Il sito di Yahoo Answers verrà chiuso il 4 maggio 2021 (ora della costa est degli USA) e dal 20 aprile 2021 (ora della costa est degli USA) sarà in modalità di sola lettura. Non verranno apportate modifiche ad altre proprietà o servizi di Yahoo o al tuo account Yahoo. Puoi trovare maggiori informazioni sulla chiusura di Yahoo Answers e su come scaricare i tuoi dati in questa pagina di aiuto.

Tony ha chiesto in Politica e governoLegge ed etica · 7 anni fa

Quali sono i pro e i contro della pena di morte?

5 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Pro: non mi viene in mente niente;

    Contro: in caso di errore giudiziario (errare e' umano) non si torna indietro; anche se il colpevole e' colpevole la pena di morte non e' un deterrente ne allevia la sofferenza delle vittime; una vita in carcere (ergastolo) e' piu punitiva della morte.

    @White XIX: mi dispiace ma ti sbagli tu. Ci sono decine di casi controversi in cui c'erano palesi contraddizioni tra le prove che pur non provando l'innocenza, mettevano in serio dubbio la colpevolezza (ricordati che la condanna deve essere "oltre ogni ragionevole dubbio"). Fatti un giro su google. Per non parlare di casi che non saranno mai riesaminati magari perche il condannato era un poveraccio qualunque che non aveva nessuno...come fai a dire che al 100% non ci sono mai stati errori? Per quanto riguarda la logorazione...beh tu ragioni come ragionavano 4000 anni fa...occhio per occhio...ma la giurisprudenza si e' evoluta. Io concordo che uno stupratore di bambini debba passare la sua vita chiuso in una cella 4 metri x 4 a riflettere sui suoi errori. Ma ucciderlo ci metterebbe sullo stesso piano. Poniti questa domanda: se tu dovessi essere il boia, riusciresti a premere quel pulsante guardando negli occhi la persona che stai per uccidere?

    Per quanto riguarda il ladro...beh ricordati che ci sono tante sfumature. E' facile giudicare comodamente seduti. Ma io se stessi morendo di fame non penso che mi farei problemi a rubare. Da cui le attenuanti.

    Potrei aggiungere casi di minorenni condannati a morte per un crimine commesso a 17 anni e magari giustiziati a 40 anni. Praticamente come uccidere una persona completamente diversa. Il mondo non e' bianco o nero come lo dipingi tu. Ci sono mille sfumature.

  • 7 anni fa

    Ormai la giurisprudenza in tutto il mondo civile, quello che conta e che condizionerà ovviamente il resto, è contraria ad ogni atto che causi la morte di una persona anche se colpevole. Ad esempio negli USA ormai sono anni che si contesta l'uso indiscriminato delle armi, anche quei 2 poliziotti che hanno barbaramente crivellato con 30 colpi (era necessario?) un povero delinquente sono finiti sotto inchiesta.

    Il concetto è che la vita umana è al di sopra di ogni necessità sociale o collettiva, anche della sicurezza di beni e persone e quindi, la difesa da una parte deve garantire pel possibile solo la messa Ko del deliquente senza necessariamente ucciderlo (da qui l'inchiesta sui due che hanno esploso ben 30 colpi per neutralizzare un tipo), e la giustizia dall'altra deve assicurare che il reo non compia più gli atti ascrittigli o altri reati mettendolo in sicurezza.

    Infine, non da oggi ma dai tempi di Beccaria ("Dei delitti e delle pene") esiste anche il concetto che fino dove possibile la giustizia debba cercare anche un recupero sociale del condannato: va da sè che un morto lo recuperi solo come concime.

    @White XIX: peccato per il decrepito Le Pen - ke fa il fascista da quando io ho 7 anni, ma non muore mai? - che il suo partito non solo non vincerà le elezioni, ma ci sono anche altri partiti che fermeranno questa iniziativa degna del 19° secolo. Indietro NON si torna, la pena di morte è stata abolita in Francia nel 1981 ed in Inghilterra formalmente nel 1998 quando dal 1966 non era più applicata. I Paesi aderenti alla UE (1997) infatti NON possono avere la pena di morte. E' uno dei paletti obbligatori per essere ammessi nella ns CIVILE comunità di CIVILI Paesi europei.

    @White XIX: se la UE ha le ore contate, come dici tu, le singole nazioni lasciate a se stesse come prima del 1992 finiranno in pochi minuti, mangiate economicamente da cinesi, americani, russi, indiani. Gli stati nazionali sono finti, se li rimetti in pista verranno spazzati via dai moderni colossi in pochi attimi, non avendo modo di competere.

  • 7 anni fa

    @missing Per esempio si potrebbe fare una legge che dice che quelli che non parlano l'Italiano non sono degni di vivere perche insultano il proprio paese e la propria nazione insozzando la nostra Sacra Lingua

  • 7 anni fa

    Penso ke era meglio se esisteva, ma i comunisti nn volioni ke xdono i voti ai asassini ke votano i sx

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    7 anni fa

    Pro:

    -Togli certi esseri indegni dalla faccia della Terra

    -Fa risparmiare soldi allo stato e ai cittadini, visto che non devono piu' mantenere il condannato(i costi dell'esecuzione li copriamo con i beni espropriati al condannato)

    -Rende onore alle vittime(almeno dal mio punto di vista)

    -Se applicata in modo severo riduce la criminalita'

    Di contro ci sarebbero solo i possibili errori giudiziari, ma il problema non si pone. Basta condannare l'omicida/stupratore/pedofilo solo quando si e' certi al 100/100 della sua colpevolezza.

    Insomma, io sono favorevole, chi uccide rinuncia al suo diritto alla vita. Certi criminali non vanno rieducati, ma eliminati.

    ----------------------------

    @Fauntleroy: per quanto riguarda gli errori giudiziari ti sbagli. Basti pensare che negli USA i condannati alla pena capitale per sbaglio sono praticamente inesistenti. E l'ergastolo e' molto piu' leggero, la mente del criminale si logora quando esso e' nel cosidetto "abbraccio della morte"(quando attende la sedia elettrica), soffre molto, come e' giusto che sia. Come un ladro, quanfo ruba, rinuncia alla liberta', un assassino, quando uccide, rinuncia alla vita.

    @Cesare: veramente in Francia verra' reistituita a breve, fortunatamente, grazie all'imminente vittoria del Front National di Marine Le Pen.

    -------------

    @Cesare: confondi Jean-Marie Le Pen con sua figlia Marine(che non sono fascisti), ma, tralasciando questo, forse ti sfugge che il partito e' fortemente antieuropeista. La tua cara UE ha le ore contate, nonostante ben 7 premi Nobel per l'economia si siano dichiarati contro l'euro c'e` ancora gente che sostiene questa moneta schifosa che ci impedisce di colmare il debito pubblico(dato che non possiamo svalutarla).

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.