Anonimo
Anonimo ha chiesto in Politica e governoPolitica e governo - Altro · 4 anni fa

Perchè c'è tutto questo clamore intorno ai "furbetti" (e parassiti) statali?

Sono più di 70 anni che questi campano sulle spalle dei privati, fanno una vita senza troppi problemi: sia che facciano il loro lavoro che no, a fine mese il loro bel stipendio lo prendono comunque: siete mai stati dai sindacati, ad esempio?

Soprattutto al sud, dove l'unico lavoro che conoscono è quello statale.

Cosa se ne fa il sud di 50 mila forestali solo tra calabria e sicilia (il canada ne ha appena 5000)? Che danno fuoco ai quattro alberi che hanno per prenderne altri? Il privato perchè non lavora si impicca perchè strozzato dai debiti e non ce la fa ad arrivare a fine mese o a mantenere la famiglia mentre c'è chi timbra e va a fare gli hobby propri. Ma io, a differenza di molti, non mi scandalizzo solo ora perchè hanno mostrato dei rifiuti che timbrano in mutande.

Lo ripeto, ci vorrebbe un bel licenziamento di massa come fecero la Thatcher e Cameron, ma si sa qui i dipendenti pubblici favoriscono lo status quo.

3 risposte

Classificazione
  • 4 anni fa
    Migliore risposta

    il clamore da te denunciato io lo trovo troppo silenzioso, inefficiente e scarso. Si dovrebbe arrivare al licenziamento in tronco e i Sindacati complici di queste situazioni dovrebbero subire la stessa sorte.

    Come sradicare questo malcostume non lo so proprio. La mentalità italiana copre e giustifica sempre questi personaggi e ci vedo anche un filo di invidia verso questi furbetti che si sono scavati la loro nicchia e vivono un'esistenza parassitaria senza battere ciglio.

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • Il governo e i sindacati, sono complici diretti, perché POSSONO fare, ma NON fanno -

    • Accedi per rispondere alle risposte
  • 4 anni fa

    dovremmo sparar loro nelle chiappe con carabine ad aria compressa e pallini di acciaio rovente!

    • Accedi per rispondere alle risposte
Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.