Miss Nothing ha chiesto in SaluteSalute mentale · 7 anni fa

Sono strana, pazza o cosa?

forse ho un carattere che agli altri risulta strano, non parlo molto, esco poco, e quando parlo con qualcuno (anche sforzandomi) diciamo che non fanno delle facce soddisfattissime.... anzi se possono poi mi evitano direttamente :( forse pensano che sono pazza?? mi sa di si...

Aggiornamento:

4°Reich mi prendi in giro?? XD

7 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Le nostre reazioni agli altri sono condizionate dall'interesse che le persone inducono in noi. Siamo cioè istintivamente attratti da coloro che provocano in noi emozioni positive. Tendiamo a intrattenerci con individui che stimolano in noi pensieri ed emozioni piacevoli. Quindi giudichiamo "interessante" una persona perché è simpatica, perché ha il senso dello humor, perché è bella o gradevole, perché è sexy, perché conversa in modo accattivante, e via dicendo. Siamo, invece, istintivamente allontanati da quelle persone che ci danno emozioni negative, perché sono sporche e maleodoranti, brutte e tristi, timide e introverse, ecc. Ora potrebbe apparire umanamente ingiusta questa differenziazione, perché sappiamo, dentro di noi, che una persona non si giudica dall'esterno. E' vero, ma a posteriori. Nel momento della relazione l'attrazione e la repulsione istintive hanno la meglio. Per dirla molto banalmente, siamo attratti dalle persone che ci piacciono ed evitiamo quelle che non ci piacciono. Ora è probabile, e te lo dico con tutto il rispetto, che possa esserci in te qualcosa che non ti rende istintivamente "attraente" agli altri, per ragioni fisiche (ma è raro), psicologiche o comportamentali. E' vero che c'è sempre qualcuno che ci apprezzi per come siamo, ma statisticamente, nella vita quotidiana, basiamo le nostre reazioni su presupposti più largamente e banalmente condivisi. Un' ulteriore difficoltà è posta dall'ambiente che spesso non è quello che sentiamo a noi più confacente e nei confronti del quale agiamo in modo innaturale e circospetto, proprio perché non lo sentiamo confacente al nostro carattere e siamo continuamente in dubbio sulla necessità di adattarci ad esso o restarne definitivamente avulsi. Tutto questo comporta una caduta nella naturalezza e nella spontaneità dei nostri gesti e ciò va a discapito dell'effetto che facciamo sugli altri. Quindi, in ultima analisi, bisogna essere sempre sé stessi, oppure dobbiamo sforzarci di apparire diversi per essere meglio accettati? Io credo che anche in questo caso, come sempre, la virtù stia nel mezzo: continuare ad essere noi stessi ma imparare a stare con gli altri cercando di essere piacevoli esaltando i nostri aspetti migliori e correggendo quei difetti che più ci rendono antipatici. Il tutto senza snaturare la nostra personalità.

    Fonte/i: Psicologo e psicoterapeuta
  • Poli
    Lv 5
    7 anni fa

    sei semplicemente introversa!

    Fonte/i: noto dalle risposte che non centrano niente,parlare di gesù, il demonio...ma vogliono mettersi in testa che non esiste nessun demonio,inferno,purgatorio che è stato infatti cancellato.....!
  • Bog
    Lv 6
    7 anni fa

    Insomma, alla fine cosa vuoi fare?

    MIGLIORARE ?

    AVERE PIU' AMICIZIE ?

    ESSERE PIACIUTA DAGLI ALTRI (Impresa folle e frustrante)

    Se non scrivi piu' estesamente nessuno puo' a ragion veduta

    risponderti, A parte le solite cretinate tipo YA.

  • Anonimo
    7 anni fa

    NON è CHE SEI STRANA O PAZZA...HAI IL TUO CARATTERE E LA TUA PERSONALITA CHE TI RENDONO UNICA E DIVERSA DAGLI ALTRI...E MAGARI NON COMPRENDONO I TUOI COMPORTAMENTI...OPPURE I TUOI DISCORSI SN POCO INTERESSANTI

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    7 anni fa

    Anch'io sono così, quindi siamo geneticamente adatti a riprodurci ! Ti va di add me su fckbuck? O__o

    Fonte/i: Nope ;p
  • Anonimo
    7 anni fa

    Ti invito a leggere il Messaggio di Gesù per Te su www.gerusalemme.info

  • Anonimo
    7 anni fa

    no,tranquilla.Sei sana e normale.

    la normale azione del diavolo è quella di insinuare nella mente di tutte le persone dei pensieri negativi per gettarle nell'angoscia, per farle litigare con gli altri ("diavolo"=divisore), per mettere dubbi e spingerle a se, sempre più verso il fondo.Purtroppo chi è lontano da Dio è più soggetto a credere a queste parole e quindi è più propenso a seguirle coi fatti..depressione,ansia,attacchi di panico, anoressia e autolesionismo sono causate dall'azione del diavolo che vuole distruggere queste persone.Anche il suicidio è ispirato dal demonio perchè con esso l'anima si danna per sempre. Lui in generale vuole la distruzione di tutte le persone,ovvero ci vorrebbe tutti dannati..questo per vendicarsi di Dio.

    Non credere a quei pensieri..rigettali perchè non ti appartengono. Abbi fede (fiducia) in Dio e sentiti amata. Per te Dio si è fatto Uomo!

    Torna a Dio e smetterai di sopravvivere.Inizierai a vivere.

    [21 prove dell'esistenza di Dio]

    ☆ cercate i seguenti testi su google(*) >> "digilander libero ike710"

    [ i più grandi scienziati sono credenti..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    ☆ Lista scienziati credenti >> "ragione e fede scienziati credenti "

    ☆ Einstein credeva in Dio >> "ragione e fede Albert Einstein e Dio"

    Es:

    <<Trovi sorprendente che io pensi alla comprensibilità del mondo come a un miracolo o a un eterno mistero? A priori, tutto sommato, ci si potrebbe aspettare un mondo caotico del tutto inafferrabile da parte del pensiero. Ci si potrebbe attendere che il mondo si manifesti come soggetto alle leggi solo a condizione che noi operiamo un intervento ordinatore. Questo tipo di ordinamento sarebbe simile all’ordine alfabetico delle parole di una lingua. Al contrario, il tipo d’ordine che, per esempio, è stato creato dalla teoria della gravitazione di Newton è di carattere completamente diverso: anche se gli assiomi della teoria sono posti dall’uomo, il successo di una tale impresa presuppone un alto grado d’ordine nel mondo oggettivo, che non era affatto giustificato prevedere a priori. È qui che compare il sentimento del “miracoloso”, che cresce sempre più con lo sviluppo della nostra conoscenza. E qui sta il punto debogale dei positivisti e degli atei di professione>>

    (A. Einstein, Lettera a Maurice Solovine, GauthierVillars, Parigi 1956 p.102)

    [ testimonianze sull'esistenza dell'aldilà..cercate i seguenti testi su google(*) ]

    ☆ Testimonianza di un (ex) ateo,2008 > "Sono stato in Paradiso, ecco com'è"

    ☆ Testimonianza di una (ex) atea,1995 > "Testimonianza Gloria Polo"

    ☆ Mistica che parlava con i defunti > "Natuzza Evolo,la radio dell'aldilà"

    ☆ Testimonianza germania,1950 > "Sono dannata"

    ☆ Un demone parla durante esorcismo > "Parole dall’inferno che guidano al Cielo"

    ☆ Descrizione inferno di S. Faustina > "Oggi sono stata negli abissi dell'inferno."

    ☆ Altre 50 testimonianze > "Testimonianze dall'aldila'"

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.