avrà forse vita migliore? non si sa.

    Ma questo e il passo di chi vuole continuare a credere in quella convivenza ( o forse non sa dove altro andare)...

    Diverso è se la signora vuole separarsi dal convivente. Visto che non è sposata se ne può andare in qualsiasi momento: valigia, chiavi sul comò e tanti saluti.

    Bimba: a meno che il padre non sia stato violento con LEI, non ci sono i presupposti per "non fargli vedere più la bambina". Lui è suo padre, pagherà per il suo mantenimento, prenderà anche lui le decisioni per la sua vita. La BAMBINA ha diritto di vedere/stare con suo padre.

    Ma se la mamma pensa che il papà possa costituire una minaccia per la piccola, può parlare con un assistente sociale che le spiegherà come muoversi per ottenere l'affido esclusivo della bimba e le visitazioni col padre controllate.

    Prenda appuntamento al Consultorio Familiare presso la sua ASL di zona: ci sono assistenti sociali e legali in aiuto alla famiglia. E le indicheranno il percorso legale, aiutandola ad ottenere il Gratuito Patrocinio (ovvero l'avvocato "d'ufficio" a spese dello Stato) se ce ne sono le condizioni.

    P.s. e tu stanne fuori.

  • Anonimo
    7 anni fa

    denunciare SUBITO

  • Anonimo
    7 anni fa

    Ciao, se vuoi un parere legale

    ti posso consigliare di esporre il caso in questo sito: http://www.myhelpforum.net/

  • 7 anni fa

    Ma cosa parere legale. Prima andrei e strapperei sia compagna che la bimba dalle mani di un VILLANO poi andrei dai legali. Denuncerei il fatto e lui si passerebbe delle belle giornate in carcere. Mi stupisco ancora del fatto che la gente sopporti la violenza. La violenza va REPRESSA all'istante e va rimossa già agli inizi dell'insorgenza stessa. Credi che un uomo che picchi costantemente la compagna la ami? NO! Cercate di fare qualcosa e cercate di far tornare a vivere a quella donna una vita degna di essere vissuta. Per vie legali non so però mi procurerei un buon avvocato e allontanerei quel tipo dalla mia vita fossi in voi. La violenza immotivata va punita immediatamente! E tu sei un suo caro amico? Io mi sarei messo in mezzo e avrei ospitato la sua amica a casa fossi in lei. Fa qualcosa non stia a chiedere a noi di answer!

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • ?
    Lv 6
    7 anni fa

    Le opinioni che precedono mi sembrano fin troppo superficiali e forcaiole. Non vengono analizzate in profondità certe questioni.

    Quest'uomo usa quotidianamente violenza fisica e psicologica?

    Tu come lo sai?

    L'hai visto tu stesso? Te l'ha detto lei?

    Io vorrei sentire anche la sua versione dei fatti e non solo la solita "campana" femminista.

    Non mi stupirebbe scoprire che in realtà le cose stanno diversamente.

    Troppo spesso in questo paese gli uomini vengono falsamente accusati da donne senza scrupoli che si fingono vittime, con l'unico subdolo fine di liberarsi di loro e impedirgli di vedere i loro figli. Tutto questo è vergognoso!

    Prima di parlare, informatevi di quello che combinano le donne sull'alienazione genitoriale e le false accuse. Quello che la propaganda ideologico-femminista mediatica non fa mai sapere:

    https://www.facebook.com/NoViolenzaUominieBambini?...

  • 7 anni fa

    Allora,prima di un parere legale,ti consiglio di allontanare immediatamente la tua amica e la sua piccola da quel porco e villano del suo compagno.

    Poi,se i segni della violenza sono evidenti,consulta un medico e fagli notare la violenza,se lui ritiene giusto rivolgersi ad un legale,o comunque ad un giudice,avvocato... Allora provvedi subito!

    Nel frattempo,se puoi tieni la tua amica lì da te,si sentirà sicura è protetta.

    Evita di farle incontrare il compagno,potrebbe portarla ad una crisi,o a qualcosa di peggio,e se proprio nn puoi evitare di farli vedere,allora accompagnala.

    Per la piccola,non so cosa dirti,chiama parenti,che se ne prendano cura,oppure lasciala stare lì con te e sua madre.

    Ma se la tua amica deve rimanere a vivere a casa sua,porta la bimba a casa di un parente (sorella,nonna..),nn è sicuro tenerla esposta al padre.Potrebbe violentare psicologicamente,ma anche magari sotto forma di violenza fisica,anche lei.

    Se lo ritieni opportuno,perché il compagno è diventato davvero violento,va alla polizia,con la tua amica,e convincila a raccontare tutto alla polizia,o vai tu a raccontare tutto,ma potrebbero nn crederci.

    Mi dispiace molto per la tua amica!

    Spero,di in qualche modo,averti aiutata.

    E se nn ti sono stata utile,posso capirlo,in fondo i pareri di una 15enne,che cosa contano in una storia così importante??!!

  • 7 anni fa

    Se lui ha la residenza lì, nella casa della tua amica, allontanarlo è un bel casino. La tua amica, per far cosa utile all'intera società, dovrebbe farsi fare un bel certificato medico dal pronto soccorso e quindi sporgere denuncia. Perchè dopo di lei potrebbe esserci un'altra vittima.

  • 7 anni fa

    digli alla tua cara amica di scappare o di buttarlo fuori e un essere pericoloso e poi ci scappa il morto e una realtà vera tutti i giorni se ne parla gli a messo le mani al collo e un attimo strangolarla a bisogno di non avere una violenza fisica e psicologica anche perché a lungo andare pensa di essere lei la sbagliata ma e lui il pazzo del posto e la gente lo deve sapere lei deve andare subito al pronto soccorso se le mette ancora le mani a dosso e poi subito a denuncia in caserma e un buon avvocato subito ci sono anche dei fogli del anti violenza per telefonare...io non aspetterei che mi metta le mani addosso se non vuole andare lui che vada lei per la casa dopo il giudice provvederà sempre per i soldi

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.