Flavio ha chiesto in Arte e culturaLibri ed autori · 7 anni fa

CHI MI SPIEGA QUESTA FRASE?? OLIVER SACKS!!?

"Il medico, a differenza del Naturalista, ha a che fare.. con un singolo organismo, il soggetto umano,in lotta per conservare la propria dignità", sostiene Ivy Mckanzie. Stavo leggendo "L'uomo che scambiò sua moglie per un cappello" di Oliver Sacks,che spiega di come lui si sente sia un medico che un Naturalista. Sento di essermi avvicinato al significato di questa frase ma voglio essere sicuro di cosa intendeva Ivy.

3 risposte

Classificazione
  • Silvia
    Lv 7
    7 anni fa
    Risposta preferita

    Ho letto "Oliver Sacks" e mi si sono illuminati gli occhi...

    Leggendo il libro capirai cosa vuole dire, capirai di più leggendo pure gli altri.

    Come si evince da Zio Tungsteno, Sacks è sempre stato un esploratore, sin da piccolo, ha avuto genitori che avevano gli strumenti adatti per incoraggiarlo in quella direzione (medici).

    Ha iniziato a scoprire la chimica con uno zio che produceva lampadine e che gli raccontava delle proprietà dei gas e dei metalli e così, incuriosito, creò un piccolo laboratorio in casa in cui faceva esperimenti di ogni tipo...talvolta pericolosi. Ma era affascinato nel capire come le cose funzionassero e nel vedere le meraviglie della natura. Racconta che passava il tempo nel museo delle scienze ad osservare una grande tavola periodica dove, per ogni elemento, era esposto un campione dello stesso.

    L'altra sua grande passione, di cui parla altrove, fu la biologia, in particolare la botanica, al punto che per un momento pensò di dedicarsi a quello. Poi è stato in un certo senso spinto alla medicina.

    (Tra le altre cose, ti renderai conto, leggendo, che ama la musica, ma questo non c'entra col discorso).

    In pratica è una persona spinta da una curiosità sincera, pronta a meravigliarsi delle cose, si appassiona e ne analizza ogni aspetto e queste caratteristiche le ha mantenute come neurologo.

    Ecco quindi che il medico non è quello che fa la diagnosi e prescrive la cura, ma colui che si interessa del benessere del paziente, constata la malattia, ma cerca pure di capire come questo influisca sulla sua psiche, sulla sua vita, ha un dialogo col paziente e collabora con lui per trovare soluzioni che aiutano a migliorargli la qualità della vita (molte delle malattie che troverai sono incurabili).

    Inoltre vedrai come si stupisce sempre dell'ingegno dell'essere umano (e lo sottolinea in ogni maniera) che riesce a reagire nelle situazioni più assurde con determinazione, forza di volontà...e molte volte persino fantasia.

    È un naturalista perché vede nei suoi pazienti non delle malattie da curare, ma delle persone, se ben osservate, possono insegnare e offrire tanto proprio grazie alle difficoltà che affrontano....esattamente come quando si osserva la natura intorno a sé. Mantiene quello spirito curioso di quando era bambino, osserva il dettaglio più intimo dei pazienti e si stupisce di cosa la mente umana e la forza di volontà siano in grado di fare. Allora i pazienti diventano un universo alternativo pieno di meraviglie che nella vita quotidiana non ti immagini e sono lì, per essere ammirate, osservate ed esplorate...in quel senso è proprio un naturalista.

    Nei suoi libri risalta molto questo suo aspetto dell'osservare, piuttosto che cercare a tutti i costi di arrivare a delle conclusioni, definizioni e sentenze rigide. Lo fa in Vedere Voci, dove analizza la lingua, le lingue dei segni, le vite dei sordi...e lo fa partendo dalle situazioni, dai fatti e non dalle conclusioni. Fa lo stesso in musicophilia, dove pare si diverta a raccontare le situazioni più disparate che si possono creare nei modi diversi in cui il cervello può percepire la musica...e anche lì prevale il punto di vista delle persone che lo vivono in prima persona e non dalla diagnosi.

    Capirai ciò che voglio dire proseguendo nella lettura :)

  • 7 anni fa

    Guarda il tuo gatto e guarda i gatti del quartiere.

    Il tuo gatto è un individuo dipende da te, mentre i gatti del quartiere sono una specie.

    Dei secondi sai che le lotte che fanno sono nell'ordine naturale delle cose, per il tuo fai il tifo.

    Nel primo caso (gatto Tuo) sei nella posione del medico, con gli altri del naturalista.

  • 7 anni fa

    L'UOMO SCAMBIA SUA MOGLIE CON UN'ALTRA SE NON LA AMA.POI PER CONSERVARE LA PROPRIA DIGNITA' L'UOMO FAREBBE QUALSIASI COSA.POI IL MEDICO A DIFFERENZA DEL NATURALISTA HA A CHE FARE CON UN SIMBOLO ORGANISMO PROPRIO PERCHE' VUOLE CONSERVARE LA DIGNITA'.

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.