peppe ha chiesto in Arte e culturaPoesia · 5 anni fa

ciao chi sa dirmi la parafrasi e le figure retoriche della poesia tanto gentile e tanto onesta pare di dante?

1 risposta

Classificazione
  • Anonimo
    5 anni fa

    Parafrasi:

    Tanto nobile e tanto dignitosa si manifesta in modo evidente

    la padrona del mio cuore quando saluta la gente,

    chiunque riceva il suo saluto è colto da un profondo turbamento,

    e non osa alzare gli occhi per guardare.

    Lei avanza sentendosi lodare,

    con un attegiamento dolce rivestita di umiltà;

    e si manifesta come una creatura discesa

    dal cielo sulla terra per mostrare un miracolo.

    Si mostra così bella a chi la guarda,

    che infonde attraverso gli occhi un sentimento di dolcezza al cuore,

    che non può comprendere chi non la sperimenta direttamente;

    E pare che dal suo volto si effonda

    uno spirito pieno d'amore,

    che si intrufola nell'anima.

    Figure retoriche:

    Endiadi:” vv 1-2: “Tanto gentile e tanto onesta pare”

    Iperboli: vv .3-4-: ”ch’ogne lingua deven tremando muta,(da considerarsi come una metafora iperbolica)/e li occhi no l’ardiscon di guardare.”

    Metafora: v. 6: “d’umiltà vestuta”

    Similitudine: vv .7-8: “e par che sia una cosa venuta/da cielo in terra a miracol mostrare”

    Allitterazioni: vv.1-2; 8-9 : “Tanto gentile e tanto onesta pare/la donna mia quand’ella altrui saluta“; “da cielo in terra a miracol mostrare./Mostrasi sì piacente a chi la mira,”

    Sineddoche: v. 12: “ labbia” per intendere “volto”

    Enjambements: vv. 1-2; 7-8; 12-13

Altre domande? Fai una domanda e ottieni le risposte che cerchi.