promotion image of download ymail app
Promoted
Rotas ha chiesto in Scienze socialiPsicologia · 6 anni fa

Come reagireste se lui si comportasse in questo modo, gettando la spugna?

State con un ragazzo da meno di due mesi, quasi da quando vi siete conosciuti. Avete interessi in comune, una personalità simile in molti aspetti, siete diversi di carattere ma vi compensate, quindi c'è equilibrio.

Lui è il tipico che beve, fuma, fa casino, ha una vita sregolata, un po' forse per moda perché si sente poco a suo agio a comportarsi in maniera differente qualche volta. E' abbastanza estroverso e teatrale anche senza dovere "sballarsi".

Ha avuto una storia d'amore che è finita anni prima, con quel che comporta. Chi non l'ha avuta e chi non ne ha ancora il segno? Però lui continua a rimuginarci sopra come se fosse una sofferenza a cui tutti devono piegarsi, una cosa gigantesca che gli altri non capiscono, appena c'è qualche difficoltà o fraintendimento nella vostra relazione lui si vittimizza, si chiude, vuole gettare la spugna, perché "ha già sofferto troppo" (ti chiedi se un giorno sposa una donna, ci fai dei figli e divorzia dopo dieci anni, cosa fa, diventa un serial killer per il dolore?). In questo modo chiude ogni dialogo e ogni possibilità di costruire una vera relazione con l'altra, un po' come un bambino che se non ha tutti i capricci soddisfatti allora soffre, gli altri lo fanno soffrire, lui non vuole soffrire e cambia perché nella sua logica è giusto così. Se provi a ragionare con lui tira fuori frasi come "allora sono io uno schifo e basta", che è come essere da punto a capo. Queste chiusure vengono fuori da piccolezze che si ingigantiscono nella sua testa, esempio: per una volta non hai voglia di fare se**o, e magari l'avete fatto un'ora prima, si chiude come se l'avessi rifiutato per la 100 volta e tu avessi 3 amanti con cui già ti diverti, oppure lui sta esagerando nel fare battute (su una cosa che ti addolora, ok sdrammatizzare, ma passare mezzora a fare battutine irriverenti...), tu gli dici di smetterla perché sta esagerando, lui si chiude come se fosse una persona sbagliata e tu l'avessi fatto sentire così ed è colpa tua.

Aggiornamento:

Bucefalo, trovo tutto giusto quello che hai scritto, ma credo che se non ci siano delle buone risposte dall'altra parte, si finisce solo per essere "vampirizzati". Le cose si fanno in due, se una persona non è ancora pronta per una vera relazione... ci deve sbattere la testa... Nessuno ti convince ad avere fiducia negli altri se non lo vuoi tu, per quanto puoi avere accanto una persona paziente e amorevole...

2 risposte

Classificazione
  • io
    Lv 5
    6 anni fa
    Risposta preferita

    ha una fottuta paura di soffrire ancora.

    chi non ne ha? ma ognuno reagisce secondo la propria indole.

    a me sembra che lui non abbia ancora superato la storia passata.

    non che sia ancora attaccato ai sentimenti provati per l'altra, non fraintedermi, ma che non abbia messo un punto definitivo alla fine di quella storia.

    il senso di rifiuto e di smarrimento che rimane dal lasciarsi, deve essere affrontato ed elaborato.

    c'è un periodo di lutto, in cui piangi e ti disperi, c'è un periodo di rabbia, in cui valuti le tue colpe e quelle dell'altro, ma poi arriva un momento in cui ti "rassegni", in cui riesci a vedere il tutto con occhio abbastanza critico e obiettivo, il momento del "perdono" di te stesso e dell'altro, così poi riesci ad andare avanti, con tutte le tue cicatrici.

    lui forse (e dico forse) ha ancora una ferita aperta che non si è ancora cicatrizzata e per questo mostra molta insicurezza e tante paure nel rapporto che ha adesso. i timori tarpano le ali.

    lui vive la relazione in questa paura e qualsiasi cosa accada che non segue la linea del suo pensiero (di come dovrebbe andare una relazione tranquilla e felice), la vede come un probabile rifiuto e quindi una nuova perdita e si colpevolizza (dice di essere sbagliato).

    ti consiglio di essere molto paziente, molto comprensiva e di dedicare al dialogo (riguardo voi due, di come siete e riguardo la vostra relazione e di come la vivete) tantissimo tempo.

    inondalo di attenzioni, di gesti affettuosi e di piccolezze amorevoli, in modo che, quando non hai voglia di fare sesso (o perchè l'hai appena fatto o semplicemente perchè non ne hai voglia), quando non hai voglia di uscire... lui non la viva come un rifiuto, come una mancanza d'amore nei suoi confronti ma l'espressione semplice del tuo modo d'essere.

    devi fargli capire che il tuo amore si può (anzi, deve) esprimere in modo diverso dal suo e non per questo è da considerarsi minore.

    parla delle tue paure, condividi i tuoi timori, così lui si sentirà compreso nelle sue incertezze perchè sono anche le tue.

    due mesi sono pochi, per questo ho detto che devi avere molta pazienza, non è affatto facile costruire un rapporto con una persona così timorosa di restar scottato.

    è come se lui dovesse acquistare fiducia nella sincerità del tuo amore e partisse non da zero come tutti ma da -20.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Adriel
    Lv 7
    6 anni fa

    Alla larga da tipi così.... alla larga! Cambiano solo e se trovano la donna giusta... e probabilmente questa non sei tu.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.