Vincenzo ha chiesto in Matematica e scienzeFisica · 7 anni fa

cos'è una grandezza vettoriale ?e cos'è il vettore ?

ciao , ho capito che la grandezza vettoriale è composta da intensità ,direzione.verso.punto di applicazione ..ma non ho capito precisamente cos'è ( nel senso è una grandezza fisica composta da vettori) ...non ci capisco nnt... vi prego schiaritemi le idee

3 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    In Fisica esistono due tipi di grandezze: quelle scalari e quelle vettoriali. Quelle scalari sono grandezze che possono semplicemente essere rappresentate da uno scalare,cioè un numero (per esempio la temperatura,la massa,la pressione ecc..).Quelle vettoriali invece sono grandezze fisiche rappresentate da vettori che sono caratterizzati, come hai già detto te, da intensità,direzione e verso(come la velocità,l'accelerazione,la forza ecc..). Praticamente in fisica c'è bisogno di definire per alcune grandezze anche la direzione e il verso oltre che associargli uno scalare: prendiamo come esempio un'auto che corre: andrà alla velocità di 50 km/h (modulo) ma in quale direzione(cioè su quale retta si muoverà?)e in quale verso?(a destra o a sinistra?). Quando un corpo va ad una certa velocità non possiamo solo dire per esempio che va alla velocità di 50/60 km/h ma dobbiamo dire anche in quale direzione va e poi in quale verso. Invece prendendo come esempio la massa, non ha bisogno di direzione e verso, ma già è sufficiente assegnargli uno scalare... Se ancora non ti è chiaro il concetto fammelo sapere....

  • 7 anni fa

    La massa di un corpo è una grandezza scalare perchè dovunque la metti essa non cambia il suo valore, anche la temperatura è una grandezza scalare, il peso, invece no, perchè varia a seconda dell'accelerazione gravitazionale del pianeta in cui lo misuri. Ad esempio, il tuo peso P = 70 kg (ipotesi) è il prodotto della grandezza scalare "massa" pe l'accelerazione g = 9,8. Se vai sulla luna, dove l'accelerazione gravitazionale è circa 1,2 m/s^2, misureresti un peso diverso. Allo stesso modo il vettore Forza (la forza è un vettore); immagina di avere un comodino da spostare; un conto è se applichi la forza orizzontalmente e il comodino si sposta nella stessa direzione, un conto è se tu quella forza la utilizzi per "premere" sul comodino. Vedrai che non si sposta di un solo millimetro, perchè la forza che hai applicata è perpendicolare al pavimento e questo, per la 3^ legge, reagisce con una azione uguale e contraria e il comodino resta fermo. Anche il Lavoro è una grandezza vettoriale, infatti ci ritroviamo nel caso del comodino: il Lavoro = Forza per Spostamento e una forza applicata in modo tale da non sortire alcuno spostamento NON compie lavoro. Immagina di applicare una forza (sempre al comodino, poveretto) inclinata di un angolo "alfa" rispetto all'orizzontale, il comodino si muove (accelerando). Questa accelerazione è massima quando, di nuovo, la forza è applicata nella direzione dello spostamento. La forza applicata con l'angolo alfa, allora, nel piano bidimensionale, ha due componenti: quella verticale (che non genera lavoro) e quella orizzontale che sposta il comodino e produce il lavoro F*S. Se l'angolo è "alfa", la componente verticale è Fv = F * sen a, mentre quella utile è Fu = F * cos a. Quindi abbiamo capito che solo una parte della forza, applicata con un angolo alfa, produce utile lavoro. In questo senso il vettore ha dato luogo ad una particolare algebra comunemente nota come "Algebra Vettoriale". Il "campo Vettoriale" non è altro che un allargamento del "Campo Reale" dove trovi operazioni come il prodotto scalare, il prodotto vettoriale, il prodotto misto che non esistono nel campop Reale.

  • 7 anni fa

    Il vettore è praticamente quello che hai detto tu solo che al posto del segno, caratteristica dello scalare, ha un verso.

    Se davanti a un vettore si trova il segno meno vuol dire che ha un verso contrario a uno prestabilito.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.