Domanda sugli omega 3. mi dite una cosa sui semi di lino?

I semi di lino, per lo piu' si usano facendoli bollire con acqua o comunque come componente di qualche bibita scaldata. In pratica si bevono insieme alla bibita senza nemmeno masticarli. Vorrei sapere, se si assumono con questa modalita' siamo sicuri che si riesce ad assorbire tutti gli omega 3 in essi contenuti? La mia sensazione e' che non si riescono a digerire e che, penso verrebbero espulsi per intero, senza fruire oltretutto delle preziose fibbre che contengono. Voi che dite? Pensate che bisogna masticarli, oppure bevuti hanno lo stesso valore nutritivo? Vi ringrazio in anticipo.

Aggiornamento:

Valentina ...E allora se gli omega3 non resistono al calore, vuol dire che anche i pesci andrebbero mangiati crudi?

Aggiornamento 2:

qui in Polonia vendono anche quelli macinati ma mi sono accorto dopo che i principi nutritivi erano molto scarsi rispetto a quelli interi.

Aggiornamento 3:

vale 3.. io li mangio in questo modo.. ne metto un pugnetto in bocca e dopo pochi secondi cominciano a diventare teneri e li mastico a fondo. Apparentemente possono sembrare sgradevoli ma a me cosi' piacciono molto, e' solo che non volevo consumare troppo i miei denti.

Aggiornamento 4:

Valentina .. ultima curiosita' .. sei vegetariana per motivi etici o salutistici?

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao Enzo,

    purtroppo no, in questo modo non assumi gli omega 3 contenuti nei semi di lino.

    OMEGA 3 E CALORE

    Gli omega 3 sono infatti estremamente sensibili alla luce e al calore, quindi bollendo o anche solo riscaldando i semi li perdi del tutto.

    Tra l'altro anche il fatto di mangiarli interi li rende praticamente inutili da questo punto di vista, perché se non si rompe la cuticola spessa (e neanche con la masticazione è possibile farlo, visto quanto sono piccoli) i nutrienti che contengono non sono disponibili per il nostro organismo.

    A COSA SERVONO I SEMI DI LINO BOLLITI

    I semi di lino vengono bolliti (o lasciati in ammollo per una notte) per ottenere la mucillagine, quella sostanza gelatinosa che si crea infatti con questi procedimenti, e che viene usata per alleviare la stitichezza.

    COME USARE I SEMI DI LINO PER GLI OMEGA 3

    Per assumere gli omega 3 dai semi di lino devi macinarli, in un mortaio o con un macinacaffé elettrico (molto più semplice e veloce).

    Per ottenere il fabbisogno quotidiano di omega 3 sono sufficienti 2 cucchiai di semi di lino (interi).

    Una volta macinati puoi aggiungerli allo yogurt, alle insalate, alle macedonie, insomma a qualsiasi preparazione purché FREDDA.

    UN SUGGERIMENTO PRATICO

    Quando consumi i semi di lino macinati, assicurati anche di bere un bel bicchierone d'acqua, perché i semi di lino assorbono molta acqua, quindi se non bevi a sufficienza, anziché combattere la stitichezza, la promuovono.

    **OMEGA 3 E PESCE**

    Enzo, in merito alla tua domanda, sono vegetariana, quindi non mi intendo molto né di carne né di pesce. :-)

    So per certo che la cottura denatura gli omega 3 dei semi di lino (infatti l'olio di lino deve seguire la catena del freddo, va tenuto in bottiglie di vetro scuro, tenuto in frigo anche dopo l'apertura e consumato entro 8 settimane).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.