Il 4 maggio 2021 il sito di Yahoo Answers chiuderà definitivamente. Yahoo Answers è ora accessibile in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altri siti o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Erika ha chiesto in Animali da compagniaUccelli · 7 anni fa

Ciao e da poco che ho 2 cocorite maschio e femmina e vorrei sapere se possono mangiare la frutta ?

3 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    si possono ma non deve essere un pasto quotidiano !!!!!!!!!!! NON devi esagerare se non sono abituate dagli il mangime e PIANO PIANO inizi a dargli la frutta perché hanno un delicato intestino fai attenzione miraccomando, MA MOLTI FRUTTI E VERDURE NON POSSONO MANGIARE PREZZEMOLO....

    Alimentazione e nutrizione delle cocorite

    Dall'alimentazione delle nostre cocorite dipenderà la loro salute, il loro benessere e la loro longevità.

    Riempire la mangiatoia di miscela di semini è senz'altro un'operazione veloce , ma non completamente salutare per i nostri piccoli amici.

    Intendiamoci, le miscele di semini vanno benone, in quanto costituiscono la base dell'alimentazione delle cocorite, ma la piramide alimentare va integrata con :

    • Frutta e verdura fresca, preferibilmente di stagione, per garantire un equilibrato apporto di vitamine e minerali. Si possono somministrare: lattuga, ruchetta, valeriana, basilico, mele, pere, pesche, arance, albicocche, kiwi, banane, pomodori maturi.

    Meglio evitare o limitare invece prezzemolo, patate, pomodori acerbi, avocado (tossico).

    La frutta e verdura va lavata con cura e asciugata. Inoltre meglio rimuoverla dopo qualche ora se non viene consumata.

    In seguito all'assunzione di insalata e mele in particolare le feci possono risultare morbide, non c'è da preoccuparsi.

    • Pastoncino all'uovo: ho notato che i miei coco non gradiscono i pastoncini presenti in commercio. Migliori risultati si ottengono miscelando il pastoncino giallo con mollica di pane inumidita. Personalmente trovo molto più successo con la versione casalinga del pastoncino: una manciata di cous cous o di miglio cotto , un uovo sodo finemente sminuzzato e una gratuggiata di mandorle o noci. Ne vanno pazzi.

    Il pastoncino è consigliato durante le mute e le cove, mentre in altri periodi uso somministrarlo 1 o 2 volte a settimana.

    Più spesso si può dare qualche fettina di albume sodo.

    • Frutta secca: ricchissima di minerali,proteine e grassi insaturi è fondamentale per il benessere delle nostre coco, ma non bisogna eccedere, in quanto molto calorica: quindi può essere usata quotidianamente in misura di un ottavo di noce o mezza mandorla per due soggetti: insomma, un dolcetto o una gratificazione che, a un coco che vive libero e quindi si muove adeguatamente,può essere data anche ogni giorno, purchè in piccolissime quantità

    • Legumi: sono un'importante fonte di proteine, quindi è bene metterli a disposizione dei nostri cocoriti almeno una o due due o tre volte al mese. Piselli e fagiolini possono essere dati sia cotti che crudi, mentre fagioli, ceci e soia devono essere ben cotti.

    • Spiga di panico: le cocorite le adorano, è in genere l'alimento con cui imparano lo svezzamento. Una spiga a settimana per due soggetti è sufficiente.

    Le spighe di panico hanno il difetto che sporcano molto: i leggerissimi rivestimenti dei semini sbucciati svolazzano per la casa come il polline in primavera nei campi......

    • Semi cotti: Miglio, riso, avena, farro...sono tutti semi che si possono fornire cotti, in alternativa al cous cous nel pastoncino all'uovo.

    Da soli non sono particolarmente apprezzati.

    • Stick: nei negozi specializzati per animali è molto facile trovare in vendita stick (bastoncini) per cocorite. Si tratta di veri e propri bastoncini a cui sono incollati semi di vario genere insieme ad altre sostanze colorate. E' bene evitare questi prodotti perchè contengono coloranti e conservanti chimici che, seppur non tossici, non giovano certamente al benessere dei nostri pappagallini. Lo stesso si può dire di tutte quelle miscele di semi che contengono pezzetti di roba colorata spacciati per vitamine e sali minerali: le vitamine ed i sali minerali i cocoriti devono assumerli ingerendo verdura e frutta fresca, non sostanze chimiche.

    • Integratori Un discorso a parte va fatto sugli integratori.

    E' importante mettere a disposizione dei cocoriti l'osso di seppia o il blocchetto di sali minerali e il grit.

    L'osso di seppia è fondamentale sia per la corretta affilatura del becco sia per il quotidiano apporto di calcio, che soprattutto per le cocorite in cova che devono deporre , è fondamentale.

    Spesso i cocoriti non si curano dell'osso di seppia per giorni , e poi in una sola volta, lo rosicchiano tutto: non bisogna preoccuparsi se ciò accade , in quanto i nostri piccoli amici sanno regolarsi da soli e può capitare che rosicchino l'osso solo per gioco.

    Il grit è una miscela di sassolini silicei molto importante per la salute dei nostri uccellini: pochi infatti sanno che questi sassolini fungono da macine all'interno dello stomaco , aiutando a disgregare bene il cibo e a consentire una migliore digestione.

    Insomma, se non fornite sali minerali ai vostri coco , poi non lamentatevi se alla prima occasione vi fanno fuori l'intonaco dei muri!

    Un altro integratore che va molto di moda sono le vitamine.

    Tuttavia, è bene sapere che l'eccesso può essere pericoloso come il difetto per cui , vi consiglio di regolarvi come segue: se l'alimentazione del vostro cocorita è variata(oltre ai semi consuma ogni giorno frutta e verdura fresca)potete fare un paio di volte l'anno (nei periodi di cova, di muta o in seguito a eventuali cure antibiotiche) ,dei cicli di polivitaminici reperibili in commercio,da addizionare all'acqua o al pastone, attenendovi alle dosi consigliate sulle confezioni.

    Ricordate tuttavia che le vitamine si deteriorano in fretta e che acqua o cibo addizionato con esse e non consumato , va eliminato dopo qualche ora.

    Potrebbe capitare che qualche pappagallino, sentendo un sapore diverso, si rifiuti di bere, per questo è sempre importante abituare a sapori diversi , talvolta addolcendo un po l'acqua, a volte addizionando qualche goccina di aceto di mele o di succo di limone. Inizialmente il coco berrà un po di meno, ma poi si abituerà a questa variazione di sapori e berrà quello che c'è nel beverino, che sia dolce o asprigno o insapore.

  • 7 anni fa

    si, abituali lentamente. io nn ti consiglio la lattuga perché fa venire la diarrea. anche la frutta, con moderazione è piena di zuccheri e fa ingrassare. NO ai cachi sn tossici. ti conviene cercare sul web qualche sito che ti dia informazioni sull'allevamento delle cocorite.

    Fonte/i: allevo cocorite
  • ?
    Lv 4
    7 anni fa

    Una corretta alimentazione è fondamentale per la salute delle cocorite, come per tutti gli animali. Le diete basate sui semi sono sbilanciate e carenti di molte vitamine e microelementi, troppo ricche di grassi, e favoriscono l’obesità, problema a cui le cocorite sono predisposte. La dieta ideale è basata sull’impiego di mangimi formulati pellettati, di cui esistono in commercio diverse marche. Le migliori sono quelle senza coloranti, conservanti e aromi artificiali.

    La dieta va integrata con una varietà di frutta e verdura fresche (possibilmente biologiche), evitando l’avocado e le parti verdi di pomodoro e patate. I vegetali migliori sono quelli arancio o verde scuro (es. carote, broccoli) che sono più ricchi di vitamina A. I vegetali possono essere fatti a pezzettini e posti in una vaschetta, oppure appesi interi alla gabbia per stimolare l’esplorazione, il gioco ed eventualmente il consumo. Altri cibi permessi sono pane o pasta integrali, patate cotte o crude (evitando le parti verdi), patate americane cotte. Gli alimenti controindicati sono quelli ricchi di grassi o salati.

    Consigli per il cambio di dieta:

    I semi non devono essere eliminati improvvisamente, perché il nuovo alimento può essere rifiutato fino a che la cocorita non muore letteralmente di fame.

    Il cambio di alimentazione non va iniziato se la cocorita non sta bene in salute, perché è un momento in cui è meno invogliata a mangiare. Inoltre lo stress del cambiamento può improvvisamente peggiorare le condizioni dell’animale. Può essere consigliabile una visita veterinaria prima di iniziare il cambio di dieta, per assicurarsi del perfetto stato di salute dell’uccello.

    Si possono mangiare frutta e vegetali di fronte alle cocorite, perché spesso consumano per imitazione quello che vedono mangiare dagli altri pappagalli (o dalle persone).

    Il cambio fa fatto in modo graduale nell’arco di alcune settimane o mesi. La perseveranza è importante, perché riuscire a modificare la dieta ha enormi vantaggi per la salute e la longevità, nonostante la quantità di pellet sprecata inizialmente.

    Si possono provare (anche contemporaneamente) diverse marche di pellet, perché le cocorite possono presentare ampie preferenze individuali riguardo il pellet.

    Il pellet può essere mescolato al mangime abituale, o sbriciolato e versato sopra i semi, perché la cocorita si abitui al sapore.

    Si può provare ad offrire il pellet inumidito, cambiandolo però dopo un paio d’ore per evitare che vada a male.

    Si può lasciare a disposizione alla mattina solo il pellet per un paio d’ore, e in seguito offrire anche i semi.

    Se la cocorita accetta il pellet, i semi vanno ridotti gradualmente fino ad eliminarli completamente dalla dieta.

    Negli animali più ostinati, soprattutto se obesi, si può offrire il miglio, che ha un contenuto in grassi inferiore agli altri semi. In tal caso si deve anche offrire un osso di seppia, per fornire il calcio di cui i semi sono carenti.

    L'alimentazione base per le cocorite è un misto di semi, in commercio se ne trovano di diverse composizioni.

    Le più semplici contengono:

    Miglio (può essere di tipo colorado,dakota,rosso,bianco)

    Avena

    Scagliola

    Lino.

    Altre più complete contengono anche:

    Panico

    Niger

    Canapa

    Girasole (non tutte lo gradiscono)

    Il misto di semi non deve mai mancare insieme a:

    Osso di seppia (Serve anche per affilare il becco)

    Grit (alimentare)

    Sali minerali (in blocchetto o in polvere)

    Altra cosa che non deve mai mancare è l'acqua, bevono pochissimo ma deve essere sostituita ogni giorno,

    nei mesi caldi anche più volte al giorno, lavare bene i beverini, il beccuccio nei punti stretti si pulisce meglio

    con un cotton-fioc.

    Il panico si acquista anche in spighe, un paio di volte a settimana va offerta una spiga che gradiscono molto,

    crea il problema di pule sparpagliate ma potete ovviare al problema mettendo la spiga in una mangiatoia anti-

    spreco.

    Un altro alimento che puoi dare un paio di volte a settimana è il Pastoncino.

    Il pastoncino va dato con parsimonia perché è molto calorico e potrebbe appesantire il fegato quindi va dato

    come leccornia.

    In commercio se ne trovano vari tipi, dai più semplici a quelli integrati con frutta.

    Nel periodo pre-cova, cova e schiusa si può mettere a disposizione (e) perchè la pappa-mamma ha bisogno di

    calorie (e) perchè vengono alimentati anche i pulli con questo alimento (argomento che approfondiremo in altro

    post).

    Continuando a parlare di alimenti che si possono servire un paio di volte a settimana i semi germinati.

    Questo tipo di semi si acquista a parte e si possono servire integrandoli nella dieta perché sono ricchi di amino-

    acidi.

    Come il pastoncino nel periodo precova e schiusa vanno somministrati con quotidianeità.

    L'uovo sodo va servito dopo almeno 10 minuti di cottura ed è preferibile limitare al minimo il pastoncino perchè

    anch'esso contiene uova.

    Tuttavia l'alimentazione va integrata anche con frutta e verdura fresca.

    I tipi di frutta che possiamo variare sono.

    Mela

    Pera

    Arance

    Mandarini

    Banane

    Questa frutta è reperibile quasi tutto l'anno per cui possiamo anche creare uno schema settimanale.

    In estate è bene diminuire i cibi secchi e variare con più tipi di frutta e verdura fresca come:

    Ciliege

    Pesca

    Kiwi

    Albicocca

    Melone-Anguria

    La frutta va precedentemente lavata, denocciolata e sbucciata, servita in piccole mangiatoie e tolta

    dopo qualche ora perchè crea facilmente muffe soprattutto nei mesi caldi.

    ATTENZIONE: L'AVOCADO E' TOSSICO

    Tra i tipi di verdura e ortaggi possiamo variare tra:

    Carote

    Peperoni

    Spinaci

    Verza

    Cavoli

    Zucchine

    Lattuga

    Cicoria

    Indivia Scarola

    Facendo attenzione a controllare le feci quando si servono sia frutta che verdura perchè alcune possono creare

    problemi intestinali anche se non a livello patologico.

    La lattuga ad esempio come la cicoria è molto lassativa.

    Ricorda ancora una volta che bisogna prestare la massima attenzione del lavaggio di frutta e verdura, io uso

    sbucciare tutto quello che si può.

    Molti ondulati soprattutto quelli acquistati già grandi in negozio non gradiscono frutta e verdura perchè non sono

    stati abituati da piccoli, bisogna insistere finchè per gioco o curiosità prima o poi ci metteranno il naso.

    Oppure escogitare dei piccoli trucchetti come: carote alla julienne con spolverata di pastoncino ....

    Se non gli avete servito esclusivamente pastoncino da alcuni giorni la voglia li porterà a beccare e prenderanno

    confidenza con il nuovo sapore.

    Ciao :)

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.