Anonimo
Anonimo ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 7 anni fa

Come dare una svolta alla mia vita?

Stò praticamente tutto il giorno, tutti i giorni, a casa, tranne dal pomeriggio alla sera che vado a scuola... E mio padre mi guarda sempre con quella faccia di c***o (anch'io, anzi allontano lo sguardo..) per dire, che lo pensa, come mia madre, che stò sempre a casa e vuole che esca un po'. Non pensate in senso positivo, nel senso che hanno ragione, perchè non stò adesso a raccontare il mio passato (cmq ho 20 anni..) e di come mi sono comportato nella mia vita in seguito fino ad ora...

Allora, la mia meta è questa:

Non sopporto nessuno (compreso i miei genitori ovviamente, penso si sia capito) e non voglio vedere nessuno;

Non ho amici, o meglio non voglio aver interesse nell'averli, almeno per ora;

Non sopporto a nessuno, e ripeto NESSUNO (non stò a spiegare... -.-), e non caco a nessuno, anche su cose che devo o non devo fare, o meglio, voglio fare, senza pensare e soprattutto guardare, perchè mi viene il volta-stomaco, nel senso che mi possono girare male i c******i se non si fanno i c***i loro a guardare con quelle facce di c***o (come ad esempio mi è capitato di arrampicarmi per salire a casa e non mi interessa di come c***o guardano e come c***o guardano! :) >:( );

Prossima meta che voglio, decisamente: trovare lavoro. Ma è difficile. Non so come trovarlo... E non mi interessa divertirmi, almeno per ora!!

Quindi di conseguenza non è che non voglia uscire: non voglio avere amici e quindi svagarmi CON ALTRI. Ma LAVORARE-->MANTENERMI (poi magari trovare amici, pochi ma buoni..)-->E fare ciò che mi pare in futuro, alla faccia dei miei genitori, nel senso che non avrò più rapporti con loro (è triste ma è cosi) orgogliosamente e cmq triste per il mio passato..perchè anch'io ho un cuore.... Già da piccolo me ne scappai di casa seriamente..verso i 10 anni......quindi si capiva già la mia situazione di rabbia interiore indescrivibile nei confronti dei miei genitori (odio pure scrivere la parola con la "G", mi vengono i nervi!) perchè per me non sono stati tali..più mio padre.... penso gli servirebbe una bella lezione!! Per me non esiste più e mia madre quasi..nel senso che, se mio padre morisse sarei più che altro felice e mia madre semplicemente non è stata all'altezza e non mi è niente...tutto per come si sono comportati nei miei confronti!! ......prima rispondevo sempre........e poi ho imparato addirittura imparato a tenermi dentro...non è da me visto che io sono un tipo che non si fa mettere sotto ai piedi da nessuno..che sono un tipo "che si accende".... (e forse caduto in depressione per questo...) e adesso mi comporto usando tipo una doppia faccia: la faccia dell'indifferenza. da molti anni a questa parte addirittura, giorno dopo giorno, rispondendo con tono sereno (ribollo dentro al massimo) e risposte che in parte danneggiavano i miei comportamenti in seguito e che li facevano sentire bene, ovviamente, come una risposta leale, ma prendendoli per il ****... (non riesco più ad arrabbiarmi ma ridere...) insomma ribollo dentro! non capisco dopo qualche anno (che ho incominciato a fare l'indifferente) 'mio padre' (-..-') non abbia capito che non lo cacavo proprio (anzi ultimamente si..ma xke adesso sono piu inc***ato perche non ne posso piu) non riusciva a capire che per me non era nulla (non gli spiccicavo nessuna parola e non ci credevo nemmeno io O.O). Ma la svolta nella mia vita?? poi cmq, ora sono single poi chissà in futuro....figli non ne avrò!! u,u" quanto mi hanno fatto soffrire e deluso...che schifo!!! consigli? (quanto ho scritto!! D': u,u')

1 risposta

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Ho letto tutto il tuo sfogo,attentamente, e mentre leggevo, cercavo di capire come poterti rispondere,senza essere la solita adulta " bacchettona''.

    Il tuo odio...la tua indifferenza ...parlano chiaro.

    Ce l' hai con il mondo intero,ma soprattutto con i tuoi genitori.

    Lo dimostri con il tuo atteggiamento di chiusura. Verso tutti.

    Le tue parole mi hanno colpito molto,sai.

    Hai indossato questa maschera di cinismo,solo per proteggerti.

    Ora io non conosco il motivo del perche' tu odi cosi' tanto i tuoi genitori,ma da cio' che esprimi,e' palese la tua sofferenza.

    Una cosa e' sicura. Devi uscire da quello stato di apatia in cui ti sei rifugiato. Devi costruirti uno scopo,e cercare di raggiungerlo. Cercare lavoro ti fara' sentire utile.

    Inizia dalle cose piu' semplici. Hai una vita davanti.

    E soprattutto,devi imparare a metabolizzare la tua rabbia.

    Ti fa male,tenerti tutto dentro.

    Te lo dice una donna che nell' adolescenza ha sofferto moltissimo. Che era una valvola di sfogo per una mamma sofferente,e un punto di riferimento di un papa' debole.

    Mi hanno fatto vivere un adolescenza terribile,quasi come fossi un arma di ripicca.

    In realta'....anche loro stavano soffrendo,ed io questo l' ho capito con il tempo. Non volevano farmi del male.

    Con mia mamma ora ho un rapporto discreto,anche se alcune ferite non sono del tutto guarite. Il mio papa' e' morto da molti anni,oramai,quando era ancora giovane.

    Non voglio dirti di non odiare i tuoi genitori,ma solo che il tempo ti aiutera' a capire molte cose.

    Auguri di cuore,per la tua vita.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.