Olena
Lv 7
Olena ha chiesto in SaluteSalute - Altro · 5 anni fa

Siete salutisti? In che cosa si esprime il vostro desiderio di essere sani e perche' valorizzate la vostra salute...?

...per voi stessi o perche' dalle buone condizioni della vostra salute dipende il benessere dei vostri cari?

21 risposte

Classificazione
  • 5 anni fa
    Risposta preferita

    Non mi piace la parola "salutista" (forse perché i "salutisti" che conosco io sono dei monotematici ossessionati dalla cura di sé e della propria salute e soprattutto hanno la sgradevole tendenza a voler imporre agli altri le proprie idee e a ritenere che chi non ha il loro stile di vita sia un povero sciocco).

    Molto semplicemente, mi piace curare me stessa e la mia alimentazione, fare quel po' che è in mio potere per mantenere il più a lungo possibile la mia salute, ben sapendo che quel po' che posso fare è davvero molto poco. Non fumo, non bevo alcolici (non è un sacrificio, li detesto), non mangio cibi particolarmente pesanti per la stessa ragione per cui non bevo alcolici: mi disgustano.

    Non vado in palestra da anni (facevo danza), ma amo passeggiare per ore, mi sembra di non stancarmi mai. Non prendo quasi mai medicine, ma quando devo prenderle non faccio storie, non cerco rimedi naturali alternativi che su di me hanno lo stesso effetto dell'acqua fresca.

    Sono molto attenta al mio peso e spero di non lasciarmi mai andare.

    Alla tua ultima domanda rispondo senza esitazioni: lo faccio solo per me stessa (non mi aveva neppure mai sfiorato il pensiero di farlo per qualcun altro).

    Ricordo (devo essere ancora impregnata della cultura cattolica in cui sono cresciuta) che in una Lettera ai Corinzi è scritto che il nostro corpo è tempio dello Spirito Santo. Anche se non lo considero tempio dello Spirito Santo, lo considero tempio, "forma", di ciò che sono io, e lo rispetto e amo per questa ragione.

  • 5 anni fa

    Mio nonno diceva "Voglio morire logoro, non sano...pensa quanto mi scoccerebbe morire 'sano'!".

    Ora, al di là del paradosso e dell'iperbole, il senso non è poi tanto sbagliato.

    Anzi.

    Proprio quest'anno ho conosciuto una persona, un collega di lavoro, che è diventato, per una serie di circostanze lunghe e tediose da raccontare, anche un caro amico il quale non ha mai conosciuto in vita sua la parola 'vizio' nè, tantomeno, la parola 'eccesso': non ha mai bevuto alcolici, non ha mai fumato, non ha mai assunto alcuna forma di droga. Ha sempre condotto una vita morigerata e controllata. E' credente praticante e dedica il suo tempo alla famiglia e al suo lavoro che ama, giusto per chiudere il quadro in bellezza.

    Anzi no: ha 37 anni e sta morendo di cancro.

    Queste cose fanno indubbiamente riflettere e ci interrogano sul senso del 'tempo' e il suo impiego più che sulla 'salute' e la sua conservazione.

    Capisco anche che, in questi casi, è veramente difficile esprimersi con equilibrio senza scavallare nella retorica.

    E non sto sottintendendo nè suggerendo che sarebbe preferibile vivere nella dissolutezza piuttosto che nella ricerca della salute ad ogni costo.

    Voglio dire che, con buon senso ed equilibrio, si dovrebbe tentare unicamente di star bene con noi stessi nel tempo che ci è concesso, senza rinunciare per questo alla tentazione di trasgredire alcune regole a tutela della 'buona salute', perchè, per quanto mi riguarda, quello che mi fa 'stare bene' molto spesso non coincide con quello che mi fa 'stare in salute'.

    Fumo ed è un'idiozia; bevo il giusto perchè mi piace; mangio benissimo, con molta consapevolezza di quello che sto mangiando ed è per puro edonismo che lo faccio, non per la ricerca della salute: il cibo meno sano è fatalmente anche meno buono; vado a correre tutti i giorni o quasi (quando non lo faccio è perchè passeggio per ore, per giornate intere, senza accusare la minima stanchezza); mi fa schifo anche solo l'idea di 'droga'; amo e ho un bel po' di animali, che sono una cura naturale potentissima. E tanto basta.

  • Anonimo
    5 anni fa

    Perché amo me stessa, il mio corpo, la mia salute mentale e fisica. E se io sto bene, ho anche una buona influenza anche su chi mi ama, e mi sta vicino. ;-)

  • Vavax
    Lv 7
    5 anni fa

    Fumo molto, vorrei, ma in realtà è una storiella che mi racconto per togliermi sensi di colpa logoranti, ma non ci riesco.

    Mia madre, maledetta :), mi dice sempre (due o tre volte al giorno di sicuro) pensa al tuo "bambino"...

    ...e pure tu! :))

  • Che ne pensi delle risposte? Puoi accedere per votare la risposta.
  • 5 anni fa

    Si! Riordino i pensieri, spolvero le emozioni, spazzo dietro la rabbia, chiacchiero con la tristesse, chatto con il fumo di sigaretta, corro tra le dimenticanze e, insomma sì, rifaccio il letto alla follia tutte le mattine.

    Salto-ballo-rido-e fumo-peso poco-friggo anche di meno.

  • Anonimo
    5 anni fa

    Curo l alimentazione ; mangio sano, molta frutta e verdura ,poca carne ,non bevo ,evito dolci e fritti,né fumo, pratico la giusta attività fisica per mantenermi in forma e stare bene con me stessa. Non potrei fare altrimenti .Se questo vuol dire essere salutista allora lo sono

  • Anonimo
    5 anni fa

    Io mi sento salutista mangiando la giusta dose di proteine e carboidrati. Non sono un accanito bevitore (meno male) e nemmeno un assiduo fumatore (anzi non fumo proprio). Per me la salute inizia da una dieta equilibrata, cercando di assumere una dose consueta di cibo. NON SERVE FARE LA FAME E SPAVENTARE LE PERSONE CON DELLE FOTO PELLE E OSSA.. La salute comincia mangiando. Quando faccio palestra mi limito a fare degli esercizi per rimanere in forma, e non ho alcuna aspirazione a diventare come un pallone aerostatico. LA SALUTE SI HA ANCHE RISPETTANDO IL NOSTRO CORPO SENZA FORZARLO IN MANIERA ARTIFICIALE AD ESSERE COME BIG JIM!! Io valorizzo la mia salute perché voglio stare bene con me stesso, e non mi interessa il giudizio delle altre persone.

  • Anonimo
    5 anni fa

    va e viene quel desiderio sulla base del sentirmi in sintonia con me stessa e poiché sono svincolata da una regola indotta, l'acqua invece è la mia costante, berne tanta, tantissima, ed essa è la mia compagna fedele che potrei riassumere in desiderio : Prima e dopo e durante le variabili.

  • 5 anni fa

    Perchè non voglio contribuire ad affosarmi a quello ci pensano già gli "amici"

  • Serena
    Lv 7
    5 anni fa

    Ahimè, temo di non esserlo salutista ;)))

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.