Anonimo
Anonimo ha chiesto in Auto e trasportiAerei · 7 anni fa

l' aria pressurizzata nella cabina dei velivoli commerciali proviene dai motori e contiene organofosfati?

Una fumosa diatriba...

L’aria esterna necessaria a pressurizzare e climatizzare la cabina di un velivolo è prelevata dai compressori dei motori, se in volo, o dal generatore ausiliario (APU- Auxiliary Power Unit), se a terra. In certe situazioni anomale (guarnizioni usurate dei motori o dell’APU, errori di manutenzione o difetti di progettazione) si può verificare che piccole quantità di carburante, olio e fluido idraulico vengano immesse all’interno dell’aeromobile tramite l’aria del condizionamento.

La discussione sulla presenza e sui livelli di concentrazione di inquinanti chimici nella cabina di una aeromobile dovuti alla penetrazione di fumi è una diatriba che va avanti da molti anni tra le case costruttrici, le associazioni professionali ed alcuni passeggeri che hanno lamentato danni.

Da una parte abbiamo i costruttori di velivoli come la Boeing che sostiene che nelle ”rare” occasioni in cui i contaminanti chimici potrebbero penetrare all’interno dell’aeromobile, le concentrazioni sarebbero ben al di sotto dei “livelli soglia” stabiliti dalla tossicologia moderna; dall’altra parte ci sono molti piloti e passeggeri che ritengono la pessima qualità dell’aria responsabile di patologie neurologiche da loro sofferte.

Il 21 aprile 2008 nel programma “Panorama” della BBC viene trasmesso un documentario nel quale si investiga sul problema. Due reporter prelevano campioni di aria da due diversi aeromobili e li fanno analizzare dal professor Christiaan Van Netten, tossicologo, il quale trova, in tutti e due i campioni, tracce di un organofosfato, il tricresylfosfato(TCP). Gli organofosfati sono sostanze tossiche per l’uomo che vengono largamente adoperate in agricoltura in qualità di pesticidi; i casi di avvelenamento fino ad adesso conosciuti sono dovuti ad ingerimento o inalazione accidentale ed a tentativi di suicidio. Il tricresylfosfato è una neurotossina responsabile di effetti negativi sul sistema nervoso; il suo effetto non si limita alla fase acuta, ma provoca notevoli effetti cronici.

(da: http://www.manualedivolo.it/index.php?option=com_c...

si tratta di un errore di progettazione? andando a vedere i malfunzionamenti e gli incidenti rapportati su The Aviation Herald si possono notare diversi casi di "smoke in cabin", "burning smell on board", "smoke in cockpit", "oil fumes on board", "smell of smoke in cockpit", ecc. e questo soltanto sfogliando le prime pagine del sito: http://avherald.com/ (in prima pagina vi è anche l' incidente di martedì, a Roma, con l' Airbus A320 dell' Alitalia che fa un atterraggio d' emergenza: http://avherald.com/h?article=469338e0&opt=0

qui si fa notare che un incidente simile era avvenuto con un Airbus A320 della Wizz Air, in volo da Bucarest a Roma, l' 8 Giugno 2013: http://avherald.com/h?article=46380ff0&opt=0

sempre a proposito dell' aria di spillamento: il Boeing 787 usa un sistema diverso per il condizionamento dell' aria della cabina: qui si usano dei generatori elettrici per alimentare gli impianti dicondizionamentoo, con aria proveniente dall' esterno, quindi non dai compressori dei motori.

in tutti gli altri aerei, l' aria nella cabina proviene dai compressori dei motori, e contiene sostanze molto nocive per l' uomo perché paragonabili a dei gas nervini. ne avete mai sentito parlare? da piloti, dal personale di bordo? da tecnici? è un problema di cui si discute nell' ambiente dell' aeronautica civile?

1 risposta

Classificazione
  • Rubz
    Lv 4
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Personalmente lo avevo sentito nominare ma niente di più ...

    Essendo stato pilota dell'aeronautica militare non ho mai fatto particolarmente caso a questi problemi , personalmente non ho mai avuto problemi di questo genere (credo cmq che siano piuttosto rari...) ne su velivoli multiruolo (ho pilotatoil Typhoon e l'F-16 principalmente...) ne su altri velivoli come il C-130J oppure i Falcon2000...Cmq questi problemi non dovrebbero sorgere se i velivoli sono sottoposti a regolare manutenzione ordinaria...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.