SOS....Alle prese con un padre musulmano, Help!?

Buon pomeriggio popolo di answer, mi presento brevemente: Simone, 21 anni, studente universitario che ieri dopo molte peripezie ed esitazioni ha deciso di rivelare la propria omosessualità in famiglia.

Mia mamma naturalmente basita, da brava Madama torinese s'è alquanto trattenuta dal proferir commenti che potessero essere in qualche modo inopportuni e lesivi rispetto alla mia disposizione mentale di quel momento.

Mia sorella al grido di ' MA E' NORMALEEEH' si sarà immaginata la sfilza di borse, scarpe e vestiti che da quel momento avrebbe potuto ricevere in dono (illusa hahaha).

Arrivando al punto della domanda, nel momento in cui ho spostato l'attenzione nei confronti di mio padre che essendo nato in Egitto è di fede islamica, non ho potuto non cogliere un'espressione palese di disappunto derivante dalle sue convinzioni culturali e religiose.

Premetto che il fine di questa domanda non è tanto quello di ricevere consigli o modalità di comportamento/approccio ad una situazione così scomoda e delicata, ma piuttosto una sfilza di pensieri ed esperienze personali che mi possano far arrivare all'illuminazione rispetto al mio tentativo di fargli capire che:

- Il mio orientamento sessuale non è frutto di una SCELTA.

- Tutta questa situazione non è dovuta a una mia disperata tentazione di seguire una MODA.

-Fargli accantonare l'automatismo alla base di tutte le sue obiezioni mossemi finora secondo il quale l'UOMO DEVE STARE CON UNA DONNA e viceversa... al di fuori di questo schema è TUTTO INNATURALE.

- fargli comprendere che è del tutto impossibile che dopo 21 anni io sia vittima di una confusione insita in ogni tipo di dinamica sociale che riesca a concepire.

Sto veramente attingendo da tutte le mie energie fisiche e mentali a mia disposizione, e purtroppo a volte sbotto irrazionalmente anche io, soprattuto quando mi muove accuse insensate, ma mi rendo conto di che tipo di sforzo mentale gli stia chiedendo di quanto soffra, delle paure dovute fondamentalmente dall'ignoranza dell'argomento, del tempo di cui ha bisogno prima che lacrime tenute dentro a fatica facciano spazio alla stima che prima riponeva in me.... =(

1 risposta

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Purtroppo questo è un problema dove non è possibile stabilire chi ha ragione e chi ha torto. Per la gente di fede musulmana è giusto che le coppie siano eterosessuali, come anche per la gente di fede cristiana, mentre per molte persone atee (come me) o comunque anti-cattoliche e anti-islamiche, forti una superiore concezione democratica della vita e della libertà individuale, è giusto riconoscere che le coppie possano essere anche omosessuali. Ma su entrambi i fronti nessuno intende fare marcia indietro, perché ognuno "sente" di avere ragione.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.