Alice G ha chiesto in SaluteOdontoiatria estetica · 6 anni fa

Cosa si prova quando ci si sottopone a infiltrazioni di acido ialuronico all'atm?

Oggi sono andata da uno specialista maxillo facciale, più precisamente presso un ambulatorio atm, la diagnosi è stata di dislocazione del disco con retroposizione del condilo. Il dottore mi ha spiegato la procedura ma vorrei avere esperienze dirette da chi le ha fatte. Avete avuto giovamento?

3 risposte

Classificazione
  • 6 anni fa
    Risposta preferita

    Dire che hai una dislocazione del disco con retroposizione del condilo non è una diagnosi, ma un reperto clinico. E' come dire che qualcuno è morto per arresto cardiaco: TUTTI sono morti per arresto cardiaco, dal tempo di Adamo ed Eva. Il problema è capire PERCHE' c'è stato l'arresto cardiaco…. quella è la VERA diagnosi, da cui poi deriva la VERA terapia.

    In ogni caso, fare infiltrazioni di acido ialuronico non rientra nei protocolli che io conosco (ma può essere una mia lacuna) e di sicuro non è una terapia etiologica.

    Poi magari nel tuo caso tu riferisci solo quello che ti ha detto il medico, e magari lui avrà fatto tutta una serie di considerazioni che non ti ha detto, saltando subito alle conclusioni. Magari ha ragione lui.

    Però vorrei sapere a questo punto in base a quali accertamenti clinici e/o strumentali è giunto a questa diagnosi.

    Comunque rispondere alla tua domanda mi è impossibile: non ho mai sentito di questa terapia ma, ripeto, potrebbe essere una mia lacuna. Le terapie per l' atm sono ben altre. E, possibilmente, non invasive e sopratutto MIRATE ALLA CAUSA. Ha fatto una diagnosi di causa ? Cioè, è risalito al perchè hai il disco dislocato ? Ammesso che l'ac. ialuronico faccia qualcosa, se la causa rimane, dopo un po' sei daccapo. A meno che, come dicevo prima, sia giunto subito alla conclusione che non ci sia altro da fare e quindi ha ragione lui.

    ps

    Alice, ho letto la tua aggiunta. Ma ribadisco : le cose che ti hanno detto NON SONO UNA DIAGNOSI. Sono dei REPERTI CLINICO-STRUMENTALI. Per farti capire: se stai male ed il medico che ti visita ti dice: tu hai FEBBRE , DOLORE e NASO CHIUSO, questa NON è una diagnosi: è quello che ha trovato. Sarebbe diagnosi se dicesse: tu hai una infezione da rinovirus che si manifesta con febbre, dolore e naso chiuso. Più chiaro così ?

    Disordine craniomandibolare ? TUTTE le patiologie di questo tipo fanno parte dei disordini CRANIO-CERVICO-MANDIBOLARI. E' un calderone dove ci stanno dentro decine, forse centinaia di cose diverse.

    La cosa tragicomica è che hanno detto "su base mista"….. come dire: non so cosa la determini, ma dato che potrebbe essere tutto ed il contrario di tutto, mettiamoci su base mista…..

    A meno che non siano stati fatti SPECIFICI esami clinici semeiologici (e solo collateralmente strumentali) per risalire alla causa ultima. In effetti potrebbero esserci casi clinici "misti", ma occorre provarli, dimostrarli, dopo aver VISITATO il paziente. Non con le chiacchiere.

    Da ultimo: il bite ? sì, ma non è un toccasana. Il bite risolve SOLO ALCUNE DELLE PATOLOGIE di questo tipo…… motivo in più per fare diagnosi DI CAUSA…… se ti fanno mettere un bite, e non ne hai bisogno perché la causa sta altrove, ti fanno spendere inutilmente soldi, non ti risolvono il problema, ed anzi te lo potrebbero far peggiorare.

    No, ho impressione che non sei in buone mani…. perché non provi da qualche altra parte ???????

    ps2

    ho letto la tua seconda aggiunta. Credo che la diagnosi te la sei fatta da sola. Il tragicomico è che questa "diagnosi" te l'ha fatta uno "specialista maxillofacciale" in un "ambulatorio atm". Se questo è il meglio che può fare, tra l'altro come aggiungi " a voce", senza nemmeno visitare il paziente……

    Comunque, veniamo al dunque. Quando ci si trova di fronte ad un paziente CCM, occorre prima di tutto raccogliere l'anamnesi, cioè la STORIA CLINICA. E la tua è esemplare: hai detto tu stessa la parolina magica: hai fatto ortodonzia per quello che, da quel che dici, era una terza classe. E' giusto fare ortodonzia, ma il concetto che vado spiegando da mesi in queste pagine è che l'ortodonzia va inquadrata nell'armonia di TUTTO il corpo, altrimenti si fanno gli arrosti, come sembra che l'abbiano fatto nel tuo caso. Da quel che dici, la tua atm ed i tuoi muscoili non sopportano questa posizione della mandibola, retrusa, all'indietro (la cosa più anti-fisiologica che esista, perchè va a comprimere le strutture anatomiche posteriori della glena), si sono "arrabbiati, sono in tensione …. ora occorrerebbe VISITARTI, cioè sentire con le mani le condizioni di ossa, muscoli, legamenti, etc, ma probabilemnnbte, vado a naso, ad intuito, basandomi SOLO sulle tue parole e sulla tua storia, ti è andato in disfunzione il capo superiore del muscolo pterigoideo esterno che ti ha provocato il dislocamento anteriore del disco…. ma le mie sono solo teorie, ripeto: è FONDAMENTALE a questo punto che tu ti rivolga a chi queste cose le conosce e le sa. Non importa il titolo di studio, può essere medico o dentista o fisioterapista o osteopata, ma l'importante è che le conosca. Forse, andando a tentoni, potresti trovarlo meglio tra gli osteopati, meglio se hanno seguito corsi professionali ad hoc sulla posturologia e sulle disfunzioni CCM. Ma, ripeto, potrebbe essere anche un dentista, sempre che queste cose le conosca. Da quel che dici, dimostri che il mio scetticismo purtroppo è fondato.

    (mi viene da piangere a sapere di sanitari che di fronte ad un quadro di questo tipo, verosimilmente comprensibile anche dalla scarna descrizione che ne hai fatto, pur con i mille dubbi, se e ma espressi sopra, SENZA VISITARTI ti abbiano "consigliato" di fare infiltrazioni di acido ialuronico….. sono veramente allibito).

    ps3

    Leggo dalle tue parole una certa (giustificata) delusione sui dentisti. Tutto sommato hai ragione. Io sono un dentista della vecchia, vecchissima guardia, ma a noi queste cose non le hanno mai insegnate. Per la verità a quei tempi neppure si sapevano. Chi le ha volute approfondire lo ha fatto perchè "ha capito" che la bocca non finisce con i denti. Non so le ultime generazioni cosa sappiano di queste cose quando escono dall'università, ma credo poco. Chi si interessa di maxillo ha altre gatte da pelare. Stiamo parlando di un qualcosa che è terra di confine tra varie discipline, e che necessita di un approccio professionale tutto differente, che si chiama TRANS-disciplinare. Occorrono professionisti provenienti da vari campi che sappiano le problematiche degli altri, ma sopratutto che sappiano lavorare asieme interagendo per il bene del paziente. Non è facile capire da chi andare. Come dicevo, ci possono essere dentisti che sono bravissimi in certe cose, ma che di queste cose non sanno neppure l'esistenza, come ci possono essere dentisti che invece le conoscono alla perfezione ma che non sanno nemmeno fare una otturazione. Non si può essere "tuttologhi".

    In genere in queste cose ci dovrebbe essere la collaborazione di un ortodontista, un osteopata, un esperto in posturologia, un fisioterapista. Se tu trovassi un ortodontista osteopata che si interessa di posturologia avresti fatto sei al superenalotto.

  • 6 anni fa

    Allora ho fatto un rm tempo fa e da quella risultava il risultato di cui parlavo. Ora il maxillo facciale attende la nuova rm per vedere cosa è cambiato. La prima diagnosi che mi era stata fatta era: isordine cranio mandibolare su base mista in paziente con tendenza alla terza classe.

    La diagnosi successiva del medico dell'amb atm è stata: dislocazione bilaterale del disco con riduzione bilaterale e retroposizione dei condili. Il trattamento era un bite di riposizionamento mandibolare.

    Senza dubbio mediterò.

    -----------------

    Credo di aver capito tra le righe che ho bisogno di un pare di uno gnatologo. Però non è mica facile trovarne uno dritto. Sto andando per tentativi...

    Cmq, come scrivevo, la diagnosi del problema mi è stata fatta a voce: Ho 2 problemi: la tensione muscolare e il fatto che da bambina avessi la mandibola in avanti che è stata portata indietro con trattamento ortodontico. Ora slitta in avanti e mi ha portato a questo. Effettivamente la muscolatura è contratta dopo anni di tensioni varie.

    Non è facile capire a chi rivolgermi...

    ---------------------

    Allora, mi è stata fatta la visita, sono stata palpata in diverse maniere. Il problema come dicevo è che ci sono diverse correnti di pensiero. Non posso scrive qua tutta la mia storia ortodontica altrimenti dovrei scrivere la Divina Commedia. Loro sanno benissimo tutta la mia storia. All'ultima visita mi è stato detto che bisogna procedere per piccoli passi. Non possono fare miracoli!

    Io sono convinta che on line ci si possa confrontare ma che sia molto difficile fare diagnosi. Quello che mi hai detto dà una luce nuova sul mio problema.

    Senza dubbio la mia articolazione è arrabbiatissima e mi fa vedere le stelle. Vediamo come va la rm. Ho una priorità e con quella andrò a fare un consulto privato da un luminare.

    Non ho tanta fiducia dei dentisti perché altrove mi è stato detto anche che non ho niente e che coi soldi della cura farei meglio ad andare in vacanza. Mi sono cascate le braccia. Mi sono rivolta in una super struttura pubblica visto che coi privati i risultati erano deludenti (hanno paura).

    --------------------------------

    Le probabilità statistiche di fare 6 al superenalotto sono irrisorie.

    Quello che posso dire è che sono molto scettica. Il tipo dentista specializzato anche in gnatologia che mi ha invitato ad andare in vacanza in precedenza mi aveva inviato da una fisioterapista in gamba per sbloccarmi. Per ics motivo ho dovuto abbandonare il tutto. Risolto gli ics motivi sono ritornata dal tipo e mi ha detto che la fisioterapista gli aveva riferito che non era riuscita a sbloccarmi. Il mio grosso dubbio è che seguendo la corrente di pensiero dell'osteopata, dello gnatologo mi vado a ficcare in un ginepraio da cui non si esce più. Ho subito vari traumi: sono anche caduta da cavallo... - ho anche beccato un abusivo... sono andata dal medico legale...

    Il dilemma è che i privati ascoltano tutta la mia storia -, mi visitano e poi si tirano indietro. Mi è stato detto che non è san Francesco...

    Fonte/i: Insomma, io cercavo una struttura pubblica a cui rivolgermi.
  • Dario
    Lv 7
    6 anni fa

    Concordo completamente con la risposta di Francesco!

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.