Alex ha chiesto in Elettronica di consumoFotocamere · 7 anni fa

Qual é la vostra attrezzatura ideale in un viaggio?

Ciao a tutti, con la mia domanda di oggi avete la possibilità di esprimere il vostro pensiero sulla vostra attrezzatura fotografica anziché pensare ad aiutare altri a comporre la loro, come spesso (giustamente) accade nelle domande.

Viaggio e fotografia spesso uniscono due passioni. Il viaggio può essere di qualsiasi tipo, panoramico, città, parco naturale, ecc.. Vorrei solo escludere i viaggi a caccia (fotografica) di animali dove servono teleobiettivi con focale lunga per stare a distanza di sicurezza o per non farli scappare.

Vorrei chiedervi quali obiettivi vi portereste avendo un solo corpo macchina reflex con sensore APS-C (niente full frame) tenendo conto del PESO da portare tutto il giorno e della PRATICITA'.

1) Con un budget alto quali obiettivi vorreste portarvi?

2) Con un budget limitato quali obiettivi vorreste portarvi?

Definire un budget "alto" o "limitato" capisco che possa voler dire tutto o niente, fate voi... immaginate nella vostra mente le due situazioni. Però vi chiedo di tenere conto del PESO e della PRATICITA'. E' facile dire subito un 17-55 e un 70-200 ma vi posso assicurare che un Nikkor 17-55 tutto il giorno addosso mi ha "lacerato" una spalla (alla sera avevo male ai muscoli vicino alla clavicola!!).

E poi, sempre sullo stesso argomento, una domanda più generica: preferireste avere sempre a portata di mano:

1) un diaframma costante 2.8 su tutti gli obiettivi e cambiare ottica quando servono focali differenti (ipotesi 11-16 + 17-55 + 70-200)

2) tutte (o quasi) le focali sempre a portata di mano (però con f/3.5-5.6) e cambiare ottica con i fissi quando serve un diaframma più ampio (ipotesi 10-20 + 18-200 + 35 + 85).

Non esiste una miglior risposta alla mia domanda perché potete dire veramente quello che volete perché è il vostro INSINDACABILE modo di pensare. Premierò chi esprimerà meglio LE MOTIVAZIONI (tipo io viaggio con il 18-200 perché anche se avessi un 17-55 scatterei ad f/8 ma quando voglio poca PDC o luminosità f/2.8 non mi bastano... oppure io viaggio con il 17-55 perché per me la qualità viene prima della praticità e il peso non è un problema...).

A voi la parole...

Grazie.

Aggiornamento:

@Magario: per un viaggio improntato sulla fotografia, se hai voglia, potresti continuare la tua risposta.

Aggiornamento 2:

Vi ringrazio tutti e quattro per le vostre risposte ed eventuali altre saranno le benvenute...

Mi trovo in disaccordo sul 16-35 f/4 VR... se non c'è una seria intenzione di passare al full frame trovo inutile utilizzarlo su DX perché con un prezzo alto non otterrei nulla di vantaggioso rispetto ad altri obiettivi leggermente più economici, come per esempio il Sigma 18-35 f/1.8 Art o anche un 17-55 f/2.8 usato.

Aggiornamento 3:

@Ironmember: il 16-35 f/4 VR è un ottimo grandangolo. Ti dirò di più: se io avessi una full frame, quello sarebbe il mio grandangolo preferito (oppure se non potessi permettermelo prenderei il nuovo 18-35) ma lo preferirei al 14-24, proprio come ho deciso di acquistare il Tokina 12-24 f/4 anziché l'11-16 f/2.8 benché quest'ultimo sia migliore per molti aspetti. Quindi partiamo dal presupposto che tu hai ragione a dire che il 16-35 f/4 VR va provato perché è veramente eccezionale.

Però io intendo un'altra cosa: il 16-35 è veramente ottimo ma su full frame. Questo obiettivo costa caro perché è ottimizzato ai bordi (FX) e perché è un grandangolo estremo (16mm su FX) ma versatile allo stesso tempo (35mm su FX), stabilizzato e con un diaframma costante f/4. A parte il VR ed il diaframma, le altre caratteristiche non mi servono a nulla su DX. Andrei a pagare caro un obiettivo perché mi offre caratteristiche che però avendo una DX non sfrutterei. A parte l'assenza dello stabi

Aggiornamento 4:

A parte l'assenza dello stabilizzatore, un 17-55 da 17 a 35 non ha nulla da invidiare, con la differenza che arriva a 55mm e ha un diaframma più ampio.

Oppure piuttosto che il 16-35 f/4 VR prenderei il Sigma 18-35 f/1.8 Art che mi offre un diaframma pari ad un fisso sulle focali grandangolari non estreme su DX. Questo nuovo Sigma dev'essere pazzesco da utilizzare. Non ho ancora visto un test serio su questo obiettivo ma anche se dovesse essere leggermente morbido a 1.8 sui bordi (ma d'altronde anche il 35mm f/1.8 DX lo è) è un obiettivo che prenderei.

7 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Secondo me bisognerebbe innanzitutto fare una differenziazione. Il viaggio in questione è un viaggio/vacanza o è un viaggio improntato sulla fotografia?

    Nel primo caso preferisco avere un'attrezzatura il più leggera possibile ma che mi possa permettere di avere un ampio range di focali.

    Di quello che realmente dispongo, mi limito a portare corpo con battery grip, Nikkor 18-200 e Tokina 12-24. Nulla di più se non accessori vari tipo filtro pola, penna Hama, Adattatore per tablet per back up, panno microfibra e tutte quelle cose utili e poco ingombranti.

    Questa scelta si basa sulla migliore soluzione per avere un buon rapporto focali/peso.

    Se invece parliamo di attrezzatura che non ho, probabilmente, oltre al corpo + BG, mi porterei un tamron 17-50 f2.8 e un tamron 70-300 USD VC.

    Con questo set up, avrei poco ingombro, poca spesa e una resa più che decente.

    Se il viaggio è improntato sulla fotografia, della mia attrezzatura reale porterei Corpo + BG, Nikkor 18-200, Tokina 12-24, Tamron 90mm macro e forse anche il Samyang 8mm fisheye. Trppiede, flash e i soliti accessori vari di cui sopra.

    Questa scelta è dovuta alla necessità di avere più scelta possibili, ricercando anche un po' più di qualità e luminosità.

    Parlando di attrezzatura che non ho, con un budget limitato porterei Corpo+BG, Tamron 17-50, Tamron 71-300 USD VC, Nikkor 35mm f2.8, treppiedi (da scegliere tra benro, cullman o altri marchi simili che hanno ottimi rapporti qualità/prezzo), Flash yongnuo YN-560III, accessori per la pulizia, filtro pola, filtri ND ecc.

    Qui ho puntato alla migliore soluzione che incorpori spesa bassa, qualità discreta e peso/ingombro accettabile, oltre che alla possibilità di scattare in ogni situazione sapendo di avere una buona qualità sempre.

    Con budget alto, aggiungerei al corpo e BG, un Tokina 11-16 f2.8, Tamron 17-50 f2.8 e Tamron 70-200 f2.8. Un buon manfrotto in carbonio e un flash Nikkor (SB700 o 900 o superiori). Accessori vari.

    Qui ho dovuto fare ovviamente delle restrizioni. Calcolando che si viaggia e che il peso e l'ingombro deve essere il più contenuto possibile, ho cercato di trovare un set up ottimale per peso e prestazioni.

  • 7 anni fa

    Io ti do la mia idea perché per me ti sei già risposto da solo!

    Per me l'ideale e chiaramente corpo macchina tipo 600d oppure d5100,

    Come obiettivo per esempio un 24-105 f4 ottimo in molte condizioni

    Abbinato ad uno zoom compatto ma mitico!! Un 70-200 f4 non IS e anche se si accavallano le due focal non mi interessa perché la maggior parte delle foto le scatto oltre i 70 mm.

    Dopo come sempre ognuno ha i suoi gusti e le sue abitudini....

    Buone foto....

  • 7 anni fa

    Ciao, la domanda è bellissima (ti metterò la stellina) ma la risposta difficilissima, almeno per me, forse perché non vorrei con la mia risposta dare errate indicazioni a qualcuno e per il fatto che non vedo ancora sul mercato *quel tipo di Lente che vorrei* . Comunque , *prezzo a parte* un corredo che mi piacerebbe un casino avere è: AF-S NIKKOR 16-35mm f/4G ED VR , + AF-S NIKKOR 24-120mm f/4G ED VR , + 200-400mm f/4G ED-IF AF-S VR NIKKOR, il tutto da usare su un Ottimo Corpo Dx ( la mia scelta ricadrebbe sulla D 7100 ) . Un corredo che sarebbe vantaggioso dal punto di vista Versatilità/Trasporto (e prestazioni;-) è il 16-85 ED VR II (oppure il Sigma 17-70 nuovo) + il AF-S NIKKOR 70-200mm f/4G ED VR, dal super grangolo al Tele senza rinuncia alle prestazioni e due soli obiettivi da trasportare nello zainetto ( tre col Macro al quale NON rinuncio MAI ) . Un corredo virtualmente ideale (e mi attizza molto) è una terna di fissi: un 35mm Macro di Tokina , un 85mm. Macro (che già possiedo) , un 180mm. APO OS Macro di Sigma , prezzo a parte non credo che ad un fotografo servirebbe altro , è vero che mancherebbe una focale veramente grandangolare, ma si può sempre provvedere con un Tamron o un Sigma ( TAMRON SP AF 10-24mm f/3.5-4.5 Di II LD asp. // SIGMA AF 12-24mm f/4.5-5.6 DG HSM II ) . Dei tre corredi-kit *virtuali* proposti il più *trasportabile* è forse quello con in soli due obiettivi (dal 16mm. al 200mm.) , tre se vogliamo aggiungervi un macro (indispensabile per me) , vero che il 70-200 f/4 non è un piuma ma non pesa nemmeno così tanto, vero anche che *girare con la reflex al collo per una giornata intera ( fatto ) ti fa arrivare con segni da tortura quando sei a casa :-) , per questo consiglio sempre a tutti uno zaino o uno zainetto, è meno pratico della Borsa e della Reflex al collo ma pesa meno e si trasporta meglio, anche se alla lunga *peso ed appoggio* ti lasciano la schiena sudata. Tra l'altro l'unica volta che ho girato con la sola reflex al collo ho perso -e non so come, mannaggia- il copri oculare di gomma, cosa mai accaduta quando invece vado con zainetto ed accessori. Alcune considerazioni : vero che più luminosi sono meglio si sfruttano ma dovendo scegliere tra Luminosità e Definizione preferisco quest'ultima (il 70-200 VR III è molto, molto definito ) , secondo: la definizione di un Macro non la batte nessuno, quello che può restituire un 180mm. macro te lo sogni con uno zoom che arriva a quelle focali, ci vai vicino (con alcuni costosi modelli) , ma non è la stessa cosa e comunque non puoi *avvicinarti* tanto quanto un macro. Tralascio il discorso sui treppiedi ed altri accessori perché non sarebbe più finita :-) , do invece un cosiglio utile a tutti: non cercate solo il Corpo (macchina) protetto contro acqua e polvere, *il prossimo Obiettivo compratelo che abbia la Guarnizione antipolvere* ;-) è come per la Doppia Ghiera ed il Doppio Display per la reflex, se li provi non puoi più farne a meno, e per me tutti gli obiettivi *dovrebbero avere* sia l'attacco in metallo sia la guarnizione sia la messa a fuoco Full Time o simile. Ciao.

    _____________________________________________________________________________________ :-) rispetto ogni opinione, eppure il 16-35 f/4 è proprio uno di quegli obiettivi che *andrebbe provato per essere correttamente giudicato* , avrà peso,costo,e quant'altro, ma ragazzi...che qualità ottica ! Fate una prova, vederlo non costa niente se non il magone quando si esce dal Negozio perché non si hanno ancora le possibilità per poterlo comprare. Ciao.

  • 7 anni fa

    Bella domanda, anzi bella discussione! Qui tutto dipende dal tipo di viaggio, dalle nostre attitudini ''fisiche'', dal tipo di foto che facciamo, dal budget e da tante altre cose... Sono molto curioso di leggere le opinioni che verrano espresse, perchè questa è la classica discussione dove la soggettività e le opinioni personali di ognuno di noi sono l'aspetto principale.

    Fatta questa premessa, passiamo alla risposta.

    Per prima cosa una considerazione sul peso: per esperienza concreta di qualche giorno fa vi posso dire che a seconda del viaggio che fate, anche una entry-level può rappresentare un peso! La scorsa settimana ero con dei miei amici a Firenze e siamo saliti prima sul campanile del Duomo e poi sulla cupola del Brunelleschi, per un totale di 1700 scalini circa complessivi, molti dei quali a chiocciola e con le rampe finali della cupola che erano praticamente verticali. Ne è valsa la pena! Ecco, vi posso dire che quella sera sono arrivato a casa distrutto con il collo totalmente irritato e dolorante sebbene avessi solo una D3100 con il 18-105 (un peso irrisorio rispetto a ben altre attrezzature). Però i 1700 scalini insieme ai circa 15 km a piedi in un solo giorno sono pesati parecchio. Per dirne un'altra, 2 anni fa ho scalato la Rocca di Cefalù, ad agosto, sotto il sole di mezzogiorno, arrivando in cima gattonando: allora non avevo ancora la reflex, ma vi assicuro che anche con una compatta in mano è stato un inferno!

    Per questi tipi di viaggi, quindi, dove bisogna camminare in città tutto il giorno, personalmente non andrei oltre una semi-pro per il corpo (avrei più peso della D3100 ma lo sopporterei pur di avere il corpo migliore) a cui affiancare un tutto-fare anche se non luminoso (18-105/135/140/200) e al massimo un fisso luminoso f/1.8 nei casi di necessità.

    Faccio questa scelta perchè preferendo street e paesaggistica uso molto il range f/8-11 per avere più PDC e sfruttare lo sweet spot di questi tipi di obiettivi che non vanno oltre f/3.5-5.6 come luminosità. Se il viaggio prevede anche delle foto ricordo con amici (come è capitato la scorsa settimana), imposto il 18-105 alla focale massima e ottengo così un gradevole bokeh. In notturna invece, diciamo che ho un certo ''opportunismo'' nel trovare i punti d'appoggio più disparati dove appoggiare la reflex per fare lunghe esposizioni, così da ovviare al problema alti ISO o ottiche poco luminose senza portarsi dietro il cavalletto: balaustre, muretti, colonnini, cestini e chi più ne ha più ne metta! Se non ho a disposizione nulla di tutto ciò, imposto ISO 800/1600 (o a mali estremi 3200) e scatto a 18mm con tempi di 1/13 sec. (al di sotto ho sperimentato che non riesco ad evitare in nessun modo il micromosso a mano libera e mi ci sono spinto solo in casi di giochi pirotecnici e poco altro). I risultati però, in quest'ultimo caso, non sono sempre ottimali, da qui la scelta di affiancarci un 35mm f/1.8, la focale che uso di più e che ritengo la più versatile su APS-C. Questo obiettivo sarà (forse, un giorno) il mio prossimo obiettivo.

    Per il viaggio ''pesante'' e faticoso, questa è l'attrezzatura per me ideale: poco pesante e versatile anche a scapito della qualità delle ottiche scelte, il tutto con un budget di spesa entro i 900/1000 euro (che per me sono comunque cifre fuori portata): una semi-pro tipo D7000 (mpx giusti e buona tenuta ad alti ISO per le foto in notturna), un 18-105 (versatile, ottimo rapporto q/p anche se poco luminoso, ma come detto uso molto f/8-11), un 35mm f/1.8 (costo ridotto, focale versatile e luminoso per le foto notturne senza appoggi stabili disponibili) ed infine uno zainetto.

    Nel caso in cui invece, il viaggio non sia poi così faticoso ed il budget disponibile più alto, in questa attrezzatura da viaggio ideale troverebbe spazio il mio sogno proibito, il Sigma 18-35 f/1.8, l'obiettivo per APS-C che copre le focali che uso di più a f/1.8. A questo punto diverrebbe superfluo il 35mm f/1.8 che potrei sostituire con un 85mm. Con l'accoppiata 18-35+85 f/1.8, potrei fare a meno anche del 18-105 oppure tenerlo lo stesso (non si sa mai) o ancora sostituirlo con un 16-85 (sebbene lo ritenga un obiettivo troppo costoso per quel che offre) così da avere quei 2mm di grandangolo in più che male non mi farebbero. Sempre tenendo conto del budget più alto e del fatto che il viaggio in questione non costringa a lunghe ed estenuanti fatiche, potrei aggiungere anche un tele-zoom ed un piccolo treppiedi.

    Direi che è tutto al momento, se mi vengono in mente altre considerazioni anche in base ad altre risposte, le scriverò.

    ---

    @NewTrino precisa giustamente che il tutto dipende se viaggio in questione è un viaggio/vacanza o improntato sulla fotografia. La mia risposta fa riferimento al viaggio/vacanza. Se fosse improntato sulla fotografia dovrei scrivere una 2°risposta ad hoc

    Fonte/i: Se parliamo di viaggio prettamente fotografico, preciso subito che sceglierei un itinerario non distruttivo che mi permetta quindi di portare con me più attrezzatura. Per questo motivo, con budget molto alto, l'attrezzatura che sceglierei sarebbe quella di prima nel caso di viaggio non faticoso, con magari in più un grandangolo puro e aggiungendo il 16-35 f/4 che userei di giorno da affiancare al 18-35 f/1.8 per la notte, oltre ad accessori vari. Ho finito lo spazio quindi non posso dilungarmi oltre, anche se vorrei
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 7 anni fa

    Avendo una bimba di quasi 21 mesi ti indico con cosa esco normalmente, corpo macchina più 18-70, 85 F1.8, 105 f2,8micro, flash e qualche accessorio per la pulizia e un paio di filtri.. Questo se si esce a passeggiare, tanto con una bimba piccola di cose da portare c'è ne sono e si sfrutta il passeggino come portaborse.

    Il 18-70 è un buon tuttofare, l'85 perché un ritratto può sempre scapparci e il micro, sai mai che trovi qualche insetto e/o particolare da fotografare.

    Se invece si esce in "scampagnata", penso alle uscite domenicali al parco o magari una gita fuori porta, allora ci si infila in più, un treppiede, il 20 f2,8 e il 70-200 f2,8.

    E fin qui si parla di materiale che ho.

    Sognando direi che mi piacerebbe avere il 14-24 f2,8, da affiancare al 24-120 f4

    Coprirei l'80% delle focali più usate e mi basterebbero 2 obiettivi più un macro.

    Oppure il sigma 18-35 F1,8 abbinato ad un Samyang 14 f2,8 e al 24-120 f4

    D'altronde con una DX il 14 diventa un 21, come angolo coperto su Nikon quindi un grandangolo non estremo, ma quasi, serve.

    Ma ultimamente mi sto attrezzando con ottiche fisse, resteranno mie il 18-70, buon tuttofare, e il 70-200 f2,8 VR I , perché è un buon vetro su DX.

    Con il tempo cercherò di farmi un corredo di ottiche fisse e luminose ( f1,8 e magari f1,4) , allora il discorso cambierà e di molto, d'altronde mi sono reso conto che uno zoom impigrisce, non ti fa fare quei 2 passi avanti o indietro per curare meglio la composizione.

  • 4 anni fa

    Puoi curare facilmente l'iperidrosi con questa soluzione naturale http://MiracoloPerIperidrosi.latis.info/?72CR

    L’iperidrosi si configura come una situazione patologica, che può essere dovuta a vari fattori, non ultimi l’ansia e lo stress o le alterazioni della tiroide.

  • Anonimo
    4 anni fa

    Se hai bisogno di un sito per trovare l’hotel ad Hong Kong ti linko qua quello che ho usato io che a mio parere è il migliore https://tr.im/1l5Bp

    Hong Kong è una città unica ed affascinante dove si mischiano la cultura cinese E quella britannica essendo stata una colonia inglese in passato.La grandezza e il numero di grattacieli fanno impressione , ti sembra di essere al centro del mondo .Ci sono un sacco di cose da fare sia di notte che di giorno , è una città vivace dove è impossibile annoiarsi .

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.