promotion image of download ymail app
Promoted
Anonimo
Anonimo ha chiesto in Elettronica di consumoHome Theater · 7 anni fa

Chiarimenti Home sulla creazione di un impianto Home Cinema?!?!?!?

Salve a tutti!

Premettendo che non sono un grande esperto in questo settore, stò creando una sorta di impianto Home Cinema. Mi spiego meglio..

Io ho uno stereo della s**y avente due casse frontali da 60 W ciascuna ( http://www.sony.it/product/sistemi-dab/cmt-sbt100b... ) . Il televisore è collegato ad un lettore dvd (tramite SCART). Ho collegato le uscite RCA audio del lettore DVD all'ingresso AUDIO IN del mio stereo (tramite cavetto RCA - jack), in modo da tale che, quando guardo un DVD, l'audio venga riprodotto anche dalle casse dello stereo, oltre a quelle della TV.

FIN QUI TUTTO BENE, FUNZIONA TUTTO!!!

La scorsa settimana, un mio parente mi ha dato 5 speaker satelliti (sempre della s**y) che appartenevano ad un impianto Home Cinema di 5.1 canali con audio surround (l'impianto è questo: http://www.sony.it/product/hcs-surround-kit---dvd-... ). La mia domanda è: C'E' UN MODO PER COLLEGARE QUESTI SPEAKER AL DVD OPPURE, ANCORA MEGLIO, ALLO STEREO (tipo in serie o parallelo alle casse, così da sfruttarli anche per la riproduzione della musica dallo stereo)?

Gli RMS di ogni canale dello stereo al quale erano collegati i satelliti sono: 50W, 8ohm, 1kHz, 1% (THD).

P.S. 1- Il lettore DVD ha come uscite soltanto SCART ed RCA (niente hdmi, ottico, ecc.).

2 risposte

Classificazione
  • Ale G
    Lv 7
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Un lettore dvd senza uscita digitale, ottica o coassiale che sia, non l'ho mai visto, che modello è?

    A parte questo, e la disamina di Filippo, io sono dell'idea che non servirebbe niente mettere altri diffusori, non avendo un decodificatore multicanale.

    Resta con le tue casse stereo che sentirai sicuramente meglio.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • ?
    Lv 7
    7 anni fa

    Partiamo chiarendo il concetto dei Watt delle casse : questo valore non è un indice di qualità e tanto meno di quantità di suono e cioè di volume sonoro. Indica solo che la potenza dissipabile dalle casse è di 60 W in questo caso. quindi quando la cassa collegata all'amplificatore "suona" opera un processo di trasduzione trasformando un segnale elettrico, erogato sempre e solo dall'amplificatore audio di potenza, in vibrazioni e quindi in suoni e in calore. Quest'ultimo ( il calore) è la parte preponderante del processo di trasduzione tanto da rappresentare in una cassa per uso casalingo il 99 % mentre solo l'1% rappresenta l'energia convertita in vibrazioni e quindi in suoni. Quindi una cassa da 60 W è "solo" una cassa che può dissipare energia, erogata dall'amplificatore, in calore pari a 60 W. Una cassa invece suona più o meno forte per il suo valore di sensibilità/efficienza espresso in db (i due valori non sono sovrapponibili ma per facilità li accomuniamo ) e misurato alla distanza di 1 metro con 1 W di potenza erogato dall'amplificatore ( db/1W/1m). Più alto è il numero che precederà i db più la cassa suona forte. Quindi una cassa da 90 db/1W/1m suona più forte di una da 84 db/1W/1m. Quanto suona più forte ? in questo caso del doppio.Questo perchè + 6db rappresentano un raddoppio del volume sonoro. La seconda cassa per raggiungere i 90 db della prima ha bisogno che l'ampli eroghi una potenza quadrupla e quindi di 4 W. Quindi la prima cassa emette 90 db a 1 metro con solo 1 W mentre la seconda per ottenere quei 90 db ha bisogno di ben 4 W sempre erogati dall'amplificatore. Chiaro ? Il modo per collegarli c'è - non serve a niente o quanto meno non produrrà nessun beneficio sonoro ma solo una serie di complicazioni- ed è esattamente ciò che hai scritto e cioè in serie o in parallelo allo stereo ( non al lettore DVD che non essendo amplificato non produrrà una potenza consistente ). Però facendo così modifichi il valore di impedenza e ciò non è sempre gradito dall'amplificatore. Collegando le casse in parallelo riduci l'impedenza finale abbassandola. Se il valore è particolarmente basso l'ampli è costretto a erogare maggiore corrente e quindi maggiore potenza con la conseguenza di generare maggiore distorsione e molto più calore. Se il calore è eccessivo prima o poi si cuoce ! Ovviamente a parte la cottura la maggiore potenza la si ottiene se l'alimentatore interno dell'amplificatore è capace di fare fronte a questa richiesta altrimenti si cuoce anche lui. Con il collegamento in serie invece l'impedenza cresce e quindi l'ampli lavora meno stressato perchè eroga meno potenza. Ma se eroga meno potenza il volume sonoro decresce. L'impedenza però, a parte questi principi basilari appena accennati, è un argomento complesso infatti non è un valore fisso e immutabile ( altrimenti sarebbe una resistenza) ma variabile con la frequenza e caratterizzato da una parte reale e una apparente. Sono fattori da tenere in considerazione se si vuole evitare, oltrechè un cattivo suono, la dipartita del proprio ampli. Il surround non lo si ottiene collegando più casse ma al contrario è basato su codifiche e decodifiche multicanale a cui fanno capo altrettanti canali di amplificazione e altrettante casse acustiche. il multicanale serve a riprodurre oltre il parlato e le musiche anche gli effetti speciali in modo da avvolgere l'ascoltatore con il suono e gli effetti. Se accetti un consiglio......lascia stare gli accrocchi non portano a niente di concreto se non la possibilità di fare danni seri ed evita di ragionare e valutare i prodotti audio per e con i Watt. Questo parametro non è un indice di qualità !

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.