promotion image of download ymail app
Promoted

religione e spiritualità sono la sezione giusta per trattare l'argomento islam o l'islam c'entra poco con la religione?

5 risposte

Classificazione
  • 5 anni fa
    Risposta preferita

    Con grande evidenza l’islam si pone nell’intersezione tra politica e religione ed è quindi più che lecita la questione che stai suscitando.

    Ma oltre a riguardare, nelle varie declinazioni dell’antropologia, tutto l’intreccio di campi che va dal sociale al politico, mi piace aprire un fronte nuovo, che mi pare finora poco focalizzato.

    Idealmente mi piacerebbe portare il musulmano come tale sul lettino dello psicoanalista.

    La psichiatria e la psicoanalisi avrebbero tantissimo da dire e da suggerire a chi segue la religione del profeta, pace e benedizione su di lui :). (sarebbe interessantissimo anche chiedere agli specialisti la ragione di queste formulette coattive)

    Potrebbe fare di più, per aiutare sul più intimo piano psicologico, una rivista come questa http://it.wikipedia.org/wiki/Jasad , una rivista che si chiama “corpo”, termine chiave che segna un obiettivo da conquistare… una rivista che potrebbe fare di più che tante fumose discussioni intellettualistiche.

    Il corpo: un grande tabù nella società islamica. Per immaginarvi uno spaccato di una vera comunità islamica rurale ci vorrebbe un nuovo speciale film di verdone, dove il regista & attore impersonasse l’imbranato che quando deve menzionare parole per le quali si sente inibito abbassa timoroso la sua voce :)

    Li ho visti e sentiti io personalmente dei musulmani divenire dei personaggi di verdone, sorridere nervosamente o abbassare impercettibilmente la voce quando devono menzionare dei termini che ritengono sconvenienti. Termini attinenti la corporeità nelle sue funzioni relazionali ed emozionali.

    Il musulmano ha timore perfino dell’ introspezione.

    Vi rendete conto che chi è musulmano “demonizza” la propria stessa mano sinistra?

    Non sto scherzando. A livello profondo, una parte della persona rinnega una sua stessa parte.

    Una sorta di dismorfofobia di massa indotta socialmente.

    Nella nostra cultura la preghiera cristiana può essere svolta sia insieme agli altri che in modalità solitarie.

    Molti cristiani dei primi secoli pregavano quasi sempre soltanto collettivamente. Ma poi crebbe col tempo anche la modalità privata di preghiera. Un parallelo può essere fatto con la modalità antica di lettura dei testi scritti. Duemila anni fa erano rarissimi coloro che erano in grado di leggere subvocalicamente un testo scritto. Ma pian piano coi secoli crebbe il numero di coloro che sapevano leggere in silenzio un testo scritto. Così avvenne anche per la preghiera. Dapprima soltanto collettiva, poi divenne anche possibile l’orazione silente, compiuta nel silenzio concentrato del proprio foro interiore.

    Ecco appunto un’altra cosa delicatissima e fondamentale che difetta agli islamici: la capacità di pregare da soli in silenzio! La preghiera musulmana è essenzialmente una preghiera da farsi in presenza di altri, richiede la visibilità sociale del proprio pregare.

    Nei secoli si è spontaneamente formata anche in molti musulmani questa capacità di pregare da soli ma è notorio che le correnti ortodosse non vedono bene la solitudine nella preghiera: essa appare una contaminatio mystica, una deriva intimistica che allontana dalla umma. Ad esempio l’importante e sottilissima mistica sufi ha rischiato parecchio da parte dell’ortodossia.

    Il discorso andrebbe aperto quindi anche sul piano delle neuroscienze, questo per tutte le religioni, e in primo luogo per l’islam.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Serena
    Lv 7
    5 anni fa

    Concordo con Piero12 e tuttavia una religione che controlla ogni passo dei suoi fedeli, la chiamerei più "movimento" che religione.

    ciao

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    L'Islam è solo una religione, anche se pervasiva di tutte le umane facoltà.

    Infatti non riguarda solo la vita religiosa e spirituale del fedele ma si estende alla legislazione civile e penale, determinando la legge, definendo i reati e le relative punizioni. Arriva a controllare la dieta indicando i cibi consentiti e quelli proibiti nonché le modalità di preparazione degli stessi. Condiziona tutte le espressioni della personalità umana normando anche le sue minime manifestazioni come l'abbigliamento e l'igiene, senza tralasciare quelle massime come l'arte, la creatività eccetera.

    Si questa è la sua giusta sezione, almeno per i suoi aspetti fideistico religiosi, che potrebbe comunque estendersi tranquillamente a molte altre per i motivi appena detti.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    L'Islam è religione professata da due miliardi di persone nel mondo. Se ne parla, anche qui.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 5 anni fa

    è una religione.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.