VOLONTARIO CRI?

Ciao, sono un ragazzo di 17 anni e sto valutando di entrare come volontario nella CRI, non sono però riuscito a capire bene come funziona l'organizzazione.

1) ci sono costi per i corsi oltre gli 8 euro all'anno?

2) a torino c'è un minimo di ore da fare?

3)Cosa posso fare prima e dopo dei 18 anni?

4) i corsi come sono strutturati?

5) ditemi pure quello che sapete ahah

grazie mille a chi risponde

1 risposta

Classificazione
  • 6 anni fa
    Risposta preferita

    ciao,

    premetto che la cosa migliore che puoi fare è informarti direttamente presso il Comitato della Croce Rossa Italiana dove saresti interessato a diventare Volontario, perché alcune direttive variano da regione a regione ma anche da comitato a comitato.

    in linea di massima:

    - se non ricordo male, all'atto dell'iscrizione si pagano 16 euro e non 8, perché questa è la quota per diventare soci della CRI. il rinnovo attuale per i soci attivi (cioè quelli che fanno attivamente volontariato, e non si limitano al solo sostegno finanziario) costa di norma 8 euro l'anno (nei prossimi anni è possibile un piccolo aumento, in quanto questo importo è invariato da anni).

    il Comitato organizzatore ha facoltà di decretare una quota leggermente superiore che comprende i costi di segreteria e quelli relativi al materiale didattico distribuito. si potrebbe arrivare a una trentina di euro in tutto, ma questo dipende appunto dal Comitato. dopo il corso formativo di base, i corsi successivi sono di norma gratuiti.

    se si partecipa a corsi avanzati, organizzati magari da un Comitato Provinciale o Regionale, è possibile che questo preveda una quota di iscrizione ma il volontario ha la possibilità di chiedere al proprio comitato di appartenenza di farsi carico del costo stesso.

    - sul minimo di ore da fare, questo dipende dalle direttive impartite dal Comitato di appartenenza e quindi non so risponderti (io faccio servizio nel Lazio). comunque il monte ore potrebbe dipendere anche dalla singola attività: ad esempio, se vuoi fare servizio in ambulanza sei tenuto magari a farne un minimo di tot all'anno.

    - dopo i 18 anni puoi fare di norma tutte le attività. prima dei 18 anni, non puoi fare attività come per esempio il servizio in ambulanza.

    qualche esempio di attività svolte dai Giovani della Croce Rossa Italiana (prima si parlava di Pionieri, che avevano attività "riservate" ai giovani, ora siamo tutti Volontari allo stesso modo e queste attività le possiamo fare tutti):

    * EducAzione alla Sicurezza Stradale

    * campagna IDEA (Igiene, Dieta ed Educazione Alimentare)

    * campagna Club 25 - promozione della donazione del sangue tra i giovani

    * campagna ABC - educazione alla conoscenza delle malattie trasmissibili sessualmente

    * attività di assistenza psico-sociale, anche con clownerie, negli ospedali, nelle case famiglia o in situazioni di emergenza

    * attività di supporto all'assistenza ospedaliera nei reparti pediatrici

    * assitenza a varie categorie di persone vulnerabili: anziani, persone disabili, migranti, famiglie in situazione di difficoltà economica, ecc.

    - altre attività che si possono certamente fare dopo i 18 anni:

    * servizio in ambulanza

    * attività in emergenza (nota anche come Protezione Civile): assistenza a manifestazioni, intervento in caso di alluvioni, terremoti, calamità in genere

    * attività formative: insegnamento delle tecniche di primo soccorso, manovre salvavita

    ci sono molte altre attività, ma dipendono dal territorio di competenza (per esempio le unità cinofile, il soccorso in acqua, il soccorso alpino, quello con mezzi e tecniche speciali... ovviamente dipende se nel tuo territorio queste cose si fanno).

    ogni attività ha il suo percorso formativo specifico; alcune sono disciplinate da protocolli nazionali, ma molte hanno delle specificità che dipendono dalla regione o dal comitato.

    la regola generale è che non ti troverai mai buttato allo sbaraglio in qualcosa che non sai affrontare. a volte si fa un corso, a volte si pratica un tirocinio dove si viene seguiti da un tutor, a volte c'è un esame finale, a volte tutte queste cose.

    in generale chi vuole veramente dedicarsi al volontariato in Croce Rossa ci riesce benissimo conciliando tutti i propri impegni di studio, lavoro e familiari. non ci sono vincoli che ti impediscano di andare a scuola o di lavorare (per esempio, non ci sono corsi che si tengono il lunedì mattina per intenderci).

    e sei tu a scegliere cosa fare, nessuno ti obbliga a dedicarti a un'attività per cui non sei portato.

    pensaci, informati, in bocca al lupo

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.