Quale oggettivo giudizio dareste a questa poesia...?

"Nei suoi giorni di cenere

logori rituali

consumati

nel cerchio di un albero

senza radici

sonnolente speranze

scandite

da luminarie di grande magazzino

in una mangiatoia

stuprata

la redenzione...

Nell'ombra del cuore

cristalli

incrinati

dal gelo

Dicembre"

Vi provoca qualcosa?

La poesia in questione non è mia, io dovrei solo valutarla (un'idea ce l'ho, ma vorrei sentire anche voi).

Grazie :-)

Aggiornamento:

*****************************************************************************************************************

La poesia in questione è di una mia compagna di scuola, ehmm, una ex compagna di scuola, con la quale spesso si parla di poesia, di cucina, quando eravamo un po' più verdi anche di uomini.

Questa poesia dovrebbe declamarla in pubblico (per i cavolacci suoi), ma ella vuole la certezza che verrà apprezzata e questa certezza dovrei dargliela io che, per inciso, vado nel panico anche se devo decidere il gusto della marmellata da mettere sulla crostata:-)

Personalmente l'ho trovata molto "stilosa", un po' dura nell'accenno alla "mangiatoia stuprata", ma comunque abbastanza icastica.

Parliamoci chiaro, una poesia può piacere o non piacere, dipende molto dall'auditorium, ed allora ho pensato di farla leggere a voi, nella piena consapevolezza che ci sono persone in grado di saper dare pareri sinceri e centrati, e così è stato.

Aggiornamento 2:

***********************************

Spero che mi possiate scusare se questa domanda la affido ai votanti, quasi tutte le risposte sono state ponderate, quella di Kusky, di Sweet night, di Axel, di Raf, di L'eremita del fuoco (al quale va il mio profondo benvenuto in questa sezione) e mi ha colpita la profonda partecipazione di Cerbiatta (che nel frattempo avrà cambiato nick:-)

Ancora grazie, propenderò per un sì.

9 risposte

Classificazione
  • Risposta preferita

    A me provoca una grande tristezza, è un'immagine del Natale deteriorato e ormai depauperato dal suo vero senso, così diventa "albero senza radici", laddove potremmo ravvisare noi stessi, luminarie da quattro soldi, anche se abbiamo saloni addobbati con lampadari Swarosky e quel durissimo concetto di "redenzione stuprata", a significare che la nascita di Cristo,il messaggio che ha portato con sé, non ha evitato, né evita, malvagità di ogni tipo, violenze, guerre, sangue, si è, quindi, consumato lo stupro della redenzione.

    I cristalli sono i vetri attraverso cui guardare oltre quell'ombra del cuore e il gelo li può incrinare, anche fuor di metafora, quel terribile gelo che non lascia più spazio alla speranza e che ci pervade l'anima.

    Questo mi sembra il senso, il suono è forte, ritmato dai numerosi enjambement, poi rallenta, come se chi ha scritto, fosse stato/a travolto/a da una stanchezza mortale.

    Per me, un 8 ci sta tutto.

    *****Buona giornata.

  • Anonimo
    7 anni fa

    MI fa piangere di tristezza....questo mi provoca....

    sembra una condanna spietata al gelo del cuore....

    ma non sono un esperta.... ciao! :-(

    ps: ci puoi dire chi l'ha scritta?Grazie :-)

  • Anonimo
    7 anni fa

    E' inquietante, ambigua e per certi versi realistica. La sensazione che provo è stridente rispetto al comune pensiero che suscita la parola "Natale": sembra che l'autore abbia voluto creare a posta il contrasto in modo da far emergere il lato più oscuro e sinistro di questa festività cristiana. Lodevole.

    Saluti,

    G.

  • 7 anni fa

    ciao

    Non riesco a trovare uno slancio in quei versi, piuttosto un persistente languore, dovuto forse al silenzio che incombe?

    L'albero senza radici e le luminarie come artificiosi addobbi natalizi e il dicembre finale un messaggio da display.

    Sebbene nel complesso il componimento risulti ben costruito, propendo chessò per un 6 da rivedere.

    Mi sembra onesto.

    Raf

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Geo
    Lv 7
    7 anni fa

    E' un racconto del Natale, un racconto che accomuna molti, semplice.

    La modalità della narrazione è equilibrata: niente lungaggini, niente immagini impenetrabili troppo sintetiche.

    Il suono è buono, con versi di un lemma solo almeno, per ogni verso, che aiutano a dare il ritmo giusto, coerente con il senso del componimento.

    Le intuizioni sciorinate non sono eccelse ma sufficienti a dare emozioni.

    Le darei un 7+, come faceva Pozzetto.

  • Anonimo
    7 anni fa

    Non so come spiegartelo, allora provo con una metafora.

    E' come se un attore in scena interpretasse un personaggio ben scritto, ma che non riesce ad arrivare al pubblico perché si spegne al limite del proscenio.

    Fonte/i: @ Ecco questa è una di quelle rare volte che mi piacerebbe capire il senso di un pollice in giù. Se non andate a teatro e non capite il senso di quello che dico, la colpa è vostra non mia. Ovviamente parlo all'anonimo spolliciatore.
  • 7 anni fa

    Io ci vedo la semplice descrizione di una casa addobbata per le feste, tuttavia una descrizione poeticamente valida. Questo nella prima parte.

    Dopo non ci sono riflessioni particolarmente profonde od originali a giustificare la descrizione di sopra, inoltre quei puntini di sospensione non mi piacciono molto.

    Ah, e chi ne sa un po' di scienze ben ricorda che la cristallizzazione - e dunque il cristallo - non può essere "incrinata dal ghiaccio", poiché è la cristallizzazione stessa a formare i ghiacci (passaggio dal liquido al solido) e il ghiaccio in sé è dunque un cristallo.

    6 e mezzo per padronanza dello stile, comunque. Ciao!

  • 7 anni fa

    Ma... apparte il fatto che le poeaie che preferisco sono quelle tipo sonetti e non una o due parole per riga, non ho capito cosa correbbe trasmettere. non mi è puaciuto per niente inoltre la penultima strofa "in una mangiatoia stuprata la redenzione" ma che significa??? Mi piace invece lultima strofa

    Fonte/i: Io anche se non sono un esperto
  • 7 anni fa

    è carina..ma nn si capisce quale sia il soggetto,in più bisognerebbe cambiare qualche termine con qualcosa più appropriata ad una poesia come per esempio al osto di redenzione potresti mettere la salvezza...non mi provoca niente di che(ma nn xchè sia brutta) però credo che ci dovrebbero essere più figure di suono,di significato,di senso...comunque alla fin fine è carina ;)

    se ti è piaciuta la risposta 10 pnt please!!!!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.