Basta effettivamente leggere il libretto di istruzioni per capire come si fotografa?

Mi chiedevo se per una persona che nulla sa di fotografia se sia effettivamente sufficiente o meglio indicato, leggere il libretto di istruzioni per comprendere come utilizzare al meglio la reflex appena aperta la scatola d'imballaggio.

Una riflessione che mi è sorta da quando alcuni amici che si sono uniti alle uscite fotografiche mi hanno detto che essendo a digiuno di nozioni, leggevano anche con tanta attenzione il libretto di istruzione, ma non riuscivano a comprenderlo.

Ritengo quindi che sarebbe opportuno che le persone che si avvicinano alla fotografia comprino un buon libro di fotografia che spieghi le basi in modo che quando leggeranno il libretto di istruzioni della reflex, non si troveranno spaesati.

Certo questo non è l'unico modo per entrare nel mondo della fotografia attraverso una reflex, c'è anche chi al posto di comprare il libro di fotografia si cerca dei siti in Internet dove spiegano tutto egregiamente...

Oppure c'è chi comincia a leggersi il libretto di istruzione della reflex e quando trovano un termine "sconosciuto" fanno una semplice ricerca su Internet.

In definitiva però credo che il miglio approccio sia quello di comprare un buon libro per farsi le basi della fotografia e poi passare al libretto di istruzioni.

Voi che ne pensate.

Aggiornamento:

In sintesi la mia domanda è:

non è meglio comprendere, atteaverso un libro di fotografia, cosa è e come è fatta una reflex e poi leggere il libretto di istruzioni?

Parlo di persone che hanno comprato la loro prima reflex ed hanno voglia di imparare a fotografare.

Aggiornamento 2:

Se il manuale ti dice come impostare la lettura esposimetrica...ma la persona che sta leggendo non sa cos'è un esposimetro, a cosa cavolo serve etc. potrà leggere 10 volte ma non capirà nulla.

Invece se ha letto un libro che mi ha spiegato prima tutto sarà più semplice comprende il manuale della reflex.

14 risposte

Classificazione
  • 8 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao , penso che la conoscenza arrivi direttamente dallo sperimentare, se non hai il mezzo per sperimentare puoi farti tutta la Teoria che vuoi ma non puoi dire di essere nella realtà, non puoi prenderne Coscienza ( non sono così bravo, :-) non è farina del mio sacco, è una citazione che fa parte di un lungo discorso legato all'Antroposofia, ma torniamo a noi ;-) . La mia primissima macchina fotografica aveva solo poche regolazioni di diaframma, una posizione per "sole pieno" , una per sole velato ed una per "ombra" , e mi pare uno stesso tempo di scatto , una sola sensibilità "ASA", era di plastica, un giocattolo praticamente, ma mi permise di capire l'uso *dell'apertura* del diaframma, e , cosa non da poco, scoprire che fotografando con la Posizione "sole" anche se non c'era molta luce le foto venivano sì scure ma c'era molta più roba a fuoco ( pdc del diaframma più chiuso ) . Quando presi la mia prima Compatta la scelsi con la possibilità di poter variare il Diaframma e la Distanza di Lavoro (prima macchina una Diana F Flash Camera, prima Compatta una Minox-35 GT) . La prima Compatta mi permise di fare confronti fra le compatte *entry level* e le compatte fatte con criteri costruttivi diversi. La Minox aveva il corpo in "Makolon (C)" un Policarbonato ideato dalla Bayer che la rendeva robusta e leggera al tempo stesso, lenti in Vetro Ottico supermolato e con trattamento antiriflesso, e tanto altro che la poneva *una spanna sopra* le altre. Queste due prime esperienze mi permisero di arrivare alla Reflex senza buchi di cultura (se così si può dire) . La lettura dei Manuali è stata un passo necessario (e sottolineo necessario) ma non fondamentale, ritengo che fondamentale fu davvero "trovarsi in mano l'oggetto e cercare di capire come funziona". Certo le vecchie reflex e i vecchi obiettivi Aiutavano molto nella comprensione , potevi *vedere il diaframma che si apriva / chiudeva ruotando la ghiera e guardando (ad obiettivo smontato) verso una fonte di Luce* , potevi selezionare il tempo di scatto *meccanico* e controllare visivamente (senza pellicola inserita) quanto ci metteva a richiudersi l'otturatore quando impostavi 1/8 .. o 1sec. . Oggi tutti iniziano già con apparecchi che hanno potenzialità sconosciute rispetto a quelli con cui abbiamo cominciato noi, ma non permettono per contro una visualizzazione di ciò che si va a fare. Penso che se ad un neofita si desse in mano una vecchia Vivitar o una vecchia Chinon meccaniche e lo si costringesse a fare pratica con qualche rullino in B/N imparerebbe con più conoscenza. Sai cosa aiuterebbe davvero più di un buon libro, e più di un manuale ? affiancarsi ad un fotografo paziente che ti spiega *e ti fa vedere* -magari con qualche vecchio cimelio- cosa vuol dire e cosa fa aprire / chiudere - variare il tempo - ecc. Mi piace quello che dice Adeles , :-) anche io fotografo con l'altro occhio , mi ci trovo meglio , e concordo col fatto ( grazie Pellicola ! ) che lo scatto vada Pensato *prima* e che si scatti con la quasi sicurezza di portare a casa il risultato, si deve scattare pensando di fare uno scatto perfetto, il foto ritocco deve servire ad abbellire o a correggere minimi difetti, non a rendere accettabile una foto cessa , i bimbominkia pensano proprio questo, pensano che si possa scattare alla C.d.C. e che poi con Photoshop si possa fare il Miracolo di levareil mosso, 2) levare il micro mosso, 3) correggere sovra/sotto/ultra esposizioni, dominati di qualsiasi colore, e *aggiungere Effetti* che fanno avere *tanti mi piace* su facebook o Instagram. Tu usi Photoshop e lo sai usare bene , ed il tuo uso è *pensato* , tu sapresti fotografare anche senza, ma Loro si affidano solo a quello, ed il Marketing purtroppo l'ha capito :-( guarda le ultime reflex , hanno modi "minkia" che nessuna persona che sa fotografare vorrebbe usare. Ragazzi, volete imparare in fretta e senza sbattervi troppo ? affiancatevi ad un *vecchio* fotografo, se cercate lo trovate , ce n'è uno in ogni paese, gli chiedete di uscire a fare due scatti con Lui , e .. vedrete che in due uscite imparate più che in quattro corsi, trenta libri e cento manuali. Basta avere l'umiltà di saper imparare e l'umiltà di saper insegnare senza fare gli sboroni e senza fare i santoni ma solo facendo vedere per davvero come si fa e cosa si fa. Buona luce *a tutti* , ciao.

  • 8 anni fa

    Il manuale d'uso serve per capire la macchina.

    I manuali di fotografia per capire come sfruttarla.

    Quindi la lettura dell'uno è conseguente della lettura dell'altro.

    Se non si hanno le basi tecniche e non si conosce la tecnica difficilmente di scatta grandi foto, se si conosce la tecnica la foto bella si ha al momento dello scatto, perché composizione ed esposizione saranno perfette o quasi.

    Attualmente la stragrande maggioranza di chi ha in mano una reflex non ha letto ne il manuale d'uso ne i libri sulla fotografia. Ma sono tutti photography. Per tutto il resto concordo con Marta, Semplicem..., Magario, Rial

    Concordo anche con Ironmember, Eros e Pietro.

    “Senza tecnica non si fanno fotografie. L'arte, senza la profonda conoscenza dei materiali e degli strumenti, è solo casualità.” Giulio Forti.

    Invece un grande fotografo italiano che ho avuto modo di conoscere, a degli incontri anni fa, disse

    Senza la conoscenza della tecnica e del mezzo tecnico non si va da nessuna parte.

    Questo era il senso della frase, non ricordo le parole testuali ma il senso mi è rimasto impresso.

    Ricordo che parlò anche che i "difetti" dell'attrezzatura, se conosciuta a fondo, possono essere sfruttati a proprio favore.

    @amici fritz, la tua risposta la salvo, è l'esempio più chiaro di chi si compra una reflex, scatta a raffica e dopo un anno sa già tutto e fa capolavori. Freeman, Kelby e qualsiasi altro fotografo professionista che scriva un libro non scrive cose superate perché le regole della composizione, sia in pittura che in fotografia, sono sempre quelle da anni e anni. Resteranno sempre quelle anche negli anni a venire perché sono i limiti della mente umana a far si che seguendo queste regole una fotografia o un quadro colpiscano l'osservatore. Il rapporto aureo, fibonacci, le linee di fuga o la semplice regola dei terzi o qualsiasi altra regola si basa proprio sulla capacità ( e sui limiti) di osservazione e concentrazione umana. 200 foto scattate in un pomeriggio? Preferisco scattarne 50 ma pensate. Il mosso o lo sfocato oppure una sovra o sotto esposizione spinta e voluta tu non la capisci e questo mi fa dubitare sul reale valore delle tue foto.

  • Anonimo
    8 anni fa

    Leggere il libretto di istruzioni è sicuramente la prima cosa che chiunque compri una macchina fotografica (dalla compatta alla reflex a maggior ragione) dovrebbe fare SEMPRE. E questo basta per imparare a usare la macchina, quanto meno per capirne tutte le funzioni e potenzialità.

    Non basta per imparare a fotografare, invece. Perchè come è ovvio se a pagina 10 ci trovi scritto che la ghiera tal dei tali serve in una certa modalità a aumentare o diminuire l'apertura del diaframma e non hai la più pallida idea di cosa sia il diaframma e cosa faccia quando ne vari l'apertura, è chiaro che ne sai come prima!

    Personalmente ho preso la mia prima reflex 2 anni fa, contagiata dalla passione per la fotografia di mio zio, era una canon 60D con 18-135 (e già qui in molti direbbero che una principiante che si compra la 60D butta i soldi...) e quando sono andata a comprarla non sapevo neanche cosa fosse il famoso diaframma, iso, velocità di scatto per non parlare di regole di composizione o post produzione e via dicendo (doppio-urlo di sgomento dalla folla!!). Sono andata a casa, ho letto 10 pagine di manuale e mi sono fermata, non ci capivo niente.

    Mi sono seguita una serie di lunghi tutorial sulla fotografia base e mano a mano che scoprivo cose sono tutte quelle cose ho continuato a leggermi il manuale. Sono passati alcuni giorni tra l'acquisto e la prima foto, all'ora che ho finito i tutorial e il manuale, ma almeno dopo ho capito cosa stavo facendo e ovviamente ho cominciato ad imparare e imparare... di certo non ho ancora finito oggi!

    Quindi sicuramente leggere il manuale è fondamentale, ma affiancarlo a un libro di fotografia o corso o tutorial online è altrettanto fondamentale secondo me!

  • Cars
    Lv 7
    8 anni fa

    Io penso che il libretto va letto con attenzione....ma non è detto che tutto quello che c'è scritto ci serva immediatamente....e che sia subito invece una buona cosa fare tante prove non la macchina fotografica...io penso anche che la foto la desidero già bella dopo lo scatto...dopo deciderò se ritoccare o cosa fare...

    Sapere tanta tecnica sarà giusto, ma per una come me, che per cause varie non ho sempre la reflex in mano...finisco per scordarmi le cose...tu sai quanti anni ho suppergiu'!

    È un po' come comprarsi un libro sul'educazione del cane e aspettare anni per avere il cane....

    Sapere le basi sulla sua educazione è importante....ma poi quando si ha il cucciolo si devono fare tante prove ed usare molti espedienti .....

    Molti consigliano di sentire se c'è filing nel prendere in mano una macchina fotografica....

    Io ad esempio non faccio testo perché uso l'occhio sbagliato quando guardo nel mirino!!

    Oltre che essere mezza mancina ...

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • L'hò
    Lv 6
    8 anni fa

    guarda dipende... chi prende un buon libro prima di comprare una reflex è un'appassionato vero, almeno così è in genere, e quindi ha quella voglia dentro che aiuta molto e gli rende meno difficile la scoperta della macchina mentre gli altri, di norma, sono pigri e anche leggendo il libretto è come se lo sfogliassero in 5 second perchè non sempre hanno voglia di capire e cercano la famosa scorciatoia.

    Quello che bisogna dividere è l'uso della macchina e le basi della fotografia.

    Per capire come funziona l'esposizione quindi le coppie tempo/diaframma/iso, la PDC e il resto ci sarebbe bisongo di un buon manuale o una guida in carne ecc ecc che ci spieghi tutto con calma e umiltà.

    Per capire come funziona la Nostra macchina fotografica serve il libretto di istruzioni.

    Sono anche andato a leggermi i miei manuali pdf e come ricordavo e sostenevo di fotografia non c'è nulla di chiaro ma nozioni buttate li che bisogna interpretare.

    La cosa migliore è affiancare un libro generico e , se si conosce una persona volenterosa, uno che ci spieghi quello che c'è da sapere senza diventare troppo schiavi.

    Insomma... come fai tu e come faccio io con i miei amici nel mondo reale.

    ----

    come ti hanno già detto le due cose non vanno separate o primo passo e secondo ma vanno assieme. per fotografare hai bisogno di una macchina che sia una Polaroid o una Medioformato hai bisogno di qualche cosa che fa click quindi devi sia leggere un buon libro che il libretto di istruzioni nello stesso tempo e magari avere una persona che ti faccia crescere.

    ----

    @L'amicoFritz: per imparare la Composizione Fotografica e le regole base la cosa Migliore è studiare trattati di Pittura, Disegno ecc ecc perchè le regole della composizione sono identiche sia per la fotografia che per la pittura.

    Altra cosa... sbagli quando dici che se Freeman scatta una foto sfocata è perchè l'ha sbagliata ma perchè l'ha pensata prima di farla così.

    ti faccio un'esempio che mi è successo.

    io ho fatto questa foto

    http://www.flickr.com/photos/lorissettanni/8678872...

    La modella dopo che l'ha vista su flickr e nonostante avesse firmato una liberatoria mi ha detto

    Modella: "Toglila subito è sfocata non mi si vede!!!"

    io: "Si lo so che è sfocata.... le ho fatte apposta sfocate"

    Modella:"No non è vero l'hai sbagliata toglila non mi si vede"

    Io: "Ne ho fatte 110 così che le ho sbagliate tutte? ok porto gli occhiali ma se è sfocata la vedo"

    Modella"No non è vero è sbagliata toglila"

    Io: " ti tolgo il nome e il link e basta ciao"

    questo lo scatto originale

    http://imageshack.us/f/7/nr9m.jpg/

    e non farmi caricare tutte le altre perchè son troppe.

    Questo è per farti capire che chi conosce le regole le infrange consapevolmente chi non le conosce pensa che sia un'errore riciclato... a volte è vero.. spesso ma si capisce quando è uno sbaglio o è ricercato.

    Il libro di Freeman "Occhio del fotografo" è ottimo perchè spiega in maniera semplice alcuni aspetti della composizione che si possono imparare anche senza leggere libri di fotografia ma, meglio ancora, libri di arte o osservando e criticando le opere dei grandi... si assimilano per osmosi.

    Insomma i libri servono, la pratica serve serve tutto .

    ---

    @L'amicoFritz: ma Freeman o Kelby non passeranno certo alla storia. sono Ottimi fotografi ma che non hanno fatto nulla di nuovo o meglio Kelby non è neanche un fotografo ma un ritoccatore.

    se parliamo dei grandi , di quelli che sono nei libri guarda gli scatti di queste persone.

    Claude Cahun già nei libri di storia e fu lei ad inventare l'autoritratto https://www.google.it/search?q=Claude+Cahun&source...

    Cindy Sherman: già nei libri e lei inventò 2 generi distinti https://www.google.it/search?q=Claude+Cahun&source...

    e Duane Michals, anche lui nei libri di storia della fotografia https://www.google.it/search?q=Claude+Cahun&source...

    e la mia favorita che non è nei libri ma spero che ci entri per la sua creatività

    Sara Lando http://www.flickr.com/photos/rent-a-moose/sets/

    gli altri due sono solo ottimi fotografi che però non hanno portato nulla di nuovo e sono sicuro che se tu andassi nei luoghi di Freeman non faresti mai le foto che fa lui anche volendo imitarlo.

  • Balrog
    Lv 7
    8 anni fa

    Bisogna affiancare la lettura del manuale della fotocamera con quella di un manuale di fotografía. Nessuna delle due cose da sola puo portare risultati. E' inutile sapere a cosa serve il diaframma e cosa cambia aprendolo o chiudendolo se poi non si sa come regolare il diaframma sulla propia fotocamera (perche non si conosce quale tasto, menú o cursore lo controlla); cosi come e' inutile sapre come si cambia l' apertura di diaframma ma senza sapere cosa comporta il cambiarla.

    Le due cose si completano a vicenda

  • Rubz
    Lv 4
    8 anni fa

    No non basta , il libretto d'istruzioni ti spiega il funzionamento della macchina , ma non basta per usare al meglio la reflex e sopratutto non insegna a fotografare...

    Il libro di fotografia è la soluzione ma poi bisogna fare esperinza...

  • 4 anni fa

    Per addestrare un cane ci vuole un metodo, io ho imparato come fare grazie a questo corso online, è fantastico http://corsoaddestramentocani.latis.info/?eu32

    Addestrare un cane non è di sicuro un’impresa facile. Ci vogliono tanta pazienza, costanza e amore verso il proprio amico a 4 zampe. Inoltre, non bisogna demordere, e premiarlo quando si comporta in modo corretto.

  • ..
    Lv 4
    8 anni fa

    il manuale d'istruzioni ti fa capire tutto sulla tua reflex, a che servono i vari pulsanti come si settano e bla bla bla ma un manuale non ti spiegherà mai che fare per alzare l'esposizione in una foto. io mi sono scaricato online il manuale della nikon d90 ( che prenderò a natale, ma così almeno appena la prendo posso subito scattare, tanto l'avrò già letto ) e ti assicura che parla solo del corpo macchina, non spiega nulla di iso, diaframma, tempi ecc... pensa che il bilanciamento del bianco spiega come si fa a settarlo ma non spiega a che serve realmente. per questo io consiglio, si, di leggere tutto il manuale in modo da capire i segreti della macchina, ma ti comprare un buon libro per imparare le basi, o vedere un corso su you tube

  • 8 anni fa

    No, non basta.

    Il manuale ti insegna ad usare la reflex ma non comprende una spiegazione approfondita delle basi. Il manuale d'uso è un'ottima fonte d'informazione, anche tecniche, ma prevede comunque delle pre-conoscenze da avere per capirne a pieno le informazioni contenute in esso.

    Da qui il mio invito, quando si chiedono informazioni sull'acquisto di una reflex, di studiare le basi prima dell'acquisto.

    Mi trovi del tutto d'accordo con la tua riflessione e la sottoscrivo.

    ----------------

    Concordo anche sui dettagli aggiuntivi.

    La lettura del libretto d'istruzione della reflex è il secondo passo. Prima si studiano le basi con le modalità che riteniamo più congrue per noi: libri, tutorial, riviste, etc...

    Appunto personale: io il manuale d'uso della reflex l'ho scaricato e letto tutto prima dell'acquisto della reflex.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.