Che fine fa l'energia elettrica immessa nella rete e non utilizzata? Qual'è la percentuale su quella prodotta che va così perduta?

2 risposte

Classificazione
  • oubaas
    Lv 7
    6 anni fa
    Risposta preferita

    Uno sbilancio tra energia prodotta ed energia spesa (includendo in essa le perdite) crea una variazione di frequenza che comporta un aumento di energia cinetica in tutte le masse rotanti (dalle turbine agli utilizzatori) ... fintanto che la regolazione di velocità dei prime movers regolabili pressoché istantaneamente (turbogas e turbine idrauliche) non interviene sottraendo potenza e mandando l'intera rete, per un transitorio di breve durata, sotto richiesta in modo che il surplus di energia cinetica venga restituito e la frequenza torni ad abbassarsi al livello nominale ...

    Tutto ciò avviene di continuo...la frequenza, peraltro, non oscilla più di mezzo Hz...

    L'ammontare complessivo delle perdite di distribuzione (a partire dai trasformatori di macchina fino alle cabine Mt e Bt) non eccede il 7% della potenza complessiva prodotta dai generatori , grazie anche all'incremento dell'energia disponibile a km zero (vicina al luogo di utilizzazione , quale energia eolica, da biomasse e da installazioni fotovoltaiche)

  • 6 anni fa

    Di solito viene bilanciata attentamente la produzione rispetto ai consumi, una sovrapproduzione significherebbe un sovraccarico delle linee con rischi di vari tipi di guasti.ed in questo caso verrebbe drasticamente troncata la produzione. Ci sono centrali elettriche di riserva di solito a Gas che operano proprio per compensare le variazioni dei consumi o nel caso del solare o dell' eolico di sovrapproduzione.

    Si utilizzano anche centrali di pompaggio per riempire di acqua bacini idroelettrici che verra poi riconvertita in corrente nei momenti di maggior consumo

    Una parte dell' energia immessa comunque va perduta in calore. ci sono perdite dovute sia all' impedenza dei cavi ( talvolta anche degli isolatori se bagnati dalla pioggia) che alla loro resistenza. I trasformatori inoltre presentano perdite anche per induttanza. Questa percentuale mi sembra che fosse nell' ordine del 6-7 %

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.