Che differenza c'è tra constatare la realtà e credere che qualcosa sia realtà (Dio pr es...)?

4 risposte

Classificazione
  • Gab
    Lv 4
    6 anni fa
    Migliore risposta

    Constatare la realtà significa accettare per vero qualcosa dopo che lo si è osservato, studiato, sperimentato e provato con esito positivo.

    Credere che qualcosa sia reale significa pensare che una cosa sia vera senza poterla vedere, studiare, sperimentare e provare. Nel corso della Storia questa seconda via per giungere alla realtà ha condotto verso tutti i più grandi errori commessi dall'umanità.

    @Entimesios: Se dici a un cane qualcosa quello non ti capisce. Altro che credere che il fiore sia rosso!

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Eʀυ
    Lv 7
    6 anni fa

    Constatare significa accertare, verificare personalmente qualcosa.

    Credere invece significa essere sicuro dell'esistenza di qualcuno o qualcosa. Ritenere veritiero quanto detto da altri.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Anonimo
    6 anni fa

    E' il dilemma degli scienziati: spesso convinzioni che parevano "constatazioni della realtà" si sono rivelate erronee. Stiamo scoprendo un poco alla volta cosa sia reale e più andiamo nel piccolo meno la realtà sempre "constatabile". Eisenberg diceva che non è possibile verificare quale sia lo stato "reale" di una particella ed i fisici parlano di "probabilità" non di certezza.

    Dio e tutte le "verità" metafisiche non hanno questo problema, perché sono "indimostrabili" a priori. Anche l'arte, la poesia, l'amore, appartengono a questa categoria di "verità".

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 6 anni fa

    reale è cio che i tuoi occhi riescono a vedere,cio che riesci a sentire,a percepire,

    ma non è la realtà assoluta,

    tu se dici a un cane che quel fiore è rosso potrà solo crederti ma non vederlo di persona,

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.