Anonimo
Anonimo ha chiesto in Matematica e scienzeMedicina · 7 anni fa

Mappatura della corteccia motoria?

Oggi abbiamo una mappa dettagliata della corteccia motoria perché una volta aperta la scatola cranica di un paziente vivo, siamo in grado di stimolare le diverse parti della corteccia per osservarne gli effetti sui muscoli.

-quali presupposti sono necessari per mettere in pratica tale esperimento ?

-quali vie l'impulso seguirà per ottenere una risposta muscolare?

-perché il paziente potrà rimare cosciente e fornire le risposte ai dottori senza sentir alcun male ne avere alcuna perdita di sangue ?

Siete in grado di rispondere a queste domande ? Grazie mille

2 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Non serve mica aprire la scatola cranica per fare questo esperimento.

    Basta una TAC o magari una PET e chiedere al paziente "muovi la mano destra" e sul monitor noteremo un maggior afflusso di sangue nella zona del cervello che comanda il movimento della mano destra

  • Davide
    Lv 4
    7 anni fa

    Intanto: non c'è necessità alcuna di aprire una scatola cranica per stimolarne determinate zone.

    Si usano elettrodi. A volte si controllano determinate aree con stimolazione a cranio aperto solo nel caso di interventi neurochirurgici per assicurarsi del mantenimento delle facoltà dal paziente.

    -Presupposti: volontari (non è doloroso o altro, conosco gente che l'ha fatto) o pazienti di neurochirurgia.

    -A partire dall'area 4 o area motoria primaria l'impulso passando per la capsula esterna e raggiungendo la corona radiata raggiungerà le vie piramidali ed extrapiramidali dei fasci corticospinali.

    Tratto piramidale: Ci sarà una decussazione a livello bulbare, poco caudalmente rispetto alla decussazione lemniscale.

    A questo punto le fibre saranno controlaterali rispetto all'area motoria da cui saranno originate,

    andranno a sinaptare con interneuroni inibitori di lamine intermedie e con motoneuroni alfa e gamma di lamine anteriori.

    I motoneuroni alfa andranno alle fibre extrafusali del muscolo striato che innerveranno, i motoneuroni gamma andranno a innervare le fibre muscolari fusali.

    Il passaggio avverrà passando dalle radici ventrali del midollo spinale per poi raggiungere i nervi misti e infine diventare nervi periferici (per come sono intesi più generalmente).

    -Il paziente potrà rimanere cosciente senza sentire alcun dolore o avere perdite di sangue perché il cervello non contiene nocicettori (recettori dolorifici) quindi se anestetizzi la porzione meningea puoi cuocerci dentro la pasta senza che il paziente soffra alcun dolore. Il sangue viene controllato in altri modi, variabilmente in base al tipo di operazione che si sta facendo.

    Ovviamente poi c'è il caso in cui si usino semplicemente elettrodi e il problema non si pone.

    Fonte/i: Medicina e chirurgia.
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.