Che destino vi si è rivelato da un episodio preciso?

Stamani volevo assolutamente LA brioches al cioccolato del pasticcere che dico io!

Una voglia tremenda mi si è scatenata fino a spingermi ad uscire dal lavoro per andare a soddisfarla.

Quando arrivo nel negozio (senza dare nell'occhio) e quando schivati i vecchietti e i loro vassoi di paste, e le meringhette nel caffè ho visto i due miseri vassoi di integrali e strudel volevo piangere davvero. Che poi 'Strudel è una parola grossa...

Quelli erano dei fagottini tristi con quelle manine chiuse sopra la testa, arriciati su se stessi e chiusi al mondo come per paura di essere picchiati :(

ho dovuto ripiegare su una brioches qualsiasi con del cioccolato qualsiasi...

Oggi ho concluso che il mio destino è desiderare ciò che è finito.

Qual è il vostro destino?

Aggiornamento:

@ARLEN che romanticone! ^_^

@Joe, cosa devi farti perdonare maledetto? U_ù

8 risposte

Classificazione
  • Ro
    Lv 7
    6 anni fa
    Migliore risposta

    Se mi trovo in un luogo caotico, ad esempio un mercato o la zona saldi di un negozio, dove tutta la merce e' alla rinfusa e la folla e' paragonabile a quella della metro di Tokyo nell'ora di punta o dei turisti di Thanksgiving a Times Square, sono in grado di trovare quell'unico, preziosissimo oggetto, scontato al 90percento che prima tutti avevano ignorato e che un attimo dopo, avendomelo visto tra le mani, tutti vogliono.

    Ho una bravura fuori dall'ordinario nello scovare i tesori nascosti, specie quando sono molto ben nascosti. In senso stretto e in senso lato.

    Ho da tempo concluso che sono una talent scout non indifferente. Non a caso, per la selezione del personale sono imprescindibile; e per dare consigli agli amici sugli affari di cuore, anche.

    :-)

  • SDV
    Lv 7
    6 anni fa

    Mah...diciamo che la mia diffidenza si è ulteriormente corazzata "grazie" a colpi bassi ricevuti da qualcuno su cui avevo riposto completa fiducia.

    E' che così poi mi incattivisco e divento implacabile. Certo non mi metto a piangere in un angolino.

    Beh...questo sarà forse il mio destino: non avere fiducia di nessuno e tirare diritto per la mia strada.

    Che mondo di m.

  • 6 anni fa

    Non lo so qual è il mio destino, e non sono sicuro di volerlo sapere.

    So solo che ho voglia di qualcosa che sembra perduto, vorrei un sorriso, una mano, un profumo, che mi guardi come solo lei sa fare, e mi dica, vieni, cambiamo il destino, inventiamocelo noi.

    ------------------------

    Più che romanticone, strònzo.

    Pensavo di avere qualcosa del genere, invece non era vero. Ora non so più se è perchè non mi sono fatto capire (visto che non vengo creduto), se ho sbagliato io con il mio egoismo ed egocentrismo innato, se invece come sembra (a me) di là c'era solo desiderio di un giocattolo comodo in alcuni momenti come morbido cuscino e in altri per sbatterlo al muro e torturarlo, per sfogare l'insoddisfazione del proprio smisurato ego.

    O forse.... due persone solo un pò troppo sincere e un pò molto egoiste, con il cuore reso asciutto da questa vita assurda, che ti da tutto meno che quello di cui hai bisogno, incapaci di metabolizzare la fregatura di vedere qualcosa di veramente bello in mostra dietro un cristallo antisfondamento.... senza apparenti porte per andare a prenderlo.

    Ci sono situazioni....... ho imparato che ci sono casi o anche un solo caso.......... dove si è in bilico, e lo si rimarrà a vita ormai....... tra il desiderio rovente di mostrare il dispiacere per quello che è ormai nella percezione dell'altro... giusto o ingiusto, reale o irreale che sia, ed il risentimento per assurdità e cattiverie ricevute assolutamente inadeguate, sentite come ingiuste.... che magari invece sono giuste... o perlomeno giuste viste nell'ottica.... ma....ma. Che peccato. La situazione di sostituire qualcosa di incredibile con un loop di cattiverie ricevute in risposta di (presunte) cattiverie compiute. Non sai se infuriarti o sentirti triste fino a che l'anima lentamente ti imputridisca in uno stagno di umori fermi che sanno di non poter andar più da nessuna parte.

    So che non si capisce, mi sono capito da solo.

  • 6 anni fa

    ...hai concluso che il concetto di carpe diem ti è estraneo (inutile che tiri a indovinare, non è un lievito con l'uva passa) :D

    Il mio destino (tristissimo e peggio d'un supplizio di Tantalo) è quello di avere avuto in dono la percezione di capire in anticipo le cose inutili e di arrivare a capire, sempre e irreversibilmente, due secondi dopo quelle fondamentali.

    Un destino alimentato a fuffa.

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • In realtà non credo di sapere quale sia il mio destino, mi manca la consapevolezza, sono in attesa, perennemente alla ricerca di chissà cosa.

    Per ora è un mistero che non mi si svela. Aspetto.

  • 6 anni fa

    Stasera ti farò trovare un vassoio pieno di croissant al burro, muffin al cioccolato, bomboloni ripieni di crema pasticciera, donuts di ogni tipo e coloratissimi..... ma niente brioche.... quelle le odio....

    A presto.

    -------------

    Niente! Lo sai, no, quando voglio farmi perdonare chiamo Interflora o Tiffany.... mica la pasticceria Motta!

  • 6 anni fa

    sei in crisi d'astinenza, drogata

  • 6 anni fa

    Arrivare seconda, temo. Non vinco mai, tutto qui...

    ---

    Stronzetta, grazie per il pollicino in giù!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.