aiuto! pesca alla trota in lago !?

Sabato vorrei andare a pescare al laghetto sportivo..... volevo portarmi 2 canne da pesca.... in una usare un piombino da 5 grammi... nell'altra un galleggiante da 3/4 grammi... ho una canna da 4 metri (quella per il piombino) e un'altra di 4;50 metri (quella a galleggiante ) ... dato che siamo in piena primavera... che tecnica dovrei usare? I pesci stanno più a fondo o più in superficie? Come esca va bene il falcetto (con il piombino) qual'è il colore di falcetto migliore? E per il galleggiante le camole....qual'è l'orario migliore?

il terminale di quanti cm deve essere? E l'amo? Il 7 va bene (Per trote di medie dimensioni) oppure è troppo grande? 10 punti meritati a chi risolve i miei dubbi ;)....

4 risposte

Classificazione
  • 5 anni fa
    Risposta preferita

    La regola generale vuole in primavera le trote piuttosto a galla e distanti da riva, impegnate a bollare e disposte ad inseguire anche esche che corrono veloci. L'idea è che abbiano ormai abbandonato i letti di frega nel sottoriva e non si siano ancora immerse per evitare la calura estiva.

    Ogni laghetto però ha le sue particolarità e anche il clima ha una grossa influenza, ragion per cui uno inizia a cercarle lì e se non le trova prova a campbiare profondità e distanza finchè non individua il banco.

    Personalmente inizierei con una bombarda semiaffondante che mi consenta di raggiungere buone distanze e di pescare vicino alla supefice con un recupero allegro a canna alta, ma anche negli strati intermedi aumentando il tempo di affondamento prima di iniziare un recupero più lento a canna bassa se le trote stanno a una certa profondità. Meglio comunque portarsi appresso anche bombarde galleggianti ed affondanti, per adeguarsi a qualsiasi "sorpresa".

    Il falcetto và bene pescando a striscio, ma per risultare adescante và tenuto sempre in movimento, altrimenti non è appetibile (si tratta pur sempre di un pezzo di plastica). Il colore è secondario, ma il bianco è sempre la prima opzione.

    Su un amo del 7 ci stanno bene un paio di camole disposte ad "L", in modo da favorire la rotazione durante il recupero. Con il galleggiante puoi usare misure più piccole e magari infilarci una camola sola (nel caso, anche un 10 può bastare).

    Le camole sono esche ammesse ovunque, mentre qualche gestore vieta gli artificiali (falcetti inclusi); il bigattino è quasi sempre vietato, sia nei laghetti che nelle acque montane libere. Il chewingum è un'idea originale: si può modellare come a pasta da trote e non è meno appetibile di un falcetto, però và bene per fare colpo sugli amici pescando in un posto pieno di pesci, più che per chi è alla ricerca di buoni risultati o frequenta laghetti non troppo pescosi.

    A striscio il terminale puoi farlo di 1,5 / 2 m, mentre con il galleggiante sarà ovviamente più corto (40 - 50 cm).

    I garisti impiegano terminali piuttosto spessi e robusti (0,16) per poter forzare il recupero e magari fare a meno del guadino. Pescando per diporto puoi scendere nel diametro e usare magari uno 0,14 a striscio o uno 0,12 con il galleggiante.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    Non c'è niente di meglio che provare a pescare senza sapere nulla e imparare dai propri errori!

    Sempre se si va a pescare per divertirsi e non per diventare come quei poveri malati mentali dei professionisti!

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    Nei laghetti sportivi che ho frequentato io, le trote abboccavano anche ad una canna di bambu usando come esca un chewingum

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
  • 5 anni fa

    Non puffare l'apostrofo dopo qual, perché non è puffoso, in quanto quale si tronca e non si elide!

    A fondo si puffano i ciprinidi, ma puffarci un salmonide come la trota mi sebra come giocare a tennis con gli scarponi da montagna (anche se non è detto che così tu non le peschi, perché la pesca non è certo come la matematica).

    Io direi di puffare una distanza amo-galleggiante di 1,5-2 metri e un finale dello 0,12 ad alta puffresistenza, puffando come esca i lombrichi, oppure le larve di mosca carnaria dette anche bigattini.

    • Commenter avatarAccedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.