IL Satanismo nel tessuto sociale faro per l' umanità o relativismo cosciente?

Ho dovuto fare un servizio fotografico per una grossa e famosa testata giornalista Germanica per il Gay pride. Sono stato pagato bene , la direzione mi aveva prenotato per tutto il tempo necessario una suite in un albergo a 5 stelle . Stavo pulendo alcune ottiche della mia compagna di battaglia la mitica Pentax che in caso di pioggia non mi avrebbe dato grattacapi.Sento bussare alla porta e entra quella che in apparenza era una donna, Trafelata si butta sul mio letto e con noncuranza si alza la già esigua minigonna sistemandosi delle calze nere a rete autoreggenti. Mi guarda e scoppia a piangere e mi racconta la storia della sua martoriata vita. Era nata in una città di provincia, già da giovane sentiva di avere tendenze femminili. La chiesa la guarda con sospetto ma trova un gruppo di Satanisti che la accoglie nel loro gruppo mistico. Purtroppo non avevano donne per i loro riti e si sono accontentati di lui che si sentiva lei.Ha una grossa crisi d' identità ma non ne parla mai con il gruppo, è stufa di recitare la parte della vergine sacrificale. Vorrebbe prendere parte dei riti come tutti.

La estromettono non ne vogliono sapere. Decide di cambiare città . Un giorno mentre cercava ispirazione per la sua fede in un cimitero in una vecchia tomba vede spuntare una tibia.E' più forte di lei la nasconde sotto il suo mantello e la porta a casa. E' qua che comincia la tragedia della sua vita, si innamora della tibia. E' cosi coinvolta dalla cosa che la mette a dormire accanto a se. Sembra serena ma un giorno viene a trovarla un vecchi discepolo del suo gruppo Satanista con un mastino Napoletano. Il mastino si avventa sull' osso . Ne le grida ne le urla dei malcapitati servono a qualcosa. Il mastino divora l' osso.

Mi raccontava tutto questo piangendo. Io vado vesso il mio armadio mi metto il mantello nero e la maschera bianca.

4 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    "è stufa di recitare la parte della vergine sacrificale"....anche perchè ormai dovrebbero essersi accorti tutti che non è più tanto vergine

  • 7 anni fa

    Il commento al tuo fantasioso e a tratti curioso racconto potrebbe essere questo:

    Non penso che la categoria di cui tu parli sia necessariamente gay o disturbata sessualmente, ma e' chiaro che certamente un tipo di ideologia di quel tipo può attirare generi di diversa provenienza.

    L'idea che accetti tutti indistintamente a parte ebrei ,cristiani e spiriti critici, amplierebbe le possibilità facendo leva sulla pigrizia ed il comodo spesso spacciati per istinti naturali. Questa filosofia a tratti anarcoide a volte dittatoriale e rigida a secondo della convenienza, ospita certamente anche le tipologie che tu hai descritto nel tuo racconto.

    In ogni caso trovo demenziale, e accade nel web, che a volte si spaccino per uomini o donne senza esserlo, a mio avviso e' una cosa del tutto priva di logica. Direi, folle.

  • Arwen
    Lv 6
    7 anni fa

    Relativismo cosciente? Ahahahah semmai incoscienza irrazionale.

    Ah dimenticavo, non ho letto il papello, è pressocchè inutile.

  • 7 anni fa

    Spero sia un racconto di fantasia (e ce ne vuole molta!)

    Altrimenti abbiamo davanti uno dei tanti casi patologici presenti tra i transessuali, persone che andrebbero aiutate a riappacificarsi con la loro realtà, il loro corpo.

    Per certi versi ricorda la vicenda tristissima di quella donna olandese che volle farsi uomo (e i medici, colpevoli, invece di aiutarla la operarono con la ricostruzione chirurgica) per poi suicidarsi, sempre insoddisfatta di quello che era.

    Ci vorrebbe più del sano amore a sè, il problema è che la maggior parte delle persone non si ama, e questo è la radice di molte malattie psichiatriche...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.