Licht.
Lv 6
Licht. ha chiesto in Animali da compagniaGatti · 7 anni fa

Gatto con forte attaccamento al cibo?

Anche i gatti possono avere problemi "psicologici"?. Vi spiego, il mio gatto ha avuto un passato difficile, in quanto venne abbandonato per strada che non era ancora svezzato, e raccolto dai volontari, che hanno dovuto allattarlo loro. Adesso è cresciuto bene e con affetto, ma a parte la paura folle per le auto(che secondo me è una paura derivatagli dall'abbandono), mangia sempre, è come se fosse dipendente dal cibo!! Per scherzare dico sempre che mangia più di me, ma è vero. Se non gli diamo da mangiare dopo un po' inizia a farci gli agguati per scherzare, ma dopo un po' diventa abbastanza cattivo, e vorrebbe mordere. Non sappiamo mai se la sua sia vera fame, quindi cerchiamo di farlo mangiare, ma ho paura che lui sia goloso eccessivamente e che in realtà la sua non è proprio fame.

2 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    Come le persone che hanno dovuto sopportare sofferenze, privazioni, e vicissitudini dolorose, anche i nostri amici animali sviluppano le loro fobie. Ne so qualcosa, avendo sempre ospitato gatti trovatelli (tuttora ne accolgo ben quattro). Naturalmente, questi animali, provenendo da condizioni e situazioni dolorose, nei primi tempi curano con particolare attenzione (quasi maniacale) le tre ciotole essenziali: quella del cibo liquido, quella per i "croccantini", e quella dell'acqua. Ci va il suo tempo perché il nuovo venuto (o nuova venuta) realizzi i tempi canonici delle pappe. Subito, si tuffano a pesce sulle ciotole, slappano a più non posso (certo, temono che qualcuno sottragga loro il cibo), addirittura fanno la posta sotto il tavolo ai momenti di pranzo e cena. Solitamente, nel giro di tre mesetti al massimo, acquisiscono la sicurezza sulla loro costante alimentazione. Ottimo convincimento in tal senso è rappresentato dalla ciotola contenente il cibo solido, la quale va tenuta costantemente semipiena. Il gatto apprende, cioè, che, pur quando i "padroni" escono, oppure dormono, o, ancora, sono in tutt'altre faccende affacendati, esiste sempre una scorta sicura. Altre fobie, purtroppo causate da atti violenti e indimenticabili, restano. Ad esempio, alcune bestiole, irresponsabilmente picchiate, restano sempre restie alle carezze. Altre, come il mio ultimo micione, letteralmente sbattuto a calci dalla porta di casa del suo AGUZZINO (eh sì, l'alto e nobile essere umano fa anche questo ... e di peggio), ancor oggi fugge e si nasconde ogni qualvolta apro l'uscio, anche solo per recuperare il giornale sullo zerbino !!!!

  • 7 anni fa

    non conosco gli eventuali problemi psicologici del tuo gatto,e se può essere influenzato diciamo così,dal suo passato difficile,però posso dirti che anche la mia gatta(viziata) mi guarda miagolando e io penso:"ha la ciotola vuota...oppure ha finito l'acqua..o ha la lettiera impraticabile...." ebbene molto spesso niente di tutto questo...sembra che mi chieda cibo ma la sua ciotola è più piena delle mie tasche....i gatti di casa non hanno quasi mai vera fame,visto come li accudiamo...e io spesso penso "non fai niente tutto il giorno! ma quanto mangi?" ..non sono un veterinario,ma credo che loro sono talmente dipendenti da noi avendo vissuto sempre in casa che appena si accorgono che il piatto piange....miagolano!

    Fonte/i: esperienza personale
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.