Anonimo
Anonimo ha chiesto in Società e cultureMitologia e folclore · 6 anni fa

Ieri ho visto uno gnomo?

Era da poco scoccata la mezzanotte, e io vagavo ramingo per le vie carattetistiche del borgo che mi ha dato i natali. Mi accingevo a rincasare, quando un boschetto nei pressi della via attira il mio sguardo. Vi entro e, complice una debole ma generosa luce offertami da una pallida luna, arrivo a una macchia di arbusti. Un rumore giunge al mio orecchio, mi aqquatto e, strisciando furtivamente, scorgo un essere a pochi passi da me; subito esso si gira, come se avesse sentito la mia presenza, e riesco a vederlo nella penombra: un essere dall'aspetto umanoide, basso e tozzo, di mezza età, con capelli scuri e frizzolati, mossi e un viso da bonaccione. A ben guardarlo mi sembrava buffo, perchè vestiva con giacca e cravatta, elegante ma ridicolo. Poi d'un tratto ha iniziato a gracchiare nella lingua corrente! Ha iniziato ad apostrofarmi "fannullone" e poi è scappato nel fitto del bosco, continuando ad asserire con la sua buffa voce che i giovani italiani sono tutti fannulloni, senza volontà nè voglia di lavorare, e altre cose incomprensibili.

Che ne pensate?

3 risposte

Classificazione
  • Anonimo
    6 anni fa
    Risposta preferita

    Credo che bisognerebbe dire a quello gnomo che niente è mai stato così importante come l'ozio. Non è forse mentre oziava sotto un albero che Newton a scoperto le leggi della gravità? Non sono state le premesse oziose degli ateniesi a produrre le ipotesi e gli assiomi matematici, fisici, astronomici più importanti e validi per tutta l'umanità? Fare un elogio all'ozio è la migliore propaganda contro quel regime stupido e inneggiante alla produzione di massa che vuole solo apporre il suo marchio capitalista e liberista di aberrazione collettiva alla società.

    L'ozio, non è il padre del vizio, ma bensì la culla, il crogiolo dell'attività creativa umana.

    Da qui, allora, si può infine affermare che "il lavoro nato dall'ozio creativo, nobilita l'uomo, lo avvicina alla più alta consapevolezza di sé", mentre il lavoro sistematico teso a piegare l'uomo sotto l'uomo, in uno schiavismo lavorativo ossessivo, forzato, organizzato secondo logica aberrante della produzione di massa è alienante, oltreché economicamente controproducente, poiché teso a costruire un sempre maggior numero di disoccupati senza salario a scapito di pochi occupati che devono lavorare sempre più - per sostenere l'arrogante ipotesi che "fannullone fa male" - mentre i pochi favoriti che lavorano guadagnano più di quello che gli servirebbe, e non hanno il tempo per godere del denaro così guadagnato per l'arte e lo svago ozioso.

    Coloro che invece sono disoccupati, non possono spendere, e non contribuiscono allo svilupparsi della micro economica locale, l'unica in grado di avviare l'economia nazionale ed il benessere.

    Ora, perché questo? Perché c'è l'ideologia della tutela degli interessi delle grandi multinazionali private", che possono esercitare il loro dominio contando appunto sul "mito dell'ozio padre di ogni vizio". Chi non produce si deve vergognare!

    Ovvero, chi non è con me, è contro di me.

    Così si tende a distruggere ogni forma di impresa umana che sia diversa da quella logica schiavista e imperialista del lavori per me e sotto di me e guadagni tanto. E gli altri sono degli oziosi fannulloni, che non meritano nulla (e certo, con quella logica hai corrotto anche i governi ed hai preso tutto tu, egoista di m******).

    Si distrugge quella forma di impresa umana fatta da piccoli commercianti, bottegai, artigiani, operatori individuali, con il solo fine di costituire una concorrenza spietata tesa a fagocitare il mercato globale. Assurdo che poi non ci accorga che tale distruzione del tessuto economico rende sempre più poveri i cittadini, e che la bilancia di un paese (come il polso) si misura dalla sua bilancia di esportazione.

    I quali, soppressi, non rimarrà che oziare, ed essere screditati, e poiché non avranno poi più denaro nemmeno per comprare il prodotto della cosiddetta "grande compagnia privata", la logica propaganda stacanovista distrugge il sansone con tutti i filistei.

    Ma si può essere più deficienti ed egoisti di così?

    L'ozio, inteso come ispirazione venuta dal far niente, ha prodotto durante il rinascimento i più bei capolavori che l'Italia abbia mai potuto creare. L'ozio, poiché è rigenerante, può produrre una maggior energia. Chi ha creato il mito del fannullone, lo sa bene, poiché vuole tale privilegio solo per sé.

    Infatti, se sei sempre spremuto come un limone, che potrai mai inventare? Alla sera arrivi a malapena a farti una bistecca sulla padella e morire a letto, dove troverai il tempo per inventare, creare e generare benessere?

    L'unica alternativa alla bistecca è il Mac Donald's... ed infatti ... ecco cosa hanno saputo produrre in creatività di codesti signore del lavoro meccanicistico.

    La prossima volta, piglia quello gnomo e fo********!!

  • 6 anni fa

    stai sottilmente prendendo per il **** i politici ?? XD

    *brunetta scappa piangendo come una studentessa giapponese * ti stimo ... XD

  • Zaira
    Lv 7
    6 anni fa

    penso che n bisogna fare di ogni erba un fascio

    ci sono i fannulloni ma c'è anche chi non lo è . si sa che i gnomi sono dei gran brotoloni e bisogna stare attenti a non contraddirli, hai fatto bene a non rispondergli a tono

    ma la prossima volta , se continua ancora con questa tititera, mandalo a quel paese. se lo merita !

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.