Anonimo
Anonimo ha chiesto in Mangiare e bereVegetariani e vegani · 7 anni fa

Mi aiutate a smontare le tesi di un demente pro vivisezione?

Ecco quello che afferma lui: Se leggi attentamente e liberandoti dei tuoi preconcetti sbagliati, ti spiego benissimo perchè le tue "alternative" purtroppo non sono valide. Confuterò precisamente tutte e 3 le tue proposte.

1) Metodo in vitro:

Col metodo in vitro non si può sostituire interamente la sperimentazione su un essere vivente in quanto le evidenze ottenute da un esperimento in vitro non sono comparabili, nè quantitativamente nè qualitativamente, con quelle ottenute su un animale, su un organismo completo. Il metodo in vitro è COMPLEMENTARE, viene utilizzato dopo la sperimentazione sull'animale.

2)Metodo "in silico":

Impossibile da utilizzare. Forse non hai neanche una vaga idea di quanto sia complesso l'organismo e tutte le reazioni chimiche e fisiche ad esso associate. Gli attuali computer più potenti della terra non hanno la potenza di calcolo necessaria a realizzare una simulazione neanche lontanamente dettagliata delle reazioni alle sostanze da sperimentare. Anche questo metodo, come quello in vitro, è complementare al test su un animale.

3)Sperimentazione su umani:

Questo metodo è forse il più irrealizzabile dei 3. Perchè si sperimenta sugli animali? Innanzitutto, gli animali utilizzati nei laboratori sono trattati nel migliore possibile dei modi, tenuti in ambienti sterili e preservati da ogni possibile agente esterno di contaminazione, in modo da avere un modello quanto più "puro" dell'organismo. Ogni singolo animale è un costo importante sulle spalle della ricerca. Poi, gli animali si riproducono con regolarità, per cui avendo il rinnovo generazionale nel giro di pochi mesi, si possono osservare concretamente gli effetti sulle generazioni figlie di quella iniziale su cui è stato condotto il test. Ora, prova ad immaginare quanto può costare mantenere perfettamente sani e in salute, perfettamente incontaminati da agenti patogeni esterni e batteri un paio di famiglie di esseri umani in un laboratorio sterile per una settantina di anni, e poi moltiplicalo per un numero non definito di generazioni di figli necessari per vedere concretamente gli effetti e i risultati del test. I dati saranno certamente utili, ma ci saranno voluti molti miliardi di euro (dimmi dove li trovi) e un paio di secoli.

Capisci adesso perchè non ci sono, allo stato attuale, alternative valide alla sperimentazione diretta sugli animali? Sarebbe bello che ce ne fossero, così non sarebbe necessario dover ricorrere agli animali, ma questo discorso appartiene, purtroppo, ad un futuro spero non troppo lontano.

Ci tengo a precisare che ritengo valido tutto ciò che ho scritto SOLO E SOLTANTO per quanto riguarda le sperimentazioni finalizzate a trovare cure e terapie (quindi assolutamente niente test cosmetici su animali) che saranno utili a salvare la vita a migliaia, se non milioni, di esseri umani ed altri animali.

Aggiornamento:

@coguaro sporco: non ho chiesto un opinione sulla mia domanda ma un aiuto. Se non sai darmelo taci e levati dai piedi, grazie.

Aggiornamento 2:

@barone birra: si sono sicuro che il demente è lui esattamente come lo sei tu che rispondi solo per offendere. vai a farti fòttere tu e quella pùttana di tua madre.

5 risposte

Classificazione
  • 7 anni fa
    Risposta preferita

    La verità è che il pro vivisezione è sempre colui che vive pensando alla superiorità dell'essere umano. Inutile che discuti ancora con lui è solo gente che vuole documentazioni, studi non guarda mai la situazione nuda e cruda, e cioè: stiamo uccidendo uomini e animali. Tantissime malattie possono essere evitate. Il 98% dei problemi è causa della malsana alimentazione, di quello che respiriamo. Non possiamo discutere sull'utilità della vivisezione perchè è sbagliata. la tortura di un animale considerato inferiore solo perchè siamo uomini è sbagliata. Non c'è nulla su cui discuterne, argomentarne, è sbagliato questo atteggiamento e questa scarsa empatia per la madre terra che ci sta ancora maledettamente ospitando sul suo grembo ormai malato perchè l'abbiamo uccisa. Ma cosa stiamo discutendo in questo mondo? Le malattie sono causate dall'inquinamento, dall'industria alimentare che fin dall'infanzia fa del male ai nostri bambini. Dai prodotti per l'igiene che ahimè contengono persino petrolio e in primis nei prodotti per bebè. C'è un marciume dietro questa società e la gente discute e pretende che si debba far del male ad un topo. A governare la vita di un essere per "salvare" un bambino. E noi diamo i soldi ad associazioni che stanno zitte davanti tutto questo. Nessun pro-vivisezione andrà mai nel nocciolo del problema e ovvero non sulla ricerca bensì sulla causa delle malattie. E dico, lottare per un mondo diverso salverebbe tantissime persone senza uccidere nessun altro. L'unica cosa che morirebbe è questa falsa speranza della società che va avanti e che ci rassicura perchè siamo nel 2014. Il pro sa semplicemente è un uomo che non conosce alternative, se ha un colpo di tosse prende medicine, non sa proprio nulla e non se ne cura dell'alimentazione e dei prodotti che compra e pone se stesso nelle mani di altri uomini che lo rassicurano. Sono lavati mentalmente da questa società e quindi ti dico che è inutile parlarci perchè tanto le menti comandate non hanno capacità di apprendimento, seguono quello schema scritto nel loro cervello dal padrone e non intendono qualcosa che va contro quel che c'è scritto dentro, dei robot, burattini, insomma.

  • 7 anni fa

    la vivisezione è abolita da 30 anni .la sperimentazione animali oggi è ancora necessaria e dove non serve si utilizzano le alternative.

    se lui è un demente lo è anche il 96% dei scienziati senza dei quali probabilmente saresti già morto.

    te la prendi con gli altri xkè ti dicono come stanno le cose e te offendi, coerente mi dicono..2 person ti rispondo in un modo che a te non piace e te le offendi..bravo

    Ogni risposta che ti potrebbero dare sarebbero inutili, tanto ascolteresti solo quelle che piacciono a te.

    uno studia 10 anni poi arriva il tizio x ke ha visto 2 video su youtube e ne sa di +..

    SI brava Luna...quante cazzate che hai scritto..i virus sono causati dal inquinamento ovivo no, malatie genetiche? inquinamento ovvio! 100 anni fa si moriva a 40 anni e il minimo problema poteva essere fatale, oggi si campa fino a 80 anni, ma tranquilli, sparate a 0 sulla ricerca e di chi si occuppa di salvare anche voi.Vi invito a farvi un giro nei paesi del terzo mondo dove si muore ancora di malatie banali ..vediamo se avete il coraggio li di fare delle proteste contro la ricerca

  • 7 anni fa

    sicuro di non essere te il demente?

    quello che ha scritto è giusto.A oggi non è possibile sostituire del tutto la Sa.

  • Una persona tutta imbevuta di mamma retorica: "i ricercatori non sono sadici, non si divertono a torturare, gli animali tenuti con rispetto in perfetti ambienti igenizzati" è impossibile da convincere finchè non ci sbatte il grugno.

    Classico perfetto elemento governativo da logica sistematizzata, ne sono testimone essendolo stato per quanto riguarda i conflitti internazionali.

    Purtroppo 1)le logiche belle e pulite funzionano forse con gli atomi e ioni ma non con gli esseri umani, se si riesce ad annullare fino a tal punto i propri normali istinti umani da utilizzare, con sacrificio e quello che vuoi, esseri senzienti per avvelenamenti, ustioni e atrocità varie (e si, lo studio sulle malattie prevede spesso tutto questo), la gentilezza dei camici bianchi non può coesistere e comunque sarebbe inutile.

    Si, possiamo tutti credere che persone adulte e professionali (uso di roboanti sistemi glottologici: arma convenzionale) non si divertono beceramente con degli animaletti, ma

    chiunque abbia incontrato o sentito per caso o conosciuto ricercatori, si proprio ricercatori, e studenti di biologia, di farmacia, di veterinaria, sanno che dalle battutine sibilline ai racconti veri e propri quegli animali colcazzo che vengono rispettati,

    Vedi, i soggetti recettivi come noi umani ci costringono a qualsiasi livello ad un'interazione e se devi averla uccidendo, facendo ammalare, facendo impazzire dal dolore qualcuno, non è -ma NON PUO'- essere un'interazione basata sull'empatia. E non essendo macchine no: non esiste farlo ma con dolore. Devi per forza riprogrammare le tue emozioni al contrario, questo porta a dei siparietti davvero sconcertanti e a una disumanizzazione inevitabile.

    Poi ti rispondono che si tratta di qualche studente su di giri? Caz+zo, ovunque ne senta, corsi di qualsiasi ramo, sono i professori a fare battute sconcertanti e promuovere un modello empatico ributtante.

    I campi di concentramento dovevano aver insegnato: non esiste la violenza codificata e quantificata, se l'uomo non è macchina si deve accordare con essa, ne è mezzo vivo e complesso, quindi i risultati fantasiosi e raccapriccianti. E ogni qual volta ci sono state telecamere infiltrate lo si è dimostrato.

    Già solo il parlare per convenienza di generazioni di animali cicliche, di figli nati per portare segni di malattie la dice lunga di questi individui.

    Detto questo, la differenza tra sistemi computerizzati e sistemi animali è semplicemente questa: gli animali hanno diverse variabili rispetto all'uomo, a scapito di qualsiasi comunanza, che manda al diavolo qualsiasi aspettativa di risultato sovrapponibile.Diciamo che è una partita al lotto, quando il farmaco può avere effetti simili all'uomo e quando non.

    Il computer almeno gioca con la complessità UMANA, tante ne dobbiamo conoscere e non può essere esaustivo, ma certamente ha più probabilità di esserlo di un topo o un cane.

    D'altronde il fatto che la sperimentazione animale abbia semplicemente uno zoccolo duro di interessi economici lo dimostra il fatto che, nonostante ogni argomentazione che le si oppone sia vecchissima, sta già passando via, in quanto viene sempre più sostituita dai demonizzati sistemi computerizzati o in vitro nelle singole ricerche (vedasi varie notizie riportate dalla cronaca animalista e fonti ufficiali). Ogni volta si ribatterà sulla convenienza nelle restanti ricerche mentre queste andranno sempre più a riconvertirsi in altri sistemi. E' una battaglia ormai persa la loro.

    E no, non provo ad immaginarmi di tenere una famiglia in isolamento per mesi e farla riprodurre perchè la storia ha dimostrato che le abiezioni semplicistiche si sono sempre ritorte contro chi le ha generate, a discapito delle lineari logiche compiaciute che le hanno prodotte. Prova ne sono anche i continui farmaci che vengono ciclicamente ritirati dal mercato per gli esosi effetti collaterali o/e letali, mentre le case farmaceutiche hanno il paravento delle differenze tra uomo e animale. E' una ruota della sventura che si dovrà pur fermare.

    Questo tizio dimentica anche che, come poi tutti i vivisettori tengono a precisare, il principale fulcro della ricerca è proprio il primo passaggio che è quello in vitro, dove si usa la propria conoscenza e lo studio di reazione tra molecole, combinazioni etc. e poi si va a testarne gli effetti, obbligatoriamente prima su animali e più brevemente su un campione umano. Il primo inadeguato per ragioni biologiche, il secondo per questioni temporali. Motivo per cui la ricerca deve evolversi in ALTRI MODI.

    Quando si parla di complementarietà è del tutto inutile, coadiuvare dei mezzi anche non esaustivamente utili con altri depistatorii è folle, la sperimentazione animale va solo eliminata.

    Poi il nostro uomo si chiede quanti soldi (..soldi soldi!) servirebbero per rinchiudere una famiglia ..etc (?!), ma si chiede quanti soldi servono ad allevare generazioni di animali, per milioni, nutrirli (alcune specie per anni anche), le milioni strutture (in)adeguate in cui allevarli e poi quelle in cui stabularli?! C'è un business incrociato di industrie e fornitori impareggiabile.

    Fonte/i: Ti consiglio l'articolo di un medico: http://www.novivisezione.org/info/topicidi.htm Prove ALL' OCCHIO: http://www.novivisezione.org/info/bugiardini.htm
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 7 anni fa

    Se non ne sai abbastanza è inutile che ti metti a discuterne. La cosa peggiore e che neanche loro ne sanno abbastanza, infatti quasi mai vengono portati esempi concreti e riferimenti a fonti originali. Queste discussioni sono solo gare di retorica.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.