IO ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 6 anni fa

AIUTO, Non ce la faccio più ho paura dell'AIDS ... Aiutatemi!?

Allora, vorrei raccontarvi brevemente la mia storia, circa verso gli inizi di aprile, ho avuto in gita da ubriaco, era la prima volta che mi ubriacavo (ho 16 anni), il mio primo rapporto orale con una mia amica, che ha avuto un po' di ragazzi e ha fatto questo genere di cose anche a loro... da subito il rapporto mi ha causato un irritazione sulla corona della cappella, che ho curato con una crema vaginale.

Ok, per il resto tutto qua, ma mi è apparso quando cercavo come risolvere questo problema "AIDS"

Io avevo sempre pensato che l'AIDS si attaccasse tramite rapporto sessuale completo, e invece ho scoperto che appunto si poteva attaccare anche così, da aprile a questa parte non vivo più, ogni cosa che mi prendo, raffreddore, mal di gola, penso che sia sintomo di HIV.... Aiutatemi, ho paura di fare il test, perché non saprei come dirlo ai miei, e quindi non saprei come andare all'ospedale o come giustificare un eventuale uscita, insomma HO PAURA di fare il test... Ma soprattutto ho paura di morire(e chi non c'è l'ha)

Comunque ho deciso che d'ora in avanti faró tutto con il preservativo!

Grazie per le eventuali risposte.

7 risposte

Classificazione
  • 6 anni fa
    Risposta preferita

    Ciao, sono una mamma di 53 anni, ho un figlio di 29, una figlia d 26 e uno di 15, se a loro succedesse una cosa così, li accompagnerei io stessa in ospedale, nel reparto infettivi, dove fanno il test gratuitamente e anonimamente, non ti serve neppure l'impegnativa. Consiglio: se ti vergogni della tua mamma prova a parlare con il tuo papà, mal che vada ti danno un ceffone, ma poi sono sicura che ti accompagneranno dal medico, non aver paura vedrai non è nulla, ma il dubbio devi togliertelo, inoltre ricordati in futuro che le raccomandazioni dei genitori (anche se pallose) servono a tutelare la vostra vita. Forza e coraggio, hai provato a fare una cosa da uomo, ora dimostra almeno a te stesso di esserlo! Ciao e in bocca al lupo!

  • 6 anni fa

    Esistono dei centri apposta per ragazzi, dove medici, ginecologi, psicologi & co. aiutano i ragazzi minorenni in situazioni come queste, senza per forza dirlo ai genitori. Informati su internet per scoprire se esiste un centro simile nella tua città. Basterà descrivere al medico i sintomi che hai avuto durante il periodo successivo all'accaduto e lui saprà dirti in che condizione sei. In bocca al lupo

  • 6 anni fa

    ma figurati non esiste sieroconversione e sintomi conclamati di aids a distanza di due o tre mesi da un rapporto sospetto. Comunque il test ELISA costa dieci euro. Tu hai tutto un altro problema, puoi esserti preso una candidosi, quella che tu chiami infiammazione al glande (termine tecnico) si chiama balanopostite, infiammazioen del prepuzio e glande. Di solito lo dà la candida che non è detto nemmeno che si vede ma è uno dei funghi più diffusi specie in ambiente vaginale. Se noti uno spellamento allora è candida, si cura con il canesten crema. Hiv te lo puoi scordare, per quanto questo non vuol dire che in futuro tu non debba essere più prudente e usare i preservativi. Non si è visto nessun caso di gente che si prende l'hiv e in tre mesi sviluppa i sintomi. Preoccupati di tutt'altre cose se proprio ti vuoi preoccupare. Comunque prenota una visita dal dermatologo, senza vergoga tanto sono abituatissimi. Ti ci dà una occhiata e già che ci sei ti fai dare una occhiata anche ai nei (prassi comune quando si va dal dermatologo).

  • 6 anni fa

    eviterei di curare la cappella con una crema vaginale...Comunque sul rapporto orale ci sono esperti che dicono addirittura che non sia un comportamento a rischio...quantomeno il rischio è molto basso o improbabile,soprattutto per chi lo riceve (è il tuo caso).Solo il test può decretare con certezza il tuo stato sierologico .Quindi ,da quanto hai detto, il rischio che hai corso,se hai avuto solo un rapporto orale,è zero o al limite lo rasenta,se chiami qualche esperto potrebbe anche dirti che non hai bisogno di farlo

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • Anonimo
    6 anni fa

    e' un ragazzino plausibilissimo, ma un 58 enne è grave molto grave prendere l'hiv, nonostante le mie esperienze in merito ci sono ricascato, ancora non ho fatto il test hiv o altre malattie trasmissibili anche queste molto letali tipo epatiti (a-b-c-) sifilide, e altre meno letali ma comungue invalidanti ed altre guaribili, ormai il sesso deve essere fatto protetto se non si conosce la persona con cui si fa, assolutamente non date retta che sesso orale non trasmissione hiv non è vero dipende dallo stato della persona che lo fa e di chi lo riceve, dobbiamo proteggerci, io non l'ho fatto e ne pagherò le conseguenze, scusate ma questi ragazzi sono poco e male informati e non solo loro ma tutta la comunità mondiale. grazie

  • 6 anni fa

    Grazie a tutti per le risposte mi sono servite tutte, e vi ringrazio, seguirò i vostri consigli e davvero, ora sono più calmo... Grazie ancora

  • 6 anni fa

    E' passato troppo tempo perchè tu abbia contratto l'AIDS:

    LA PRIMA FASE 1 mese circa non hai alcun sintomo ma il virus è presente nel tuo organismo.

    SECONDA FASE manifestazione sintomi .

    So passati più di 4 mesi e non hai avuto alcun problema, nn penso tu sia malato ma non sono un medico per questo ti consiglio di fare il test per toglierti ogni dubbio, che te frega dei genitori , la vita è solo tua , se non intervieni in tempo rischi ...

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.